Pokemon Go

Pokémon Go è la mania del momento, chi non ne parla? Tra i vari settori in cui la nuova App, lanciata dalla Nintendo per smartphone, sta lasciando il segno compare inaspettatamente anche quello immobiliare.

Stando, infatti, a quanto diffuso da alcuni agenti immobiliari i prezzi degli immobili potrebbero subire un notevole incremento proprio grazie alla presenza di un Pokémon all’interno dello stabile.

Pokemon Go: una svolta per il mercato immobiliare?

Alcuni proprietari di immobili, in realtà, sono rimasti interdetti per via della presenza di decine di Poke-zombie nel proprio stabile, tant’è che sono state diverse le richieste di rimozione della rispettiva posizione reale dal cosiddetto Poke-verse.


Tuttavia sono in tanti, sia tra i proprietari di immobili che tra gli agenti immobiliari, che hanno accolto con favore il nuovo gioco, traendo beneficio proprio dalla presenza di un PokeStop per  vendere l’immobile più velocemente e a un miglior prezzo.

Pokémon Go: quali ripercussioni sta avendo in Italia?

A partire dal 15 luglio Pokémon Go è disponibile anche in Italia. Il gioco permette di giocare ai Pokémon sfruttando la realtà aumentata, cioè utilizzando la geolocalizzazione e la propria fotocamera per trovare e catturare i Pokémon nel mondo vero.

Secondo alcuni si tratta di una vera e propria rivoluzione strategica che investirà non soltanto il settore videoludico, ma anche quello aziendale e immobiliare. Un annuncio immobiliare esposto per un immobile sito al 222 di Charles Street a Townsville Cranbrook, nello stato di Queensland in Australia, recitava infatti proprio così: “Basta attraversare la strada per trovare un enorme parco con attrezzature sportive, e abbiamo scoperto che vi è anche qualche raro Pokémon“.

A gestire la vendita della casa in  Charles Street è Rob Levy dell’agenzia RE/MAX in Townsville secondo il quale le location virtuali del gioco Pokémon Go possono “assolutamente” influire positivamente sul prezzo di vendita o di affitto di un immobile.

Come dichiarato dallo stesso Levy: “Specialmente tra i giovani under 35 anni alla ricerca della loro prima casa. Townsville è una piccola città con un’altissima offerta di case in vendita. Attualmente sono circa 4mila gli immobili sul mercato. Quando hai la possibilità di scegliere tra 300 case identiche, perché non sceglierne una vicino a un PokeStop?

L’agente immobiliare ha anche raccontato che in Townsville è nata una community locale su Facebook dedicata al gioco Pokémon Go che conta già più di 3.500 membri. Da qui è partita l’idea, volta ad incrementare il suo business, di inserire nell’annuncio immobiliare dell’immobile di Charles Street indicazioni riguardanti la presenza di Pokémon, e adesso il suo portfolio immobiliare propone altri 4 immobili dove è possibile ‘catturare’ dei Pokémon.


CONDIVIDI
Articolo precedenteAgenzia delle Entrate: le assurdità continuano…come fermarle?
Articolo successivoCanone Rai, come difendersi dagli addebiti non dovuti? Come funziona l’autotutela

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here