730 precompilato

È partito questo lunedì 11 luglio il servizio di assistenza gratuita per l’invio della dichiarazione precompilata all’Agenzia delle Entrate.

Per approfondire si consiglia lo speciale su 730 precompilato: guida alla compilazione

L’assistenza è ora disponibile presso gli uffici territoriali dell’Agenzia dotati di postazione self-service, presenti in diverse città (e non solo nei capoluoghi di provincia) di tutte le venti regioni italiane.


Clicca qui per sapere di più sul modello 730 precompilato

I nuovi servizi disponibili per i contribuenti

L’Agenzia delle Entrate cerca dunque di semplificare ulteriormente l’invio della dichiarazione dei redditi e di rendere chiaro a tutti il funzionamento dei nuovi moduli precompilati. Come si può leggere sul sito internet dell’Agenzia, dall’11 luglio “sono attive le postazioni di lavoro self-service” che forniscono “ai cittadini assistenza nell’invio della dichiarazione precompilata”.

Tale sistema, si legge, “si aggiunge alle tradizionali forme di assistenza”. Per accede al servizio di assistenza è necessario, ovviamente, essere in possesso delle proprie credenziali.

Come accedere online alla dichiarazione precompilata?

Ricordiamo che ci sono 5 modi per accedere online alla dichiarazione precompilata: tramite il sito dell’Agenzia delle Entrate (e quindi con l’apposito codice d’accesso), con il pin dell’INPS, tramite Smart Card e Carta Nazionale dei Servizi, con le credenziali NOIPA e con nome utente e password SPID.

Si consiglia il seguente volume:

MODELLO 730

MODELLO 730

Armando Roncher, 2016, Maggioli Editore

La collana dichiarazioni fiscali si propone come:guida pratica alla redazione dei modelli dichiarativi e degli adempimenti ad essi connessi (versamenti, invii telematici, integrazioni, ravvedimenti ecc.) indispensabile strumento di aggiornamento in relazione a novità normative,...



La dichiarazione precompilata e le scadenze 2016

La dichiarazione dei redditi precompilata è stata introdotta dal cosiddetto Decreto legislativo semplificazioni fiscali (D.Lgs. n. 175/2014), ed è stata utilizzata per la prima volta nel 2015. Il sistema prevede che i contribuenti possano prima visualizzare il modello 730 precompilato, e successivamente decidere se inviare il modello così com’è o modificare e integrare la dichiarazione con nuove informazioni.

Per il 2016, l’Agenzia delle Entrate ha reso disponibili sul proprio sito internet i modelli precompilati venerdì 15 aprile. Due settimane dopo, a partire dal 2 maggio, i contribuenti hanno quindi avuto la possibilità di modificare o integrare le dichiarazioni dei redditi. Come annunciato successivamente dall’Agenzia, il termine per la consegna del modello 730 precompilato è venerdì 22 luglio. Tale termine vale sia per coloro che seguono direttamente la procedura di self service sia per chi decida di rivolgersi a un sostituto d’imposta.

Un sistema, dunque, che sembra riuscire nell’intento di rendere accessibili e comprensibili a tutti i contribuenti i modelli per la dichiarazione dei redditi, sia per la consultazione via Internet che in caso di visita agli sportelli presso gli uffici sul territorio.

Per maggiori informazioni è sempre possibile visitare il sito dedicato interamente alla dichiarazione precompilata, https://infoprecompilata.agenziaentrate.gov.it.


CONDIVIDI
Articolo precedenteRevoca patente anche per semplice tamponamento? Ecco cosa si rischia
Articolo successivoSpiagge: la durata delle concessioni demaniali? Nessuna proroga per la Corte UE

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here