esame maturità 2016 seconda prova

Concluso il primo scritto di Italiano, oggi va in scena la seconda prova della maturità 2016.

Come di consueto, e differentemente rispetto alla prima prova uguale per tutti gli indirizzi, oggi è una giornata specifica a seconda della scuola.

I 503.452 maturandi, a poche ore dall’inizio della seconda tranche d’esame, sono in attesa di conoscere il tenore delle seconde prove.


Segui qui gli aggiornamenti in tempo reale

Maturità 2016, seconda prova: come si svolge?

La prova inizia, come d’abitudine, alle 8:30 e la durata è variabile a seconda dell’Istituto in cui si svolge. Di norma, come per la prova di Italiano, la durata massima è di 6 ore, varianti per i Licei Classico ed Artistico. Il tempo a disposizione per gli studenti è comunque precisato a margine della traccia.

Quest’ultima varia in base ovviamente agli specifici indirizzi di studio.

Si riportano di seguito le materie proposte ai candidati nel secondo scritto all’esame di maturità 2016.

[amazon kw= “Fitbit Charge HR”]

Seconda prova 2016: ecco le materie suddivise scuola per scuola

Licei

Liceo Classico: versione di greco: Isocrate è l’autore e il brano è tratto dall’opera Panegirico. Il titolo della versione è”Isocrate esorta i suoi cittadini a non cadere nelle trappola dell’ingiustizia: chi viola le norme si illude di trarne un vantaggio immediato, ma alla lunga finisce in rovina. I comportamenti rispettosi della virtù, nono solo sono il fondamento di una vita sociale eticamente corretta, ma portano vantaggi indubbi anche sul piano politico ed economico”. L’opera è “Sulla Pace” paragrafi 34-35-36, scritta nel 355 a.C.

Liceo Scientifico: matematica. I Problemi sono:
– calcolo dei volumi di un recipiente,
– argomenti di geometria analitica o analisi,
– calcolo probabilità, tra cui un problema legato agli scacchi,
– funzione continua e derivabile da 0 a infinito in R e di cui sono indicati alcuni punti significativi sull’asse cartesiano.

Liceo Linguistico: comprensione e interpretazione di un testo nella lingua, a seconda di quella principale studiata durante il ciclo di studi. E’ stata proposta l’analisi testo dal brano di Desmond Morris dall’opera “Manwatching. A Field Guide to Human Behaviour”.

Liceo Artistico: discipline artistiche e progettuali. Gli studenti devono “realizzare il progetto di un prodotto di arredo o ludico per un asilo dai 3 ai 5 anni. Per l’indirizzo architettura: i ragazzi devono progettare una palestra rispettando il verde presente nell’area e l’ambiente circostante. Per l’indirizzo figurativo: il lavoro da produrre dovrà essere ispirato al dadaismo”.

Liceo Scienze Umane: per l’indirizzo ordinario il tema propone una traccia su “alfabetizzazione culturale secondo il pensiero dello psicologo Jerome Bruner e il concetto di democrazia secondo il filosofo John Dewey”. Per l’opzione economico sociale è stata proposta dal MIUR una traccia di Diritto ed economia politica, la prova verte su confronto tra sistemi scolastici europei.

Liceo Musicale e coreutico: vi è una traccia di Teoria analisi e composizione; i maturandi della sezione coreutica, invece, sono chiamati a superare un esame di Tecniche della danza.

[amazon kw= “Asus VivoWatch”]

Istituti tecnici

Istituto Tecnico Amministrazione Finanza e marketing (vecchia Ragioneria): vi sono tracce specifiche per ciascuno degli indirizzi, e cioè Sistemi Informativi Aziendali e Relazioni internazionali per il Marketing. Per l’indirizzo economico partendo da un testo di Meuccio Ruini agli studenti si chiede di affrontare la questione della funzione della scuola pubblica e paritaria.

Per Economia aziendale la prova chiede di redigere un budget e presentare lo stato patrimoniale nonché economico di una società che lavora nel campo della meccanica ad alta precisione.

Istituto Tecnico Trasporti e Logistica: gli studenti devono scegliere una prima parte in maniera completa più un quesito fra quelli presenti nella seconda parte.

Istituto Tecnico Informatica e Telecomunicazioni: prova in Sistemi e Reti per ambedue le articolazioni, suddivise in una prima parte da svolgere interamente ed in una seconda con i vari quesiti. La traccia riguarda la “realizzazione di una connessione a Internet in una scuola con mille studenti, ospitata in un edificio su due piani”.

Istituto Tecnico Meccanica, Meccatronica ed Energia: si articola nelle divisioni di Energia e Meccanica e Meccatronica con le opzioni di tecnologie delle materie plastiche e Tecnologie dell’occhiale.

Istituto Tecnico Elettronica ed Elettrotecnica: traccia di Elettronica ed Elettrotecnica per le articolazioni di Elettronica ed Elettrotecnica, traccia di Sistemi Automatici invece per l’indirizzo Automazione. La prova affronta la variazione di frequenza di un segnale sinusoidale.

Istituto Tecnico per il Turismo: Discipline turistiche e aziendali anche in questo caso articolate nella prima parte integrale e in quella a quesiti.

Istituto Tecnico Grafica e comunicazioni: prova in progettazione e multimediale per chi frequenta l’indirizzo di studi ordinario, mentre la prova in Impianti di cartiera e disegno per chi frequenta l’indirizzo tecnologie cartiarie.

Istituto Tecnico Sistema Moda: sono richieste competenze specifiche per  svolgere la traccia della seconda prova.

Istituto Tecnico chimica, Materiali e Biotecnologie: sono 4 le divisioni in base al relativi indirizzi e cioè Chimica e Materiali (opzione Tecnologie del cuoio); Chimica e Materiali (opzione generica); Biotecnologie sanitarie ed ambientali.

Istituto Tecnico Agraria e Agroindustria: sono  3 le divisioni e rispettivamente la traccia di Economia, estimo, marketing e legislazione per l’indirizzo Produzioni e Trasformazioni; quella per Gestione  dell’ambiente e territorio è omonima rispetto all’indirizzo scelto; quella di Viticoltura e difesa della vite per l’articolazione Viticoltura ed enologia.

Istituto Tecnico Chimica, Materiali e Biotecnologie: le tracce divergono a seconda del percorso di studio, cioè Chimica e materiali, Chimica e materiali opzione Tecnologie del cuoio, Biotecnologie ambientali e Biotecnologie sanitarie.

Istituto Tecnico Costruzioni, Ambiente e Territorio: la prova è incentrata su realizzare una sorta per youtubers.

Segui gli aggiornamenti in tempo reale

Istituti professionali

Istituto Professionale dei Servizi per l’Agricoltura e lo Sviluppo rurale: prova divisa in Valorizzazione commercializzazione dei prodotti agricoli del territorio e Gestione risorse forestali e montane.

Istituto Professionale dei Servizi Socio-Sanitari: le tracce sono su Igiene  e cultura  medico-sanitaria; Discipline sanitarie (anatomia, fisiopatologia oculare e igiene) per l’opzione Ottico; Scienze dei materiali dentali e di laboratorio per l’opzione Odontotecnico.

Istituto Professionale dei Servizi Commerciali: la prima parte verte su Tecniche professionali dei servizi commerciali mentre quella per l’indirizzo Promozione Commerciale e Pubblicitaria su Tecniche Professionali dei servizi commerciali pubblicitari.

Istituto Professionale per l’Enogastronomia e l’Ospitalità Alberghiera: le tracce sono Scienza e Cultura dell’Alimentazione per l’indirizzo Enogastronomia e Servizi di sala e vendita; Scienza e Cultura dell’Alimentazione, analisi e controlli microbiologici dei prodotti alimentari per Prodotti dolciari artigianali e industriali; Diritto e Tecniche amministrative della struttura ricettiva per l’opzione Accoglienza Turistica.

La traccia è di scienze e cultura dell’alimentazione e chiede di: “sviluppare un tema sul modo corretto di alimentarsi tenendo presente la ‘piramide della dieta mediterranea moderna”.

Istituto Professionale in Produzioni Industriali e Artigianali: per l’indirizzo Arredi e forniture di interni la prova è su tecniche  di produzione  organizzazione; per Produzioni audiovisive la traccia è su Linguaggi e tecniche  della progettazione e comunicazione audiovisiva; per Artigianato la prova verte su Progettazione e realizzazione del prodotto, suddiviso in Progettazione tessile (abbigliamento, moda, costume) per l’opzione  Produzioni tessili  sartoriali  e Progettazione  e realizzazione  del prodotto per  l’articolazione Produzioni artigianali del territorio.

Istituto Professionale Manutenzione e Assistenza Tecnica: la traccia della seconda prova verte su situazioni operative della filiera industriale o artigianale d’interesse.


CONDIVIDI
Articolo precedenteBrexit, domani si vota. Quali ripercussioni se la Gran Bretagna uscisse dalla UE?
Articolo successivoCodice Appalti: Linee Guida ANAC su affidamento servizi e assegnazione gare. I testi definitivi

1 COOMENTO

  1. … ma chi ha proposto questa prova d’esame sa che bambine/i dai 3 ai 5 anni frequentano la scuola dell’infanzia e non l’asilo? L’asilo (ovvero il nido) vede iscritti e frequentanti bambine/i piu’ piccole/i… Non e’ una questione di forma.. ma di sostanza Esami di Maturita’ 23 giugno 2016 M617 – ESAME DI STATO DI ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE Indirizzo: LID9 – DESIGN CURVATURA INDUSTRIA Tema di: DISCIPLINE PROGETTUALI DESIGN (INDUSTRIA) L’interazione oggetti-campo è dunque l’azione reciproca che l’oggetto esercita sull’ambito in cui è inserito e che l’ambiente esercita a sua volta sugli oggetti. Ne deriva la modificazione dei limiti spaziali del campo, sulla base di una nuova struttura, la struttura dell’interazione. … Il candidato, sulla base della suddetta premessa e delle metodologie progettuali e laboratoriali proprie dell’indirizzo di studi frequentato e delle esperienze effettuate, progetti un prodotto, di arredo o ludico, per un asilo per bambini dai 3 ai 5 anni, utilizzabile in piena autonomia e senza pericolo, colorato ed empatico, flessibile nella funzione, eco-sostenibile e in grado di soddisfare i criteri di replicabilità e serialità industriale. Texture, colore e materiale saranno uniti e dialoganti per un prodotto originale, dalla concezione non stereotipata, coerente con l’obiettivo. http://www.istruzione.it/esame_di_stato/201516/Licei/Ordinaria/M617_ORD16.pdf

    L’attuale scuola dell’infanzia trova le sue origini negli enti assistenzialistici promossi dagli Ordini religiosi, dai Comuni o dai privati. Nel regio decreto n. 1054 del 6 maggio 1923, art. 57, viene menzionata l’esistenza dei giardini d’infanzia o case dei bambini, che devono essere annesse agli istituti magistrali, ma la gestione non è del tutto statale. Bisogna attendere fino al 1968, quando con la legge 444 viene istituita la scuola materna, con organizzazione statale e con la pubblicazione degli Orientamenti per scuola materna (1969) che la uniformano a livello nazionale. Nel 1991 sono stati pubblicati i Nuovi orientamenti. La denominazione “Scuola dell’infanzia” è stata introdotta dagli Orientamenti del 1991 in sostituzione della dicitura “scuola materna”, inserendola, in questo modo, a pieno titolo, nel sistema educativo. La durata della scuola dell’infanzia è di 3 anni, come già nei precedenti ordinamenti (per approfondire vedi: storia della scuola italiana).

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here