pensione anticipata

Le ultime ipotesi sul piano di flessibilità in uscita delle pensioni a cui stanno lavorando i tecnici di Palazzo Chigi, sotto la guida del sottosegretario alla Presidenza, Tommaso Nannicini, sono principalmente 2.

PER APPROFONDIRE SI CONSIGLIA LO

SPECIALE SU RIFORMA PENSIONI 2016: TUTTE LE ULTIME NOVITÀ

PENSIONE ANTICIPATA: LE PROPOSTE IN DIRITTURA D’ARRIVO?


1) Da un lato, spunta l’ipotesi di prevedere penalizzazioni medie delle pensioni del 3-4% l’anno per chi ha più di 63 anni, da misurare in base al numero di anni in cui si anticipa l’uscita dal mondo del lavoro oltre che all’entità dell’assegno percepibile una volta che si raggiunge la soglia per la pensione di vecchiaia.

A ciò si lega la previsione di trattamenti anticipati, per un arco temporale non superiore a 3 anni, grazie ad un meccanismo basato sul cosiddetto “prestito”, garantito da intermediari finanziari, quindi banche e assicurazioni, dietro una “mini” garanzia pubblica (esclusivamente per chi ha una bassa soglia di reddito pensionistico).

2) Dall’altro lato, il premier Renzi è tornato a parlare anche dell’ipotesi di allargare il bonus degli 80 euro alla platea dei pensionati. “Questa è una delle misure che stiamo studiando. – ha affermato il Presidente del Consiglio – Stiamo discutendo di quale fasce andare a prendere. Ci sono le minime che oggi prendono davvero pochissimo”.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE LO

SPECIALE SU PENSIONE ANTICIPATA NEL 2016: COME FARE

RIFORMA PENSIONI: OGGI PRIMO INCONTRO CON I SINDACATI

Leggi anche: Riforma Pensioni news, ecco le proposte del Governo. Cosa chiedono i Sindacati

Sono questi i macro temi-caldi sulla Riforma delle Pensioni che saranno al centro dell’incontro che si svolgerà oggi tra il ministro del Lavoro Giuliano Poletti, il sottosegretario Nannicini e i sindacati.

Questi temi dovrebbero, infatti, essere inseriti nella legge di Stabilità per il 2017. In merito alla riforma pensionistica le tre sigle sindacali (CGIL-CISL e UIL) “hanno proposto una loro piattaforma” ha affermato Poletti secondo cui è necessario inserire un meccanismo di flessibilità in uscita nella prossima manovra finanziaria, mantenendo comunque l’equilibrio economico.

In sostanza, quello che si vuole ottenere con il nuovo intervento non deve essere né eccessivamente oneroso per le casse dello Stato né precludere la sostenibilità previdenziale garantita dalla legge Fornero, alquanto sostenuta nel contesto europeo. Non a caso, ieri lo stesso Fondo Monetario Internazionale (Fmi) ha comunicato l’importanza di “non compromettere la sostenibilità del sistema pensionistico”.

L’intera misura dovrebbe costare non oltre il miliardo di euro, a cui verrebbero poi a sommarsi dai 600 agli 1,2 miliardi richiesti per prevedere l’ampliamento del bonus degli 80 euro ad alcune categorie di pensionati. Nonostante le proposte, in materia di riforma pensionistica e flessibilità sono ancora molti i punti da chiarire. Bisogna vedere se l’incontro con i sindacati di oggi ne riuscirà a risolvere almeno qualcuno.


CONDIVIDI
Articolo precedenteConcorso Pubblico Carabinieri: come candidarsi. Tutto su domande e prove d’esame
Articolo successivoAvvocati: arriva il Nuovo Bonus 2016. Che cos’è e come ottenerlo

16 COMMENTI

  1. Scusate ma basta parlare, credo sia ora e opportuno che qualcuno faccia fatti.
    L’Italia è alla deriva, gli italiani alla fame (escluso ovviamente l’1% che detiene la ricchezza del restante 99% della popolazione.)
    Mi spiace dirlo e anche solo pensarlo ma ritengo che così come stanno le cose solo una rivoluzione vera può tirarci fuori, via tutti i politici e tutti i partiti (si fa un gran parlare di ridurre parlamentari ed altro, intanto i partiti aumentano ed i volta gabbana non vanno a casa ma fanno un nuovo partito o peggio ancora cambiano bandiera, l’impotante è non perdere la poltrona).Per non parlare dei sindacati e dei sindacalisti!!
    Destra/sinistra/centro/estremisti: tutti uguali
    Va be’ ci sarebbe da scrivere un intero trattato, basta così, chi vuol intendere intenda.
    Credo che tutti abbiano una testa pensante per capire che così non si va da nessuna parte e le chiacchiere del bar non fanno frittelle.

  2. Chi fa le leggi sicuramente sono persone istruite, ma è possibile che, non riescono a capire un problema serissimo e spiego: persone che superano i 40 anni non possono fare né concorsi nessuno gli vuole assumere per le care tasse, che dobbiamo fare. Questa risposta la vorrei dal Signor. Presidente del Consiglio Renzi che dice di stare con le persone più deboli. Penso che sono stato educato con le parole
    grazie.

  3. Io avvocato iscritto da quasi 10 anni cosa succede se decido di cancellarmi x 18 mesi e fare un esperienza lavorativa all estero qualcuno mi sa rispondere . Grazie

  4. Caro Renzi,
    avevo un’altra considerazione della Sua persona in quanto volto nuovo della politica, ma mi sono tirato subito indietro ricredendomi nel momento in cui ho rivisto in Lei, niente più niente meno che un politico dal doppio volto. In altre parole mentre prometti (a chiacchiere ) tagli sul serio, vedi gli 80 € la relativa tassazione in busta. Se proprio vuoi salvare l’Italia che tanto ti sta a cuore, metti le mani nelle tasche dei politici e taglia i diritti acquisti e vitalizi. ( Mi chiedo ma che mestiere è fare il politico per meritarsi tanti soldi). In cuor Tuo sai che lo puoi fare basta volerlo, visto che sei esperto nelle fiducie parlamentari. Se la politica non te lo permette proponi un referendum abrogativo e noi italiani saremo con Te, altrimenti a ottobre saremo contro di Te. Ricordati che hai contro tutti i docenti della scuola per via di una riforma non condivida dagli insegnanti, tranne che qualche dirigente a cui hai accentrato potere e competenze senza averne le capacità professionali e didattiche. Al mio paese i genitori forniscono ai figli risme di carta, carta igienica ed altro materiale didattico.

  5. attenti i sindacati è da un po’ che non si siedono al tavolo con il governo per discutere di lavoro e di futuro del paese
    forse non tutti hanno partecipato agli scioperi per i contratti e contro tutte quelle misure di disuguaglianze discriminazioni e divisioni.
    gira un referendum sulla presentazione del progetto di legge per il nuovo statuto dei lavoratori avete firmato…vi siete informati
    senza l’azione sindacale a tutela dei diritti mi pare difficile pensare che possiamo farcela con questa classe politica
    grazie per l’attenzione

  6. Premetto che ero di sinistra, adesso non più perché non condivido la politica messa in campo da Renzi che rifiuta il confronto parlamentare andando avanti a botta di fiducia. Renzi sei la feccia della politica. Scendi dal piedistallo e vai alle periferie a visitare la gente che vive senza lavoro o con lavoro precario, gente esodata che non può accedere al pensionamento, gente che si vede derubata dei diritti acquisiti e non può andare in pensione per via della legge che porta il nome di una Sig.ra che chissa quanti italiani la vorrebbero all’altro mondo. Un vero politico ( a meno che ti ritieni un tecnico prestato alla politica ) non dovrebbe avere paura di confrontarsi né in parlamento né alle elezioni; per cui di consiglio che se hai gli attributi dimettiti e accetta il confronto. Siamo stufi ( io e la mia famiglia) delle chiacchiere e soldi che regali agli italiani (salvo poi restituirli in una botta) del tuo fare politica di accentratore di incarichi (sia di partito che premier). Ti anticipo che a ottobre ci ricorderemo de Sig. Renzi & C.

  7. Caro Renzi,
    attua la flessibiltà in uscita dal mondo del lavoro a 62 anni con minimo 34 anni di contribuzione e senza alcuna penalizzazione, altrimenti ad Ottobre ci ricorderemo di te e andrai a casa insieme a tutto il tuo esecutivo. Le risorse le puoi reperire eliminando tutti i vitalizi ai politici, le auto blu etc etc etc etc etc.

  8. A volte mi chiedo? a cosa sono servite tutte quelle vite umane sacrificate in guerra per liberarci dai dittatori quando oggi li eleggiamo e ora di rispettare tutte quelle vite bruciate per nulla .VERGOGNAMOCI

  9. Il governo ha sempre ragione buttare soldi a destra e a manca pochi che mettendoli assieme fanno tanto, si sono riuniti con i sindacati che sono contenti di essersi seduti con il governo i diritti di chi ha lavorato e non ha raggiunto in tempo il massimo che loro dittatori hanno deciso. W l Italia

  10. Dove erano i sindacati quando si approvava la legge Fornero…..tutti a casa tranquilli e beati
    oggi si incontreranno o si sono incontrati con il ministro del Lavoro Giuliano Poletti, il sottosegretario Nannicini e i S I N D A C A T I per dirci se vuoi andare in pensione prima devi P A G A R E….bravi politici sindacati tutti coloro che dovrebbero tutelare il cittadino, sai cosa vi dico guardatevi allo specchio e …………

  11. Sono veramente schifato di chi ci sta rappresentando sono sempre stato un elettore di sinistra ormai ex. Mi deve dire il nostro carissimo presidente del consiglio ,noi che siamo nati lavorando( dico nati con il lavoro ) per cui faccio parte della categoria dei precoci ho 56 anni e 40 di contributi, quindi mi chiedo a che età dovrò uscire dal lavoro? 50 anni di contributi?. Bene caro renzi mi ricorderò di te ad ottobre e non solo. Tengo a precisare che io lavoro ancora. Ma quello che mi chiedo è il vice ministro all’economia lavora? Visto che e sempre nelle trasmissioni a dire continuamente le stesse cose?.sono stufo di ascoltarlo.

  12. signor renzi e tutti voi politi e voi dindacati tranne 5 stelle avete distrutto litalia e tutto il popolo italiano mi fate venire il vomito ricordatevi che la corda si rompe prima oh poi il mio voto andra 5stelle x MANDARVI TUTTI A CASAAAAAAAA X SEMPRE CON UN MISERO PENSIONE DI 1200 VORREI VEDERE COME CAMPATE VOI……….

  13. Non se ne può più.Provate a lavorare 42 anni e 10 mesi.una vita intera maledizione!!! E sentirsi dire che sei Giovane.Due infarti sul mezzo di lavoro,la schiena operata x gli sforzi.Maledetti non ce la faccio più.Cani e porci son andati con 19 anni di lavoro.Ma dove é la giustizia!!!

  14. Quando c’era Lui (Berlusconi) , c’era una Sinistra attenta ,attentissima.
    Era capace di scovare tutti i “trucchi” del marpione politico degli ultimi anni.
    A lui si riferivano ore e ore di Talk-Show pseudopolitici e fiumi di inchiostro
    sui giornali di snx che parlavano del conflitto d’interesse e delle potenti
    Lobby che lo sorreggevano politicamente.Lo accusavano di “monopolizzare” la TV
    e rifiutare il confronto con gli avversari agguerritissimi e credibilissimi
    quando si trattava di attaccarlo nei suoi punti deboli.Il paradosso è che adesso,
    con tale Maestro, se ne è creato un altro ancora più marpione.Lo spiazzamento
    deriva dal fatto che, l’attuale, usa al meglio e di più i stessi insegnamenti.
    Promettere “montagne” e partorire effettivamente un “topolino”.Usare mancette
    costosissime per 80 euro a 10.000.000 di persone e togliere 13 euro di abbonamento
    RAI (vedremo le sorprese nelle bollette dove ENEL e altri recupereranno altre spese).
    Ora , bontà sua, si è improvvisamente accorto che le pensioni minime “prendono troppo poco”.
    Due anni fa, al momento delle 80 euro a chi un lavoro ce l’aveva, non lo sapeva? Perchè
    non ha dato quella priorità? Come si fa a raccontare che non ci sono 5-7 Mld per precoci,
    esodati,post-esodati non difesi da nessuno e, problema ancora più grave,perchè
    senza lavoro-pensione-ammortizzatori ma con 38-40 anni di lavoro e licenziati
    dopo il 2011 e lontanissimi dai 63anni con cui potersi fare un auto-prestito
    dalla futura pensione? Persone completamente abbandonate dallo Stato-Governo Renzi
    e dai Sindacati complici della legge Fornero.Ora parlano dell’acqua calda e se
    i numeri di Poletti sono “quella miseria” anche i Sindacati finalmente verranno
    messi in controluce.Il popolo vorrà vedere come si venderanno anche stavolta
    e quali saranno le “grandi” iniziative messe in campo.Alla fine il marpione
    li ha presi per il c..o! facendoli sedere ad un tavolo su cui mangeranno
    solo rospi e il Governo dirà alla fine che anche le Parti Sociali erano
    concordi che sia stato fatto il massimo possibile per non far cadere l’Italia
    in una grande recessione.Nessuno fa due conti sul “grande risparmio” di 30Mld
    anno della legge Fornero quando Renzi ne usa almeno 15Mld a titolo personale
    per le sue mancette fregandose di intere generazioni di lavoratori derubati
    da Fornero e C.( e tutta la snx l’ha votata..esattamente come il nemico Berlusca).
    Provocazione per provocazione…abbassiamo il debito pubblico con questa ricetta.
    Tutti in pensione con contributivo e 67 anni di età …ma retroattiva.Significa
    che chi è andato in pensione a 55 anni e 35 di contributi, restituisce il maltolto
    a quelli che la pensione non l’hanno pur avendo lavorato 5 anni di più e più
    vecchi di 5 anni.Riprendere 10Mld delle 80 euro a chi le ha prese ma non moriva di fame
    perchè un lavoro l’aveva.Lasciare TASI e Abbonamento RAI come adesso e recuperare
    più soldi possibili abbassando finalmente il Debito Pubblico.Imporre con Legge
    che gli imprenditori che hanno usufruito degli sgravi fino a 8.000 euro per
    dipendente con assunzioni “farlocche” (altri 12.5 Mld), trasformando contratti,
    o restituiscono tutto versando di tasca propria o non potranno più licenziare nessuno
    dopo aver trasformato quei contratti.I Politici hanno “Diritti acquisiti” ? Perchè
    come li chiamiamo tutti i milioni di pensionati andati a 55 anni con retributiva
    e adesso prendono soldi che non hanno mai versato mentre quelli con 60 anni e 40
    di contributi non hanno “Diritto acquisito” per andarci in pensione? Doppia morale
    quando si tratta di difendere i propri interessi e questi sono gli Italiani sia
    di dx che di snx.I sacrifici li facciano gli altri basta che non sia io.LA MORALE!
    Altro paradosso del Renzismo è che tutti quei personaggi che erano additati
    di essere informatori liberi degli italiani e onesti intellettualmente quando
    si trattava di sputtanare il nemico Berlusconi, vedi Santoro-Travaglio-Gomez
    -Stella-Giannini-Floris etc etc, ora all’improvviso non sono più Liberi e onesti
    perchè osano criticare Renzi e quindi Gufi etc etc.Le purghe dalle TV, dove noi paghiamo
    il canone affinchè Renzi possa farsi i fatti suoi senza più nessuna opposizione e contrari.
    Alla faccia del “quando c’era Lui” se anche Santoro dice che adesso è ancora peggio.
    In tutto questo bailamme mi piacerebbe sapere quali sono le motivazioni per cui
    Bersani e C. votano sempre Renzi e i suoi “colpi di fiducia” con cui realizza
    le “sue” riforme dopo aver fatto finta di non approvare.E gli Alfano e Verdini
    nemici storici della snx…come la mettiamo ora che sostengono il Renzismo?
    Doppia morale come sempre.A proposito di Partigiani veri che votano il SI e di
    finti se votano NO..gli Italiani “Veri” non dovrebbero scordarsi di tutto questo
    e premiare ciascuno per i propri meriti.L’impressione che dopo un ventennio
    di Berlusconismo l’Italia si stia preparando au un altro ventennio di Renzismo.
    Se tanto mi dà tanto…sappiamo cosa ci aspetterà in futuro.

  15. vorrei sapere perchè i pensionati devono pagare la tessera ai sindacati che pensano solo al proprio interesse

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here