bonus avvocati 2016

Il cosiddetto Bonus Avvocati 2016 è stato introdotto dalla legge di Stabilità 2016 e consiste in un contributo di 250 euro sulle spese di patrocinio che viene riconosciuto a tutti i cittadini che, per evitare la causa in tribunale, ricorrono alla negoziazione assistita o all’arbitrato. Tale bonus viene riconosciuto sotto forma di credito d’imposta.

BONUS AVVOCATI 2016: QUANDO SPETTA?

Il contributo pari a 250 euro previsto dal Bonus avvocati spetta ad entrambe le parti soltanto nel caso in cui la negoziazione abbia avuto esito positivo oppure in seguito alla conclusione dell’arbitrato con lodo.

Il contributo spetta sul compenso finale da pagare al legale o all’arbitro che ha risolto la controversia. Attenzione, però, perché per poter ottenere il contributo di 250 euro è necessario inoltrare apposita domanda.

BONUS AVVOCATI 2016: COME FARE DOMANDA?

Formulario commentato del processo civile

Formulario commentato del processo civile

Benito Nigro - Lucilla Nigro, 2016, Maggioli Editore

Il testo, aggiornato alle ultime novità sul processo di esecuzione (L. 132/2015) e alla recente giurisprudenza, rappresenta lo stru- mento operativo, per l’avvocato e il professionista giuridico, utile per cercare la soluzione non solo sotto il profilo pratico, con la formula, ma...



La domanda va fatta online compilando il form presente sul sito del Ministero della Giustizia. Alla domanda per il Bonus avvocati bisogna poi allegare i seguenti documenti obbligatori:

– copia della convenzione di negoziazione e prova dell’avvenuta trasmissione dell’accordo al Consiglio dell’Ordine degli avvocati;

– copia del lodo arbitrale con cui è stata conclusa la controversia, e copia per immagine dell’originale del provvedimento giudiziale di trasmissione del fascicolo.

In entrambi i casi è poi necessario allegare una copia della fattura rilasciata dall’avvocato (o dall’arbitro), copia della quietanza e di un documento d’identità valido del soggetto richiedente il suddetto bonus.

Dopo il riconoscimento dello sgravio, però, il contribuente è tenuto a segnalare il credito d’imposta nella dichiarazione dei redditi, presentando il modello 730 o Unico.

Potrebbe interessarti anche lo

SPECIALE SU DICHIARAZIONE DEI REDDITI: MODELLO 730, COSA CAMBIA NEL 2016

SGRAVIO FISCALE: QUANDO SCATTA?

Il contribuente, compilando il modello 730 o il modello Unico, potrà utilizzare il contributo per diminuire le imposte sui redditi (persona fisica) e in compensazione per pagare altri tributi (titolare di partita IVA).

Leggi anche Rimborso IVA 2016: come ottenerlo in via prioritaria. Chi sono i nuovi ammessi

Al momento della compilazione dell’F24 dovrà indicare il codice tributo 6866 all’interno della sezione “Erario”, nella colonna “importi e debito versati”.


CONDIVIDI
Articolo precedentePensioni novità: quando andare in pensione? Le proposte e le penalizzazioni previste
Articolo successivoGrecia, emergenza migranti: lo sgombero ‘ordinato’ del campo profughi di Idomeni

1 COOMENTO

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here