riforma pa

In merito alla Riforma della PA, è stato approvato definitivamente ieri  dal Consiglio dei Ministri il decreto sulla trasparenza che introduce il FOIA.

PER APPROFONDIRE SI CONSIGLIA LO

SPECIALE SU RIFORMA PA 2016: TUTTE LE NOVITÀ


Vediamo che cosa prevede in concreto.

RIFORMA PA 2016: SÌ AL DECRETO SULLA TRASPARENZA, COSA CAMBIA

Si consiglia il seguente volume:

La riforma della trasparenza

La riforma della trasparenza

Luigi Oliveri, 2016, Maggioli Editore

La riforma della normativa sulla trasparenza, il D.Lgs. 33/2013 riscritto in parte dal D.Lgs. 97/2016, mira ad introdurre in Italia un vero e proprio Freedom of Information Act (FOIA), in analogia a quanto fat- to, da anni, nei Paesi del Nord Europa ed anglosassoni, richiedendo  un profondo...



Il decreto sulla trasparenza recante “Revisione e semplificazione delle disposizioni in materia di prevenzione della corruzione, pubblicità e trasparenza”, che ha ottenuto il via libera definitivo dal Cdm di ieri, è il 1° degli 11 decreti attuativi della riforma della PA ad essere stato approvato, il decreto trasparenza introduce il FOIA (Freedom of information act), ossia il diritto di accesso agli atti e ai documenti della Pubblica Amministrazione da parte dei cittadini.

Da quanto si apprende, il coordinamento formale del testo è stato assegnato al sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Claudio De Vincenti.

DECRETO TRASPARENZA: COSA PREVEDE?

PER SAPERNE DI PIÙ CONSULTA L’APPROFONDIMENTO SULLA GAZZETTA DEGLI ENTI LOCALI

Sintetizzando i contenuti del decreto sulla PA, esso prevede che ogni cittadino abbia la possibilità di accedere senza alcuna motivazione ai dati in possesso della Pubblica Amministrazione e che, contestualmente, non abbia la possibilità di ricevere rifiuto alla rispettiva richiesta di informazioni se non motivato.

Circa la possibilità di accesso, essa attiene a tutte le informazioni, comprese quelle che hanno a che fare con l’affidamento di gare ed appalti.

RIFORMA PA: NUOVE REGOLE SULL’INVIO DEI DOCUMENTI

L’invio di documenti in via digitale dovrà essere gratuito. Qualora dovesse subentrare un rifiuto, il cittadino avrà anche la possibilità di presentare ricorso.

Circa, poi, le limitazioni ai dati accessibili, quello che dunque riguarda il confine tra trasparenza e privacy, mediante il passaggio alle Commissioni di Camera e Senato è stato richiesto di affidare all’Autorità anticorruzione la stesura delle linee guida per limitare le eccezioni per l’accesso alle informazioni.

COME APPLICARE LE NUOVE REGOLE?

Con l’approvazione definitiva del decreto trasparenza, in attesa che venga pubblicato in Gazzetta Ufficiale, gli operatori sono chiamati a rispettare i nuovi obblighi di pubblicazione nei siti istituzionali e a consentire l’accesso civico ai dati e documenti dell’ente pubblico.

PERTANTO POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE I SEGUENTI CORSI:

TRASPARENZA: I NUOVI OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE E LE NOVITÀ SULL’ACCESSO AGLI ATTI DOPO IL DECRETO ATTUATIVO DELLA RIFORMA MADIA
(approvato in via definitiva il 16 maggio 2016)

Catania, 24 maggio 2016 – SCARICA IL PROGRAMMA

ANTICORRUZIONE E TRASPARENZA ALLA LUCE DEL DECRETO ATTUATIVO DELLA RIFORMA MADIA E DEI RECENTI ORIENTAMENTI ANAC
(approvato in via definitiva il 16 maggio 2016)

Napoli, 27 maggio 2016 – SCARICA IL PROGRAMMA


CONDIVIDI
Articolo precedenteSindaco metropolitano, la Sicilia si arrende alla Delrio
Articolo successivoPA Digitale e Carta Nazionale dei Servizi: come richiederla? Quali vantaggi per Avvocati, Architetti, Commercialisti

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here