pignoramento immobiliare

In caso di locazione dell’immobile, il creditore può agire con l’azione revocatoria dovendo però dimostrare la mala fede dell’inquilino.

Lo ha chiarito il Tribunale di Padova, con la sentenza del 12 gennaio 2016, n. 93.

SI CONSIGLIA IL SEGUENTE MANUALE A PREZZO SPECIALE:

300 motivi di opposizione alle esecuzioni fiscali

300 motivi di opposizione alle esecuzioni fiscali

Ponticiello Emilio, 2016, Maggioli Editore

Questo testo tratta degli strumenti giuridici necessari per poter contra- stare l’ESECUZIONE FISCALE. L’organizzazione dei motivi di opposizio- ne, tra TECNICA e PRATICA, rappresenta un nuovo strumento per il professionista, in quanto oltre alla teoria ed al riscontro...



IL CASO

Una banca avviava un pignoramento nei confronti di un cliente che non aveva rispettato l’obbligo di restituzione del mutuo; tuttavia quest’ultimo, dopo l’esecuzione forzata, stipulava e registrava un contratto di locazione sull’immobile.

L’istituto di credito citava così in giudizio tanto il locatore quanto il conduttore il quale, secondo le prospettazioni dell’istituto di credito, era a conoscenza della notifica del pignoramento al cliente moroso.

LA DECISIONE

Il conduttore è riuscito a dimostrare in giudizio di aver pagato, con bonifico bancario, prima della notifica del precetto, i canoni di tutto il periodo di durata del contratto di locazione, contratto registrato, però, solo dopo la notifica del predetto precetto.

La domanda della banca è stata rigettata per difetto di prova, non essendo riuscita a dimostrare il sospetto che il contratto di locazione fosse simulato, ossia concluso per ostacolare l’esecuzione forzata né che il conduttore fosse a conoscenza del pignoramento dell’immobile e che, ciò nonostante, avesse stipulato, in modo fraudolento, il contratto con il locatore.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE:

Come tutelare il patrimonio da banche ed equitalia

Come tutelare il patrimonio da banche ed equitalia

Andrea Agnese, 2016, Maggioli Editore

Il testo, con TAVOLE SINOTTICHE e GIURISPRUDENZA, vuole essere una guida di ausilio a tutti i professionisti che si trovano a trattare questioni riguardanti il patrimonio del cliente aggredito da banche ed Equitalia.In tal senso, ci si sofferma sui limiti imposti all’Equitalia Esatri in...




CONDIVIDI
Articolo precedenteProcesso Tributario: come notificare gli atti, le ultime novità
Articolo successivoUnioni Civili: quali sono i nuovi diritti in materia di Pensione e Detrazioni Fiscali

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here