FAQ canone rai

Sono in arrivo nuove FAQ dall’Agenzia delle Entrate con relativi esempi di compilazione del Modello di dichiarazione sostitutiva per la richiesta di esenzione/disdetta dal pagamento del canone Rai in bolletta elettrica.

PER GLI ULTIMI AGGIORNAMENTI SI CONSIGLIA LO

SPECIALE SU ESENZIONE CANONE RAI: TUTTE LE ISTRUZIONI

La nostra Redazione, riprendendo le FAQ diffuse online dalle Entrate, propone una Guida riassuntiva che analizza, casistica per casistica, tutte le modalità con cui richiedere l’esonero dal versamento del canone Rai.

ECCO LE NUOVE FAQ:

1) Se il titolare di un Bed&Breakfast già versa il canone Rai speciale per l’unico apparecchio televisivo condiviso tra famiglia e clienti della struttura, deve anche pagare il canone tv ordinario se risulta essere l’intestatario dell’utenza elettrica?

La risposta è negativa in quanto se l’apparecchio tv presente nel B&B è a disposizione di tutti i clienti, si è tenuti a versare soltanto il canone speciale.

Risulta comunque necessario presentare il modello di dichiarazione sostitutiva in cui si comunica la mancata detenzione della tv, compilando l’apposito quadro A.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: Canone Rai, l’ultima parola su CHI PAGA E CHI NO? Guida ai casi particolari

2) Se il contribuente è ricoverato in casa di riposo è tenuto a pagare il canone Rai?

La risposta è positiva nel caso in cui si detenga un apparecchio televisivo nella propria casa. La questione è diversa se il contribuente risulta titolare di un’utenza elettrica residenziale, in quanto in tal caso sarà tenuto a presentare la dichiarazione sostitutiva di non detenzione.

Qualora, invece, detto contribuente non possieda tv e nemmeno l’intestazione di un’utenza elettrica residenziale dovrà dare disdetta, attraverso raccomandata allo Sportello SAT dell’Agenzia delle Entrate, nel caso in cui lo stesso dovesse essere l’intestatario di un precedente abbonamento Rai, ai sensi dell’art. 10 del RDL n. 246/1938.

3) Le coppie di fatto che risiedono nella stessa abitazione vengono considerate famiglia anagrafica?

Per famiglia anagrafica, sulla base dell’art. 4 del DPR n. 223/1989, si intende: “un insieme di persone legate da vincoli di matrimonio, parentela, affinità, adozione, tutela o da vincoli affettivi, coabitanti ed aventi dimora abituale nello stesso Comune (unico nucleo familiare)”. E’ rilevante, ai fini della stessa, la certificazione del Comune competente (art. 13 del DPR n. 223/1989).

Al riguardo, è necessario che i soggetti interessati realizzino dichiarazioni anagrafiche, come ad esempio quali la costituzione di una nuova famiglia o di una nuova convivenza, facendo riferimento all’apposita modulistica atta ad effettuare le dichiarazioni anagrafiche, così come predisposta dal Dipartimento Affari Interni e Territoriali del Ministero dell’Interno ed adottata da ogni Comune.

Nel sito del Governo (www.lineaamica.gov.it) si legge inoltre che: “I soggetti che effettuano dichiarazioni anagrafiche chiariscono se nell’abitazione sita all’indirizzo di residenza sono già iscritte delle persone ed indicano se sussistono o non sussistono, rapporti di coniugio, parentela, affinità, adozione, tutela o vincoli affettivi con esse”.

Per quanto riguarda invece “persone o famiglie che coabitano nello stessa abitazione possono dar luogo, a distinte famiglie anagrafiche (distinti nuclei familiari) solo se tra i componenti delle due famiglie non vi sono tali vincoli”.

Si apprende, infine, che “la dichiarazione già resa sull’esistenza dei vincoli affettivi non può essere soggetta a continui ripensamenti”. In quanto gli stessi vincoli sono da considerarsi interrotti esclusivamente con l’interruzione della coabitazione.


CONDIVIDI
Articolo precedenteNuovo Codice Appalti: dopo l’entrata in vigore quali problemi operativi?
Articolo successivoLibertà di panorama: aperta la consultazione pubblica UE

9 COMMENTI

  1. pago regolarmente la bolletta della luce ai miei genitori ottantenni, i quali possiedono un televisore, la proprietaria della casa è mia madre e l’abbonamento TV di mio padre. io sono residente in altro comune e sposata, mio marito è proprietario della casa, della bolletta della luce e del canone TV. Pagherò io il canone? ( Non dovrei perché i miei genitori sono esonerati per l’età) . quale comunicazione devo inviare?

  2. Ho alcuni appartamenti locati con contratto di illuminazione a me intestati. In alcuni c’è la Tv in atri no.
    Quale modello di dichiarazione devo usare? Grazie

  3. SONO SPOSATA DA POCO E ABITO CON MIO MARITO A NAPOLI. A LIVORNO HO INTESTATA UNA CASA SFITTA DOVE NON ABITO E NON HO RESIDENZA. DEVO PAGARE IL CANONE TV ANCHE SE MIO MARITO LO PAGA NELLA CASA DOVE ABITIAMO E SIAMO RESIDENTI A NAPOLI??
    GRAZIE

  4. Sono residente in appartamento ove pago regolarmente il canone. Bolletta Enel intestata a mio marito . Ho in uso gratuito un appartamento da parte di mio padre dove ho intestato contratto Enel uso non residente. Devo fare qualche comunicazione grazie

  5. Sono residente in provincia di Como con la mia famiglia di quattro persone e la bolletta dell’energia elettrica è intestata a mia moglie dove pago il canone TV da 30 anni. Ho una seconda casa in Puglia dove la bolletta elettrica è intestata a me marito, devo pagare il canone TV. Grazie Angelo

  6. H0 un appartamento per le vacanze con bolletta Enel a me intestata,sono residente in altro comune con il marito pago il canone con bolletta Enel a lui intestata,devo chiedere l’esenzione? Grazie

  7. Ho un appartamento con bolletta enel uso domestico non residente viene usato solo un mese d’estate; vorrei sapere se devo comunicare qualcosa per evitare l’addebito del canone sulla bolletta enel, avendo un altro appartamento dove risiedo con bolletta enel residente intestata a mia moglie dove pago gia’ il canone

  8. ho un appartamento cointestato con mia moglie e ho sempre pagato il canone RAI , mia moglie ha anche un monolocale intestato a lei e non ha la tv , devo fare domanda di esenzione ? grazie

  9. ho un appartamento con bolletta enel uso domestico non residente ( viene usato solo un mese d’estate ); vorrei sapere se devo comunicare qualcosa per evitare l’addebito del canone sulla bolletta enel, avendo un altro appartamento dove risiedo con bolletta enel/residente, dove pagherò naturalmente il canone tv. grazie.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here