EUROPA

Trent’anni fa, il peggior incidente nucleare nella storia: Chernobyl, che ha provocato devastazione in quello che era allora parte dell’Unione Sovietica.

Il 26 aprile 1986, all’ 1:23, il reattore quattro della centrale nucleare di Chernobyl è esploso a seguito di un errore dell’operatore. Un incendio si è protratto per 10 giorni, con una ricaduta radioattiva che si è diffusa per oltre decine di migliaia di chilometri quadrati. Il suolo e i corsi d’acqua di Ucraina, Biellorussia e Russia sono stati sostanzialmente contaminati da più di 100 elementi radioattivi.

In alcune zone, il livello di radiazione era quasi 77.000 volte superiore rispetto alla norma di fondo media e 40 volte il massimo ammissibile. Qual’è la situazione oggi a 30 anni dall’incidente.

SCOPRILO CLICCANDO QUI E LEGGI L’ARTCIOLO COMPLETO

© RIPRODUZIONE RISERVATA


SCRIVI UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Inserisci il tuo nome