nuovo codice appalti

Dopo le attese è stato finalmente pubblicato nella Gazzetta Ufficiale di ieri 19 aprile il testo definitivo del Nuovo Codice Appalti (decreto legislativo 50/2016).

PER TUTTI GLI APPROFONDIMENTI SI CONSIGLIA L’EBOOK AL PREZZO SPECIALE APPENA USCITO:

CLICCA QUI PER CONSULTARE IL TESTO DEFINITIVO PUBBLICATO IN GU

(DECRETO LEGISLATIVO 50/2016)

NUOVO CODICE APPALTI, DECRETO LEGISLATIVO 18 aprile 2016, n. 50: COSA PREVEDE?

Si tratta dell’attuazione delle direttive 2014/23/UE, 2014/24/UE e 2014/25/UE sull’aggiudicazione dei contratti di concessione, sugli appalti pubblici e sulle procedure d’appalto degli enti erogatori nei settori dell’acqua, dell’energia, dei trasporti e dei servizi postali, nonché per il riordino della disciplina in vigore in materia di contratti pubblici riguardanti lavori, servizi e forniture (Scarica le note al Nuovo Codice degli Appalti).

CLICCA QUI PER ANDARE AL TESTO PUBBLICATO IN GU

CLICCA QUI E SCARICA IN ANTEPRIMA IL TESTO DEL NUOVO CODICE APPALTI BOLLINATO DALLA RAGIONERIA DELLO STATO.

NUOVO CODICE APPALTI: IL TESTO DEFINITIVO, COSA CAMBIA?

Le novità più rilevanti sono 2:

– da un lato, il testo riattiva la soglia di 1 milione di euro;

– dall’altro si prevede un aggravamento per i lavori che hanno un importo pari o superiore a 500mila euro con ricorso alla procedura ristretta per il limite 150mila – 500mila euro.

 PER SAPERNE DI PIÙ LEGGI ANCHE: 

Nuovo Codice Appalti: approvato il testo definitivo. Ecco cosa cambia nel 2016

© RIPRODUZIONE RISERVATA


SCRIVI UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Inserisci il tuo nome