Pubblichiamo il testo definitivo del nuovo “Codice dei contratti pubblici” bollinato ieri, 18 aprile 2016, dalla Ragioneria Generale dello Stato ieri  e trasmesso alla GU per la sua pubblicazione, dopo la firma del Capo dello Stato.

PER TUTTI GLI APPROFONDIMENTI SI CONSIGLIA L’EBOOK AL PREZZO SPECIALE APPENA USCITO:

CLICCA QUI E SCARICA IN ANTEPRIMA IL TESTO DEL NUOVO CODICE APPALTI BOLLINATO DALLA RAGIONERIA DELLO STATO.

Anzitutto è stata recepita l’indicazione del CdS nel parere della Comm. spec. del 1 aprile 2016 n.855, circa l’opportunità di intitolare il nuovo testo, semplicemente “Codice dei contratti pubblici”.

Nelle ultime ore si sono susseguite freneticamente diverse riformulazioni delle procedure sotto-soglia, passando dall’eccesso di semplificazione del testo del 3 marzo scorso, stigmatizzato dal Consiglio di Stato nel predetto parere, all’eccesso opposto di un inutile aggravamento per i lavori di importo pari o superiore a 500.000 euro (con il ricorso addirittura alla procedura ristretta per la soglia 150.000 –  500.000 euro).
Il testo in pubblicazione ripristina la soglia di un milione di euro, sotto la quale è previsto il ricorso alla procedura negoziata con invito rivolto ad almeno dieci operatori economici, in continuità con l’art. 122, comma 7 del Dlgs. 163/2006 (senza peraltro la sub-soglia di 500.000 euro).

Sono stati corretti anche gli errori del regime transitorio di cui all’art. 216.
In particolare, sempre per le procedure sotto-soglia, per la selezione degli operatori economici da invitare alle procedure negoziate, in attesa dell’emanazione delle linee guida ANAC di cui all’art. 36, comma 7, è fatto salvo il ricorso agli elenchi aperti già utilizzati dalle stazioni appaltanti, se compatibili con il nuovo Codice. In alternativa, come oramai noto, è prevista la pubblicazione di un avviso di indagine di mercato sul profilo di committente della stazione appaltante per almeno quindici giorni.

PER APPROFONDIRE POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE I SEGUENTI CONVEGNI:

1) I criteri minimi ambientali negli appalti pubblici Cosa cambia negli Acquisti Verdi dopo la emanazione del Collegato Ambientale e il nuovo codice degli Appalti

Bologna, 19 maggio 2016

2) AREA APPALTI E CONTRATTI PUBBLICI: Le procedure di aggiudicazione nel nuovo Codice appalti. Le procedure sotto-soglia e quelle ordinarie su bando

Lunedì 2 maggio 2016 – dalle 10.00 alle 12.00

A breve pubblicheremo  primi commenti sul testo in GU, insieme a tabelle sinottiche, utili per un primo orientamento degli operatori nei tortuosi meandri del nuovo Codice, con la sintesi dei sistemi e delle procedure di aggiudicazione e relativi riferimenti normativi.

La Rivista Appalti&Contratti offrirà il più ampio supporto operativo per agevolare l’applicazione della riforma, che si presenta ricca di novità e insieme di numerose e significative criticità, insieme ad una fase attuativa frammentata in circa cinquanta provvedimenti tra decreti ministeriali e linee guida ANAC.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


SCRIVI UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Inserisci il tuo nome