Dal 2016 in poi chi risulta intestatario di un’utenza elettrica ma non possiede alcuna tv deve comunicarlo espressamente all’Agenzia delle Entrate al fine di evitare di pagare il canone Rai.

LE ULTIME NEWS LE TROVI QUI: Ultime Canone Rai: quando non si deve più pagare? Guida ai casi

PER APPROFONDIRE SEGUI IL NOSTRO SPECIALE SU CANONE RAI 2016: COME NON PAGARE?

Come più volte ribadito dalla nostra Redazione tale comunicazione può essere fatta inviando l’apposito modulo di autocertificazione utilizzando l’applicazione attiva sul sito delle Entrate, oppure attraverso il proprio intermediario delegato (come ad esempio il commercialista) o ancora con raccomandata a.r.

ESENZIONE CANONE RAI: CHI PUÒ PRESENTARE IL MODULO?  

Il modulo di autocertificazione con cui chiedere l’esenzione del canone Rai deve essere inviato all’Agenzia delle Entrate, oltre da chi vuole comunicare il mancato possesso dell’apparecchio televisivo, da quei soggetti che, appartenendo ad un nucleo familiare in cui già un membro versa l’imposta sulla tv, risultano tuttavia intestatari di un diverso contratto della luce.

Questo in quanto il canone Rai si considera dovuto una sola volta per ogni nucleo familiare anagrafico. Per cui, anche in questa circostanza, bisogna compilare lo stesso modello di atto notorio, con la differenza però che è sufficiente farlo una volta sola e non ogni anno come nel caso della comunicazione della mancata detenzione delle televisione.

ESENZIONE CANONE RAI: COME COMPILARE IL MODULO?  

Nel caso in cui il contribuente, pur essendo intestatario di un contratto di fornitura elettrica differente, voglia comunicare di avere già un membro del proprio nucleo familiare che provvede a versare il canone, dovrà compilare il Quadro B del modello di dichiarazione sostitutiva seguendo le disposizioni precedentemente fornite dalla nostra Redazione.

COME COMPILARE IL MODELLO DI ESENZIONE DEL CANONE RAI?

QUI TROVI LA GUIDA COMPLETA

Nel caso in cui, però, non sussistano i presupposti dichiarati mediante la compilazione del Quadro B (qualora, ad esempio, il familiare sia uscito dalla famiglia anagrafica), bisogna presentare un’aggiuntiva dichiarazione compilandone la specifica sezione “Dichiarazione di variazione dei presupposti” compresa nel Quadro B dello stesso modello.

ESENZIONE CANONE RAI: ENTRO QUANDO VA PRESENTATA LA DICHIARAZIONE DI NON POSSESSO DELLA TV?  

La comunicazione con cui il contribuente comunica la mancata detenzione delle televisione va inviata, come detto, ogni anno entro specifiche scadenze.

Più precisamente l’autocertificazione va inviata nel periodo intercorrente tra il 1° luglio e il 31 gennaio dell’anno consecutivo.

A partire dal prossimo anno, quindi dal 2017, i termini di efficacia delle dichiarazioni di non detenzione sono:

– l’autocertificazione inviata dal 1° febbraio al 30 giugno esonera dall’obbligo di pagamento del canone Rai esclusivamente per il secondo semestre del medesimo anno (se il contribuente, ad esempio, inoltra l’autocertificazione il 1° marzo 2016, non si ritroverà addebitato il canone Rai sulle bollette della luce che arriveranno tra luglio e dicembre 2016);

– l’autocertificazione inviata dal 1° luglio al 31 gennaio dell’anno consecutivo esonera dall’obbligo del pagamento per l’intero anno successivo (se, ad esempio, il contribuente invia l’autocertificazione il 1° settembre 2016, non gli verrà addebitato il canone Rai sulle bollette di tutto il 2017).

ESENZIONE CANONE RAI: QUANDO LA DICHIARAZIONE DI NON POSSESSO DELLA TV NON È PIÙ VALIDA?  

Il modulo di dichiarazione di non detenzione della tv non ha più efficacia al termine dei periodi di validità sopra citati.

La dichiarazione per chiedere l’esenzione, pertanto, va ripresentata l’anno successivo secondo le medesime istruzioni e rispettando gli stessi termini di scadenza. Nel caso in cui il contribuente si dimentichi di rinviarla, torna a presumersi la detenzione dell’apparecchio televisivo, con l’arrivo conseguente dell’addebito del canone Rai nella fattura elettrica.


CONDIVIDI
Articolo precedentePensioni novità: quanto prenderai di pensione? In anteprima le tabelle INPS
Articolo successivoNuovo Codice Appalti: in anteprima il Testo Bollinato dalla Ragioneria dello Stato che uscirà in Gazzetta Ufficiale

11 COMMENTI

  1. Da quando sono proprietario di casa mia ( 6 anni ) non ho mai avuto la tv .
    fatto la dichiarazione e mandato la raccomandata per tempo , bene mi arriva oggi la bolletta col canone .
    A gennaio rifarò la raccomandata e stavolta con ricevuta di ritorno ( la prima la feci in raccomandata semplice ) , se mi ritroverò ancora il canone scorporerò il valore dello stesso dalla bolletta in quanto non devo pagare nulla se non ho il tv ne altro apparecchio atto a ricevere segnali radiotelevisivi.
    come al solito alla rai di torino fanno di tutto per farti pagare scommetto che le raccomandate le cestinano .

  2. Ho una seconda casa,mio figlio residente,intestatario del contratto Enel,ha un reddito che supera i 2800 euro,per l’irpef non risulta a mio carico,per il certificato Isee,deve risultare a carico mio ,perchè residenza inferiore ai tre anni.Chi deve fare la domanda di esenzione ,mio figlio od io? abbiamo diritto all’esenzione?

  3. Conosco persone che hanno il televisore e hanno mandato il modulo di esenzione. Tutti dovevano pagare, ma in realtà i furbi troveranno sempre il modo per non pagare. Inoltre con questo metodo della bolletta ci rimettono gli onesti, che devono sbrigare pratiche burocratiche per la seconda casa. Sconcertante!

  4. Buogiorno
    ho una seconda casa al mare intestata a me
    ma la fornitura di energia elettrica è intestata a mio padre che vive a casa sua. Posso essere esentata dal pagamento del canone per la seconda casa?
    GRazie

  5. Buon giorno,
    sono proprietario di una seconda casa con l’utenza elettrica intestata a me come peraltro la prima casa dove risiedo e dove pago regolarmente il canone Rai che è intestato a mia moglie.
    Mia moglie è intestataria di una utenza elettrica di una seconda casa (quindi non residente).
    Devo presentare la richiesta di esenzione sia io che mia moglie per la seconda casa?
    Se si, dove va inviata tale richiesta?
    Nel ringraziarvi, porgo distinti saluti.
    Umberto Cacchioni

  6. Buon giorno,sono proprietario della seconda casa in cui è domiciliato mio figlio studente, intestatario però di bolletta di luce e a sua volta residente presso l’abitazione della madre.Desidererei sapere se il sottoscritto padre e proprietario e mio figlio residente nel nucleo famigliare della madre siamo esenti dal canone rai e chi dei due se in diritto dovrà fare autodichiarazione per l’esenzione grazie, distinti saluti

  7. Sono proprietaria di una casa ereditata dai miei deceduti ormai da diversi anni, avevo disdetto già l’abbonamento a suo tempo . La bolletta della luce ora è intestata a me, ma la casa è disabitata e quindi priva di apparecchi televisivi. Il modulo che ho visto non specifica la mia situazione . Vorrei avere chiarimenti Grazie

  8. Sono proprietario di una seconda casa al mare con un gestore della corrente diverso da quello della mia residenza principale. La seconda casa non è affittattata, è a mia disposizione tutto l’anno, le due utenze sono intestate entrambi a me mentre le case sono cointestate con mia moglie, devo presentare la dichiarazione?
    Grazie

  9. Sono proprietario di una casa di cui non sono intestatario dell’utenza elettrica in quanto intestata al mio inquilino, mentre vivo purtroppo in una casa in locazione abitativa temporanea in cui l’utenza elettrica è intestata al mio padrone di casa. Come mi devo comportare?. Grazie
    Eugenio Landone
    eugenio.lan@libero.it
    Tel 3338487601

  10. Una mia zia è deceduta nov-15. Mio padre è mancato a fine aprile. Per entrambi non abbiamo ancora cambiato le intestazioni delle utenze elettriche e, anche se lo facciamo subito, penso che non potremo
    chiedere l’esenzione compilando il modulo come eredi perché il 1° semestre è quasi finito. Inoltre, il modulo
    da compilare come eredi dichiarando di far parte della stessa famiglia anagrafica dei defunti, anche se non
    è vero (così dicono le istruzioni) ci costringerà a fare la fila al CAF. Morale della favola: qualcuno è stato a Gerusalemme e ha imparato a far risuscitare i morti.

  11. ho una piccola seconda casa al mare il gestore della corrente e diverso da quello della prima casa a roma le due bollette sono tutte e due intestate a meper non pagare la seconda casa devo mandare il modulo o mi arriva solo la bolletta delle prima casa se devo mandare il modulo vi pregherei di mandarmene una copia se mi arrivano due addebiti che devo fare per farmi rimborsare la seconda bolletta grazie e arrivederci

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here