Da venerdì scorso, 15 aprile, è disponibile online il modello 730 precompilato. Mentre i contribuenti sono alle prese con la compilazione e l’invio, ecco di seguito elencati alcuni rischi in cui non incappare in merito ai rimborsi per le spese mediche.

PER TUTTE LE INFORMAZIONI SI CONSIGLIA IL NOSTRO SPECIALE SU:

MODELLO 730 PRECOMPILATO: TUTTE LE NOVITA’ PER IL 2016

Con riferimento, infatti, all’inserimento nel modello 730 precompilato delle spese sanitarie del 2015 risulta al netto dei rimborsi; se però questi ultimi attengono a spese di anni precedenti devono essere ricompresi tra i redditi a tassazione separata.

730 PRECOMPILATO, RIMBORSI SU SPESE MEDICHE: COSA SI DEVE SAPERE

PER APPROFONDIMENTI SI CONSIGLIA ANCHE:

730 precompilato: da oggi disponibile il MODELLO. Accesso, Invio e prossime scadenze

COSA SAPERE SU MODELLO 730 PRECOMPILATO? TUTTE LE ISTRUZIONI NEL SEGUENTE MANUALE

MODELLO 730

MODELLO 730

Armando Roncher, 2016, Maggioli Editore

La collana dichiarazioni fiscali si propone come:guida pratica alla redazione dei modelli dichiarativi e degli adempimenti ad essi connessi (versamenti, invii telematici, integrazioni, ravvedimenti ecc.) indispensabile strumento di aggiornamento in relazione a novità normative,...



1) SPESE MEDICHE: QUALE DATA?

Come anticipato sopra, le spese mediche del 2015 sono inserite nel 730 precompilato al netto di quelle rimborsate nel medesimo periodo d’imposta. Al contrario, i rimborsi ricevuti nel 2015 però riferiti a spese sostenute in anni di imposta pregressi sono riportati nel rigo D7, compresi quindi tra i redditi da assoggettare a tassazione separata.

Nel caso, infatti, il contribuente, nelle passate dichiarazioni dei redditi, non si sia tuttavia detratto totalmente o parzialmente le spese rimborsate, è tenuto a correggere il modello precompilato, abbassando o togliendo, a seconda dei casi, quanto precaricato dall’Agenzia delle Entrate e sottoposto inesattamente a tassazione.

2) SPESE MEDICHE: QUALI INFORMAZIONI DA INSERIRE?

Per le spese sanitarie rimborsate durante il 2015, il cui sostenimento da parte del contribuente però riguarda anni passati, l’informazione viene direttamente inserita dall’amministrazione finanziaria nel modello 730 precompilato al rigo D7.

Questo per via del fatto che nel momento in cui il modello viene predisposto dall’amministrazione finanziaria, quest’ultima non è a conoscenza del fatto che le spese sanitarie rimborsate siano state effettivamente detratte dal contribuente nelle passate dichiarazioni dei redditi.

Da ciò ne deriva che tali rimborsi vengono inseriti nel 730/2016 tra i redditi da assoggettare a tassazione separata, seguendo quindi le disposizioni della normativa fiscale.

3) SPESE MEDICHE: QUALI RIMBORSI PER IL 2016?

Il contribuente, con riferimento alle spese mediche sostenute nel corso del 2015 e rimborsate nel 2016, dovrà stabilire se inserirle o meno tra quelle detraibili di quest’anno.

Per il totale, tale inserimento implicherà che nella dichiarazione dei redditi dell’anno prossimo bisognerà procedere con la tassazione separata per l’importo rimborsato; viceversa, una precisazione al rigo E1 al netto consentirà di chiudere immediatamente i conti con il Fisco.

4) SPESE MEDICHE: COME FUNZIONA LA TASSAZIONE DEL RIMBORSO?

Le somme che confluiscono al rigo D7, in mancanza di un intervento manuale, faranno sì che nella dichiarazione di quest’anno si manifesti un debito d’imposta del 20% del rimborso delle spese mediche ricevuto.

A meno che non si opti per la tassazione ordinaria, questi redditi non vengono infatti congiunti con gli altri prodotti di norma nel periodo in cui si è determinato complessivamente il reddito, scontando invece una tassazione preliminare autonoma e parziale.

Questo implica il versamento immediato di un acconto dell’imposta pari al 20% e la consecutiva quantificazione dell’importo realmente dovuto da parte delle Entrate con notifica al contribuente di una specifica comunicazione implicante la richiesta di pagamento del saldo dovuto entro 30 giorni dal ricevimento.

5) SPESE MEDICHE: COME FUNZIONA LA TASSAZIONE SEPARATA?

In base all’articolo 21 del Tuir, l’imposta riguardante la tassazione separata deve essere determinata applicando all’importo degli oneri rimborsati l’aliquota media calcolata su un reddito figurativo prodotto dalla metà del reddito complessivo netto dichiarato dal contribuente nel biennio precedente all’anno in cui per tali redditi è scaturito il presupposto per la tassazione. Successivamente, a questo importo viene dedotto l’acconto del 20% versato al momento della dichiarazione.

Rimane comunque al contribuente la possibilità di optare per la tassazione ordinaria, facendo, però, attenzione ad indicare espressamente questa scelta nella dichiarazione dei redditi attinente all’anno d’imposta in cui il rimborso viene percepito, crocettando la corrispondente casella 2, al rigo D7. Il reddito, in tal caso, farà cumulo con gli altri redditi che sono riconosciuti nel periodo d’imposta e sarà tassato in dichiarazione ordinariamente.


CONDIVIDI
Articolo precedenteConcorso Scuola, cosa studiare? Prova Scritta: le competenze comunicative da sapere
Articolo successivoCartelle Equitalia: quando non vanno pagate? Ecco le nuove regole

6 COMMENTI

  1. Quest’anno ho dato una sbirciata al 730 precompilato (senza farlo) e nei rimborsi ho visto una certa cifra già scalata, a cosa si riferisce tale cifra? La differenza pagata per i medicinali è da aggiungere la 730 precompilato?

  2. ma se le spese sanitarie a cui si riferisce il rimborso 2015 non erano state inserite proprio nell’anno precedente, cosa succede? pago la tassazione separata, senza aver usufruito del 19 per cento di detrazione? c’è un modo per togliere i dati del rigo D7?

  3. Ma avete letto? Queste non sono leggi, sono arzigogoli. Ma come riescono a concepire simili schifezze?

  4. Hai perfettamente ragione. E’ un’incongruenza inaccettabile.
    Ma quando c’è da prendere, il fisco non si fa certo problemi.

  5. Quoto : “Il reddito, in tal caso, farà cumulo con gli altri redditi che sono riconosciuti nel periodo d’imposta e sarà tassato in dichiarazione ordinariamente.”

    Il rimborso spese sanitarie su cui è stato ottenuto uno storno irpef del 19% è assimilato a reddito da tassare ordinariamente ????. Il rimborso delle spese per la sanità sostenute col proprio reddito netto non può di per sè formare altro reddito aggiuntivo ma, semmai, essere oggetto di restituzione del beneficio ottenuto quando e se dovesse verificarsi. Se l’art. 21 del Tuir si riferisse a tale ipotesi sarebbe palesemente illegittimo.

  6. Con riferimento, infatti, all’inserimento nel modello 730 precompilato delle spese sanitarie del 2015 risulta al netto dei rimborsi; se però questi ultimi attengono a spese di anni precedenti devono essere ricompresi tra i redditi a tassazione separata.

    Sì che a fronte di una detrazione d’imposta del 19% mi sottoporrò ad una tassazione media superiore al beneficio ottenuto. Mi sembra paradossale.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here