Dando seguito a quanto anticipato un paio di mesi fa, quando si ebbe la notizia di una collaborazione tra ENI ed Enel a favore della mobilità elettrica, i due gruppi energetici hanno ufficializzato oggi il loro accordo firmando a Roma una lettera d’intenti.

Leggi i termini della collaborazione tra ENI ed Enel per la mobilità elettrica

L’accordo tra ENI ed Enel riguarderà numerosi aspetti, a partire da quello puramente tecnologico, fino ad arrivare all’aspetto commerciale. Il piano comune prevede una fase iniziale in cui si lavorerà alla definizione delle soluzioni migliori nell’ottica della diffusione della rete di ricarica elettrica, per passare poi, entro l’anno in corso, all’installazione vera e propria della colonnine di ricarica Enel presso alcuni punti strategici di ENI.

>>Scopri dove sono le colonnine di ricarica elettrica a Roma

Gli impianti per la ricarica rapida della compagnia elettrica faranno la loro comparsa presso alcune ENI Station selezionate, ma saranno implementate anche presso la sede direzionale ENI a San Donato Milanese e a Roma, in via Laurentina, dove sorge la sede della divisione Refining & Marketing del gruppo energetico.

>>Scopri dove sono le colonnine di ricarica elettrica a Milano

La collaborazione tra i due gruppi dovrebbe dare qualche risultato anche per quanto riguarda le reti intelligenti, soprattutto quando le colonnine Enel saranno installate nelle stazioni ENI già dotate di sistemi che sfruttano le energie rinnovabili per coprire il proprio fabbisogno energetico, come ad esempio quegli impianti forniti di pannelli fotovoltaici.

Per gli automobilisti, invece, presso alcune ENI Station ci sarà la possibilità di fare rifornimento alla propria auto elettrica tramite colonnine di ricarica rapida che, secondo quanto spiegato da Enel, sono in grado di erogare energia a corrente continua e a corrente alternata, rifornendo una vettura in circa 20 o 30 minuti al massimo.

da: www.greenstyle.it


CONDIVIDI
Articolo precedenteLegge di Stabilità 2016: chi pagherà meno tasse sulla casa? Guida ai casi
Articolo successivoComuni: perchè affidare direttamente ad Equitalia è illegittimo?

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here