Al New Delhi Auto Expo, Honda R&D India ha presentato l’erede della CX-01

 

La Honda Motorcycle and Scooter India è un’azienda indiana che dipende direttamente dalla Casa madre giapponese e produce per i mercati di quell’area diversi modelli di moto e scooter, specificatamente realizzati nell’ottica delle esigenze di quella clientela.


 

Oltre ai modelli di serie, la Honda R&D India (Honda Research and Development India) sviluppa anche dei concept e al New Delhi Auto Expo 2016, che si è svolto la settimana scorsa, ha presentato la CX-02 ovvero il Concept Cross 02, evoluzione del CX-01 concept presentato nell’edizione 2014 dello stesso evento, ovvero 2 anni fa.

Esteticamente esibisce un aspetto più muscoloso rispetto alla precedente versione anche per adeguarsi al motore più prestazionale. Pur non essendo state diffuse neanche per la CX-02 informazioni a riguardo, si può visivamente dedurre che, se per la CX-01 era previsto un motore mono cilindrico, la CX-02 sarà dotata di un bicilindrico raffreddato a liquido che potrebbe avere una cilindrata tra 400 e 500 cc. Come telaio adotta lo stesso traliccio della CBR250R con forcella a steli rovesciati anteriormente e mono ammortizzatore posteriormente.

Gli pneumatici montati su cerchi in lega neri da 17” sono degli Avon Distanzia nella misura 120/70-R davanti e 160/60-R dietro. I freni con ABS sono a disco forato con pinze Nissin.

Il silenziatore di scarico è lo stesso visto sulla CBR 150R e 160R Hornet, ricoperto in carbonio con profili rossi che richiamano il colore del serbatoio e del parafango anteriore.

 

Il gruppo ottico anteriore full Led è diviso in 2 parti, per il faro e per la luce diurna DRL (Daytime Running Lights), mentre gli indicatori di direzione sono incassati nel manubrio.

 

Al centro la strumentazione digitale con display a colori e un piccolo cupolino a parziale protezione dall’aria.

 

Anche la luce posteriore è full Led, sagomata in modo da riproporre la «H» di Honda.

[ Paolo Pauletta per:motori360.it]


CONDIVIDI
Articolo precedenteISEE 2016: i nuovi modelli. Le nuove istruzioni per accedere alle agevolazioni
Articolo successivoLa Società Benefit: una prima lettura

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here