Un’ulteriore novità emerge circa le nuove modalità di addebito del canone Rai 2016.

CANONE RAI 2016 IN BOLLETTA: COME RICHIEDERE L’ESONERO? 

TUTTE LE ISTRUZIONI PUNTO PER PUNTO LE TROVI NELLA CIRCOLARE DEL GIORNO N. 66 DEL 06.04.2016

PER AVERE TUTTI GLI AGGIORNAMENTI SU CANONE RAI 2016 TI CONSIGLIAMO IL NOSTRO SPECIALE

Si apprende, infatti, che sarà la residenza presso un determinato immobile il criterio base con il quale decidere chi dovrà avere il canone Rai addebitato nella bolletta elettrica e chi invece no.

Con riferimento, poi, ad un ipotetico utente che attiva una fornitura di energia nel mese di novembre o di dicembre, il versamento del canone sulla tv partirà da gennaio.

A chiarirlo lo stesso Ministero dello Sviluppo economico, attualmente al lavoro per redigere il decreto attuativo delle nuove regole sul canone Rai, che, com’è noto, verrà addebitato nelle bollette della luce, a partire dal prossimo mese di luglio, in base a quanto disposto dalla legge di Stabilità 2016 (legge 208/2015, articolo 1, commi 153 e seguenti).

PER SAPERE TUTTO QUELLO CHE PREVEDE LA LEGGE DI STABILITA’ TI CONSIGLIAMO IL NOSTRO SPECIALE SU LEGGE DI STABILITA’ 2016

La legge di stabilità 2016

La legge di stabilità 2016

Elisabetta Civetta, 2016, Maggioli Editore

La legge di stabilità 2016 trova la sua regolamentazione nella legge 208/2015 composta da 999 commi. Sul fronte della fiscalità locale, la legge di stabilità 2016 interviene sia sull’abitazione principale introducendone la sua esenzione ai fini TASI, sia sui...



Il provvedimento, che in base alla legge di Stabilità era atteso per la giornata di ieri 15 febbraio, avendo avuto il Governo 45 giorni di tempo, a partire dal 1° gennaio, per chiarire gli ultimi punti oscuri del nuovo sistema di addebito, in realtà sembra lasciare irrisolti ancora diversi punti interrogativi.

La tavola rotonda tra i ministeri dello Sviluppo economico e dell’Economia, l’Autorità per l’energia elettrica ed il gas e le associazioni di rappresentanza delle aziende elettriche, è quindi ancora rimasta aperta. Intanto, il viceministro all’Economia, Enrico Zanetti, giovedì scorso aveva spiegato, durante un question time alla Camera, che la dichiarazione del possesso della televisione non farà scattare i controlli negli anni precedenti.

CANONE RAI IN BOLLETTA: CHI DEVE PAGARE?

Il canone Rai, come confermato dal Mise, verrà addebitato esclusivamente sulle utenze residenziali, pertanto l’addebito riguarderà soltanto le “prime case”. L’informazione, già a disposizione delle compagnie elettriche, è anche già riportata nella bolletta della luce.

CANONE RAI: COSA SUCCEDE PER GLI INTESTATARI DI FORNITURA CON TARIFFA D3?

Con riferimento agli intestatari di contratti di fornitura con tariffa “D3” (riguardo abitazioni di residenza con impegno di potenza che supera i 3 kW e per quelle non di residenza), potrebbe sorgere una complicazione qualora l’utente non abbia dichiarato la residenza.

Infatti, l’Agenzia delle Entrate ha già provveduto ad identificare chi si trova in questo tipo di situazione, e pertanto ne trasmetterà gli identificativi all’Acquirente unico, il quale a sua volta li comunicherà direttamente alle compagnie elettriche.

CANONE RAI: COSA SUCCEDE PER DUE CONIUGI RESIDENTI IN 2 ABITAZIONI DIVERSE?

In applicazione del medesimo principio, tuttavia, due coniugi che risultano residenti in due differenti abitazioni, con un’utenza elettrica di tipo “residenziale” nelle due case, dovranno pagare il canone Rai due volte.

CANONE RAI: COSA SUCCEDE PER CHI HA PIU’ DI UN’UTENZA ELETTRICA INTESTATA?

Il contribuente che risulta avere più di un’utenza elettrica intestata a sé stesso sarebbe, invece, tenuto a pagare con riferimento soltanto all’abitazione nella quale ha fissato la propria residenza.

CANONE RAI: COSA SUCCEDE PER L’INQUILINO CHE HA RESIDENZA IN UN IMMOBILE MA NON HA UN’UTENZA INTESTATA?

L’inquilino che risiede in un immobile, non avendo però un’utenza elettrica intestata a sé sarà tenuto a pagare il canone televisivo, seguendo modalità che saranno stabilite dal decreto a cui lavorano Mise e Mef. In ogni caso, il soggetto che è proprietario dell’immobile dovrà pagare soltanto per la casa in cui ha stabilito la residenza.

CANONE RAI: COME EVITARE PAGAMENTI DOPPI?

Il primo problema, quindi, coincide proprio con il riuscire a far fronte alle eventuali duplicazioni nell’addebito del canone Rai. Per scongiurare i doppi versamenti, e così tutelare i contribuenti, dunque, sarà fondamentale il corretto ed esaustivo scambio di informazioni tra compagnie elettriche, Comuni ed Agenzia delle Entrate, per riuscire ad avere gli elenchi corretti di tutti coloro che dovranno vedersi recapitare l’addebito del canone in bolletta e di tutti quelli che, al contrario, non dovranno averlo in quanto esenti (come anziani con più di 75 anni e con un reddito proprio e del coniuge compreso entro i 6.713,98 euro annui) o in quanto titolari di un’utenza elettrica per la seconda casa, o ancora in quanto sprovvisti di televisione nel 2016, avendolo però opportunamente comunicato all’Agenzia delle Entrate.

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE: Canone Rai: quali sono gli apparecchi esenti? L’elenco completo

Spetta, infatti, proprio alle Entrate preparare il modello per inoltrare questa comunicazione, che, al più tardi, dovrebbe essere fatta entro maggio, al fine di riuscire a consentire alle compagnie elettriche la fatturazione dal mese di luglio.

Compito ulteriore rimesso all’atteso decreto attuativo, sarà poi quello di chiarire le modalità di fatturazione, soprattutto con riferimento a chi, ad esempio, cambierà fornitore durante il corso dell’anno oppure per chi attiverà una fornitura a novembre o a dicembre (in quanto, infatti, l’addebito delle 10 rate avverrà da gennaio ad ottobre, a parte l’eccezione di questo primo anno, nel quale la fatturazione parte appunto da luglio).

Nel caso di utenti che attivano la fornitura a novembre o dicembre, dallo Sviluppo economico hanno fatto sapere, come anticipato sopra, che al fine di facilitare compagnie ed utenti, l’addebito potrà direttamente partire dal mese di gennaio dell’anno successivo.

Anche le modalità di riscossione (e applicazione dei relativi, eventuali, interessi), in caso di morosità sul canone, sono ancora da chiarire, così come da specificare sono anche le sanzioni che scatteranno nei confronti delle imprese elettriche qualora vengano violati gli obblighi di comunicazione e pagamento dei canoni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


14 COMMENTI

  1. Titolare di 2 utenze nella casa in cui viviamo. 1 intestata a mè e una untestata a mia moglie. cosa devo fare?
    Giuliano

  2. Buongiorno,sono intestatario delle forniture elettriche della prima casa e della seconda con gestori diversi (ACEA -ENEL) mentre mia moglie convivente è intestataria dell’abbonamento RAI.Debbo mandare qualche comunicazione?

  3. buon giorno Titolare di due utenze elettriche nello stesso immobile, come mi comporto

  4. il commento del sig.Paolo Gargiulo inquadra la mia situazione.ho scaricato il modulo per comunicare……..a chi? da nessuna parte trovo dove inoltrarlo e chi è il soggetto che si impegna
    a presentarlo. INTERMEDIARIO chi è??????????????
    Grazie se qualcuno può spiegarmi.

    Filippo Eugenio Marchiafava

  5. Buon giorno, ho 50 televisioni, ed attualmente non pago un cazzo, esattamente come farò anche dopo, perché rubo la corrente elettrica direttamente dall’illuminazione pubblica.
    Come posso faranno a farmelo pagare?

  6. Buon giorno, ho 50 televisioni, ed attualmente non pago un cazzo, esattamente come farò anche dopo, perché rubo la corrente elettrica direttamente dall’illuminazione pubblica.
    Come posso fare per pagarlo?

  7. Salve sono un erede che o ereditato il 50 percento della proprietà e l’utenza intestata a mia zia deceduta il 21/12/2015 che pagava il canone rai, a distanza di una settimana o spedito una raccomandata alla rai dove dichiaravo la morte di mia zia con il certificato di morte. Come mi devo comportare ,debbo fare l’autocertificato per dichiarare che in quella abitazione non ci sono più televisori,

  8. Buon giorno,
    L’intestatario della fornitura elettrica della 1^ casa è mia moglie, mentre l’intestatario della fornitura ellettrica della 2^ casa sono io.
    A chi verrà addebitato il canone Rai ?
    Grazie

  9. Buongiorno, sono intestatario di un apparecchio televisivo, ho sempre ricevuto il bollettino per il pagamento del canone che ho sempre regolarmente pagato.
    Abito assieme a mia moglie che è unica intestataria sia della casa che dell’ utenza elettrica, chi paga il canone?

  10. Non mi pare che nell’articolo siano (ancora) contemplati tutti i casi.
    Io ho una seconda casa dove non possiedo tv così come per la residenza. E infatti ho già mandato autocertificazione di non possesso. Ma non ho idea di come non pagare il canone nella seconda casa visto che si spiega solo come non pagarlo due volte.

  11. buongiorno pago il canone dove risiedo ma non ho il contatore ,ho il contatore in altra casa non residenziale mi arrivera da pagare o debbo denunciare per pagare sulla bolletta non residenziale

  12. Buon giorno,io sono un erede di una abitazione disabitata ma paghiamo la fornitura elettrica che e intestata a mio padre (deceduto nel1995) cosa devo fare.grazie

  13. Buongiorno: Io sono intestatario di una fornitura elettrica della 1° casa mentre mia moglie, che ha la mia stessa residenza, è intestataria della fornitura elettrica della 2° casa attualmente vuota in fase di ristrutturazione, nel caos generale di questo nuovo onere vorremo sapere se dobbiamo pagare uno o due canoni rai
    grazie

SCRIVI UN COMMENTO

Scrivi il tuo commento!
Inserisci il tuo nome