Leader europeo delle due ruote con una quota di mercato complessiva del 15,1% a settembre (in crescita sul 14,5% del primo semestre) che sale al 25% nel solo settore scooter, il Gruppo Piaggiosi presenta a EICMA 2015 con tante novità di prodotto per tutti i brand e tre anniversari: quello dello stesso gruppo di Pontedera, che quest’anno festeggia i suoi 130 anni di vita, i 95 anni di Moto Guzzi e i 70 anni di Vespa, che cadono nel 2016.

Tra le novità presenti al salone di Milano Liberty e Medley, due scooter a ruote alte completamente nuovi spinti dai nuovi motori Piaggio iGet. Nasce poi Piaggio Wi-Bike, una eBike costantemente collegata al web e governabile via smartphone. I 95 anni di Moto Guzzi (fondata nel 1921 a Mandello del Lario) saranno invece celebrati con quattro moto completamente nuove: le V9 Bobber e Roamer con il nuovo motore Moto Guzzi 850cc. E ancora la V7 Stornello 750, e al top della gamma di Moto Guzzi la grande 1400cc MGX-21 “Flying Fortress”.

Aprilia invece festeggia i 54 titoli mondiali e il successo in Superstock 1000 di questa stagione con la nascita del progetto Aprilia Racing Factory Works: moto da corsa fino a 230 CV preparate su misura per piloti professionisti, collezionisti, appassionati. In arrivo anche Aprilia RSV4 RF model year 2016. Infine, i festeggiamenti dei 70 anni di Vespa del 2016 (1,5 milioni di unità vendute dal 2005 a oggi, 166mila vendute nel solo 2015) prenderanno avvio con la nascita dei modelli speciali «Settantesimo» di Vespa PX, Primavera e GTS. Leader europeo delle due ruote il Gruppo Piaggio si presenta a EICMA 2015 con un fatturato nei primi nove mesi 2015 che supera il miliardo di euro (+7,7%) e 396.200 veicoli venduti nel mondo da gennaio a settembre di quest’anno.


Ricavi in crescita in tutte le aree geografiche (+6,4% in EMEA e Americas, +9,8% in India, +9,7% in Asia Pacific). Per quanto riguarda i brand del Gruppo guidato da Roberto Colaninno, nel settore scooter ricavi in crescita per Vespa (+6,8%), mentre nel settore moto il fatturato è cresciuto del 35,7% per Moto Guzzi e del 23,4% per Aprilia. (ilmessaggero.it)


CONDIVIDI
Articolo precedenteCome usare il web e i social network per crearsi opportunità di business
Articolo successivoDemocratico e legittimo l’ostruzionismo politico, ma fino ad un certo punto

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here