Continua la collaborazione tra la redazione di Moto.it e Automoto.it con la Polizia Stradale di Cremona per diffonde i temi di sicurezza stradale, aiutati anche dalla campagna del gruppo SIAS attivo in questo impegno anche con il sito Autostradafacendo.it.
In un articolo di recente pubblicazione, la Polizia Stradale ci spiega le differenze tra sorpasso a destra (vietato) e superamento a destra (lecito). E ricorda a tutti l’obbligo di occupare la corsia libera più a destra.

Grazie all’aiuto della Polizia di Stato e in particolare della Sezione della Polizia Stradale di Cremona, diretta dal Vice Questore Aggiunto Federica Deledda, cerchiamo di fare chiarezza su diversi comportamenti che hanno un risvolto diretto e immediato sulla sicurezza dei nostri viaggi in auto e in moto.
Siamo infatti saliti a bordo delle auto della Polizia per rispondere in modo semplice e immediato a tanti dubbi e per chiarire diversi aspetti legati alla circolazione stradale.
Di seguito trovate gli argomenti trattati dalle redazioni di Moto.it e Automoto.it con la Polizia Stradale. Dopo avervi spiegato come ci si comporta in presenza di un ostacolo in carreggiata e di guida pericolosa tenuta da altri utenti, passiamo ora a trattare un argomento spinoso, quello relativo al sorpasso a destra.

Sorpasso a destra: vietato
Si tratta di un comportamento vietato dal Codice della Strada (Art. 148) e molto pericoloso per sé e per gli altri automobilisti o motociclisti.


Superamento a destra: consentito
Nel corso degli anni la giurisprudenza della massima Corte è però giunta alla definizione di un comportamento differente da quello del sorpasso a destra. Stiamo parlando del superamento a destra, che è invece consentito.
Vediamo quindi di cosa si tratta. Chiariamo che il sorpasso a destra si verifica quando il veicolo si sposta sulla destra per superare il mezzo più lento. Il superamento a destra si ha invece quando il veicolo più veloce sfila quello più lento sulla destra, ma senza cambiare corsia.
La Cassazione ha infatti stabilito che questo comportamento non è passibile di sanzione, a patto però che chi sta davanti non abbia manifestato l’intenzione di rientrare a destra. La manovra va ovviamente fatta con molta cautela, perché è molto probabile che il guidatore del veicolo più lento sia distratto.

Obbligo di occupare la corsia libera più a destra
È infatti lui, il superato, a essere sanzionabile nel caso sopra descritto (superamento a destra), in quanto viola l’articolo 143 che stabilisce l’obbligo di occupare la corsia libera più a destra quando si percorre una strada con più corsie per senso di marcia, essendo le altre riservate al sorpasso (tranne quando è ammesso circolare per file parallele).

Autostradafacendo affronta il tema con vignette dedicate (vedi qui e qui) in nei seguenti articoli:

Norme e comportamenti per chi viaggia

Una mattina, vicino a casa…

di Andrea Perfetti – Moto.it


CONDIVIDI
Articolo precedenteLegge di Stabilità 2016: il testo definitivo, quali nodi da sciogliere
Articolo successivoAssemblea Nazionale ANCI: quanto contano i Comuni

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here