La nuova Legge di Stabilità 2016 (VAI AL TESTO AGGIORNATO) prevede nuove tutele a favore dai lavoratori autonomi e con partite IVA. Potenzialmente tali novità riguarderanno circa 2 milioni di lavoratori con l’obiettivo di eliminare ogni tipo di distinzione per coloro i quali svolgono un lavoro autonomo professionale. Una delle misure più attese è la disattivazione totale per il 2016 delle clausole di salvaguardia.

LEGGI ANCHE:  Legge di Stabilità 2016: tutto sul pacchetto fiscale che riduce le tasse

Si vuole alleggerire il peso dell’IVA in alcuni settori innanzitutto fondendo il vecchio regime dei minimi ed il nuovo regime forfettario in un unico regime agevolato. Sono due i punti fondamentali previsti: innanzitutto aliquota dell’imposta contributiva al 5% i primi 5 anni e successivamente al 15%, e poi l’innalzamento della soglia dei ricavi per poter usufruire delle agevolazioni fiscali a 30.000 euro. Dunque, riassumendo, chi apre una partita IVA nel 2016 sarà soggetto ad un regime di tassazione pari al 5% i primi 5 anni oltre i quali l’aliquota sale al 15%. Il tetto rimane comunque di 30.000 euro, senza tuttavia la previsione di limiti temporali di riferimento.


Per ciò che riguarda i professionisti senza cassa, invece, l’aliquota contributiva della Gestione separata Inps sarà bloccata al 27,72% e sarà istituito un Fondo con una dotazione finanziaria di 50 milioni di euro annui a partire dal 2016 allo scopo di favorire la tutela del lavoro autonomo non imprenditoriale e l’articolazione flessibile nei tempi e nei luoghi del lavoro subordinato a tempo indeterminato.

LEGGI ANCHE:  Legge di Stabilità 2016: tutte le novità per gli statali

La gravidanza, la malattia e l’infortunio non comportano automatica estinzione del rapporto di lavoro che rimane sospeso senza erogazione di denaro. I genitori dei bambini nati nel 2016 potranno godere di un congedo di 6 mesi da utilizzare durante i primi 3 anni del bambino, a fronte degli attuali 3 mesi da fruire nel primo anno dalla nascita o dall’ingresso in famiglia. Si conferma, inoltre, il diritto delle lavoratrici autonome all’indennità di maternità a prescindere dall’effettiva astensione dal lavoro.

LEGGI ANCHE: Legge di Stabilità 2016: tutti i contenuti


CONDIVIDI
Articolo precedenteLegge di Stabilità 2016: tutte le novità per gli statali
Articolo successivoNessun rimborso all’amministratore del condominio se non approvato dall’assemblea

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here