Porte aperte per il lancio della nuova Touran: 4 metri e mezzo, 5 posti+2, e un sistema di connessione unico nel segmento. Per viaggiare con i bambini, in tutta sicurezza e comodità, grazie ai nuovi sistemi hi-tech. I prezzi partono da 24.500 euro

Appuntamento nel week end con il lancio della nuova Touran. Dalla Casa giurano solo poco più di 50 innovazioni a bordo, ma a salire su Touran sembra sia passata un’epoca dalla scorsa generazione. È aumentata la lunghezza (13 cm) il passo (11 cm), lo spazio nell’abitacolo, a fronte di un peso diminuito (70 kg) e della capacità totale del bagagliaio (con 2 posti abbattuti) di 743 litri, il più ampio della categoria. Il segreto? La piattaforma modulare che è cambiata: ora l’auto è stata riprogettata sulla Mqb, il pianale della Golf per capirci, ripensando alle famiglie 2.0 che oggi non hanno solo bisogno di una vettura efficiente e funzionale.


“Abbiamo aggiunto modernità alla linea e soprattutto l’infotaiment per far sì che l’auto possa essere al passo con i tempi” dice Andrea Alessi, Direttore Volkswagen Italia. Addirittura l’MPV tedesco che da noi arriva a 7 posti (solo 5 a richiesta), oggi vanta un cuore tecnologico tra i primi nel segmento. Iniziamo con il dire che nell’abitacolo si è completamente connessi, grazie all’App connect: il Mirrorlink, il Carplay e Android auto infatti permettono l’integrazione di quasi tutti gli smartphone. Inoltre con Volkwagen Car-net è possibile connettere fino a 7 device, e scaricare poi un’applicazione per gestire anche dalle file dietro le fonti multimediali del veicolo: dal proprio tablet o telefono, proprio come fossero un telecomando, si imposta la colonna sonora, il tragitto, si consultano le informazioni sul traffico, si cercano i parcheggi della zona, si confrontano i distributori più convenienti.

Una tecnologia che non vuole abbattere la conversazione tra passeggeri, anzi. Volkswagen per stimolarla inserisce anche un sistema di altoparlanti e vivavoce che consente di parlare con chi siede dietro, come stesse a fianco. Utile soprattutto se magari gli ospiti sono piccoli …e fanno capricci. La Casa per incrementare la tranquillità dei genitori al volante ha pensato anche ad un sistema video, utile più che altro per i grandi viaggi: si chiama Cam-Connect: si connette la GoPro allo screen centrale così da aumentare il controllo visivo del retro, con immagini in rinnovamento ogni 5 secondi. Trovata geniale per gli automobilisti apprensivi, abituati piuttosto finora ad orientare in malo modo lo specchietto retrovisore.

 Sul fronte della sicurezza, ora la nuova Touran oltre alla massima protezione per tutti gli occupanti – fino a nove airbag – viene dotata di serie anche della frenata anti collisione multipla, in grado di rallentare in caso di impatto e ridurre l’energia cinetica ancora presente. Questo, oltre al sistema proattivo di protezione degli occupanti che, appena intercettata la possibilità di urto (frenata, volante, cambio) chiude i finestrini e pretensiona le cinture di sicurezza. Viene offerta poi l’assistenza nella guida in colonna, il side assist con alert in uscita per i veicoli in arrivo, e per la prima volta in assoluto sul segmento, il trailer assist per il rimorchio.
Insomma, la dimensione di Touran non risulta essere un vero e proprio ingombro, ma dato che è una vettura che, per la clientela cui si rivolge, girerà parecchio, perché non girarci comodi anche in città, senza che visuali e proporzioni siano un problema? Anche il portellone diventa elettrico finalmente, e basta un piede per attivare il sensore ed aprirlo. Dunque, anche a mani impegnate, con la famiglia al seguito in aiuto, quasi quasi anche fare la spesa pesa meno.

Dal 2003, anno del debutto, abbiamo venduto oltre 1,9 milioni di esemplari, di cui quasi 100.000 solo in Italia. Ora arriviamo anche con motori euro 6 e consumi da primato, in grado di dare ai clienti più di un’auto efficiente, un’auto completa”, conclude Andrea Alessi

La nuova monovolume oggi effettivamente monta nuovi propulsori con Start & Stop di serie su tutta la gamma, dichiarando per il 1.6 TDI da 110CV DSG 4,1 l/100 km e 109 gr C02 al km. Ad aggiungersi all’offerta anche il diesel 1.6 TDI da 150 CV (cambio manuale/DGS), il 2.0 TDI 190 CV (DSG), il benzina 1.2 TSI da 110 CV (cambio manuale).

 Già in prevendita, con commercializzazione a settembre, Touran arriverà nei 3 consoni allestimenti, con due speciali versioni dedicate alla clientela business. I prezzi partono da 24.500 fino ad arrivare 38950 euro.

di ILARIA SALZANO per repubblica.it


CONDIVIDI
Articolo precedenteConcorso scuola 2015: ecco chi può accedere
Articolo successivoStabilità, bonus assunzioni: quali sgravi per le stabilizzazioni dei contratti?

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here