Nessuna possibilità di prepensionamento per i lavoratori della cosiddetta Quota 96. Semaforo rosso, infatti, per le proposte inserite nell’articolo 1 del testo unificato della Settima salvaguardia elaborato dalla Commissione Lavoro della Camera il 1° ottobre scorso. Palazzo Chigi ha così respinto ogni possibilità di uscire dal lavoro per i 2.500 lavoratori della scuola, tra insegnanti e personale ATA, che sono in possesso dei requisiti per accedere alla pensione (60 anni e 36 anni di contributi o viceversa 61 anni e 35 di contributi entro la fine dell’anno scolastico 2011/2012).

LEGGI ANCHE: Esodati e Quota 96: ecco perché è necessaria la 7° salvaguardia

Il testo della legge di Stabilità (VAI AL TESTO), presentato la scorsa settimana dall’Esecutivo  e che ancora attende il via libera del Quirinale per la trasmissione al Senato, lascia fuori i Quota 96 della scuola. Salvo riconsiderazioni dell’ultimo minuto, quindi, anche per il prossimo anno scolastico non ci sarà il tanto auspicato, in particolar modo dal Ministro Marianna Madia, ricambio generazionale.


A partire dal 2016, inoltre, i requisiti per andare in pensione diventeranno più elevati grazie all’adeguamento alla stima di vita che prevede 4 mesi in più. Dal prossimo anno, dunque, saranno richiesti 66 anni e 7 mesi di età per raggiungere la pensione di vecchiaia, o viceversa 41 anni e 10 mesi di contributi per le donne e 42 anni e 10 mesi per gli uomini, indipendentemente dall’età anagrafica.

Per coloro i quali matureranno i suddetti  requisiti entro la data del 31 dicembre 2016 si aprirà la prospettiva dell’accesso alla pensione dal 1° settembre 2016, dal momento che per questo scomparto l’uscita corrisponde all’inizio del nuovo anno scolastico. Per lo stesso scomparto, tuttavia, si prospetta una novità: si tratta della proroga a tutto il 2015 della cosiddetta Opzione donna stabilita dalla nuova manovra di Stabilità 2016.

Le docenti che possiedono 57 anni e 3 mesi di età e maturano 35 anni di servizio entro il 31 dicembre 2015 (non 2016) avranno quindi la possibilità anche quest’anno di uscire dal lavoro il prossimo 1° settembre con un assegno calcolato interamente con il sistema contributivo. Un’altra novità riguarda invece il pensionamento anticipato per i lavoratori che nel 2011 recavano assistenza a soggetti disabili, che la legge di Stabilità intende prorogare. L’intenzione dell’Esecutivo, tuttavia, pare quella di rimettere mano all’operazione limitandola solo ai genitori che nel 2011 utilizzavano il congedo per i figli disabili gravi.

LEGGI ANCHE: Disabili: integrazione prima, durante e dopo la scuola, come?


CONDIVIDI
Articolo precedenteStabilità, bonus assunzioni: quali sgravi per le stabilizzazioni dei contratti?
Articolo successivoTasi e super Tasi: il dietrofront del Governo, chi dovrà pagare?

4 COMMENTI

  1. vorrei solo dire che farei scendere in campo, in una classe di 27/28 bambini, chi sta comodamente in poltrona al caldo d’inverno e al fresco d’estate, legifera e detta regole assurde. basterebbe farli stare 15gg e poi sono sicura che cambierebbero le leggi.ho sempre sostenuto che dovremmo fare sciopero bianco ad oltranza (stare in classe e sorvegliare semplicemente).dall’età di 55 anni il rinnovo della patente non è più ogni 10 anni ma ogni 5. questo significa che i riflessi, l’attenzione, la concentrazione diminuiscono; quindi chiedo ai politici: si può dare a bambini piccoli ciò che è loro diritto avere? questo è solo un banale esempio ma ce ne sarebbero tanti altri da sottoporre all’attenzione di chi pensa solo a come riempire il proprio portafoglio.

  2. E’ semplicemente vergognoso che nessuno intervenga! Ci stanno ricattando dopo 40 anni di servizio con i bambini! O stai al ricatto o forse non vedrai mai la pensione! Ricatto di Stato!

  3. Punita da un governo di ladri dopo 38 anni di servizio co nn la legge Fornero sono a casa con una pensione di 950 euro da cui vanno tolte le addizionali regionali di 27 euro e 15 euro di addizionali comunali.Il disgusto è sempre tanto.E2 possibile che queste regioni e comuni hanno sempre bisogno di soldi?

  4. e la truffa conseguente alle porcherie di fornero non trova giustizia. Gli aventi diritto maturato per la quota 96 continuano a subire la vile rapina. . eppure è stato riconosciuto l’obrobrio di fornero ,quindi il governo monti prima e il governo renzi adesso continuano il vile imbroglio ,
    Che schifo

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here