Più potenza e meno consumi dagli innovativi motori sovralimentati mentre gli ulteriori sviluppi sulla trazione integrale aumentano la dinamica e la sicurezza di guida

Più di un terzo delle Porsche 911, sono richieste a trazione integrale e le nuove 911 «4» Carrera e Targa offrono ancora più sportività e comfort rispetto alla 911 di ultima generazione. Inoltre, il telaio adattivo PASM (Porsche Active Suspension Management), di serie, con assetto ribassato di 10 millimetri amplia ulteriormente il ventaglio di impostazioni per l’impiego su strada o in pista, mentre l’asse posteriore sterzante (optional sui modelli Carrera 4S e Targa 4S) incrementa non di poco il dinamismo e la reattività dell’auto. Il sistema di connettività e infotainment Porsche Communication Management (PCM), di serie, con comandi semplificati e schermo multitouch, offre funzioni ampliate nell’abitacolo.


Numerosi i perfezionamenti estetici delle 911 Carrera integrali di nuova generazione, dalla fascia di raccordo luminosa tridimensionale dei gruppi ottici posteriori che, attivati, accentuano l’effetto di profondità. L’andamento orizzontale di questa fascia sottolinea, assieme ai pronunciati passaruota posteriori che fuoriescono di ulteriori 44 millimetri, la tipica silhouette posteriore delle 911 a trazione integrale. Altre caratteristiche distintive delle 911 di nuova generazione includono i fari con luci diurne a quattro punti, le maniglie delle porte senza guscio e il cofano posteriore di nuova configurazione con lamelle verticali e nuovi gruppi ottici posteriori comprendenti, tra gli altri, le caratteristiche luci stop a quattro punti.

L’esclusivo design della nuova 911 Targa la distingue ancora di più dalle versioni Coupé e Cabriolet, grazie alla presenza, come nella prima, leggendaria Targa, del caratteristico e ampio roll-bar al posto dei montanti centrali;  il tetto è costituito da un elemento mobile che scorre sopra i sedili anteriori mentre l’avvolgente lunotto posteriore è privo del montante posteriore. Il segmento mobile del tetto si apre e si chiude premendo un tasto, mentre la capote aperta trova spazio dietro i sedili posteriori.

Maggiore Sprint, minori consumi

I nuovi motori boxer dotati di compressori modificati e di specifici impianto di scarico e gestione del motore, rappresentano il compendio di oltre 40 anni impiegati da Porsche nella costruzione degli aggregati turbo nel Motorsport e nella produzione di serie. Grazie a questo tipo di sovralimentazione i «flat six» da 3 litri della 911 Carrera 4 e 911 Targa 4 erogano 370 cv (272 kW) con una coppia di 450 Nm, valori che nei modelli «S» salgono a 420 cv (309 kW) e 500 Nm. In entrambi i casi, il guidatore può convertire 20 cv (15 kW) di dinamica in più in puro piacere di guida.

Grazie alla trazione integrale, ora a comando elettroattuato, i modelli 911 Carrera 4 accelerano più rapidamente delle rispettive versioni a trazione posteriore. Equipaggiata con le opzioni cambio PDK e pacchetto Sport Chrono, la 911 Carrera 4 accelera da 0 a 100 km/h in 4,1 secondi (-0,4 secondi rispetto al modello precedente), il modello S in 3,8 secondi (-0,3 secondi). Alle versioni Cabriolet e Targa con equipaggiamento simile basta un battito di ciglia in più: solo 0,2 secondi. Le velocità massime si assestano, in base al modello e all’equipaggiamento, fra 287 km/h e 305 km/h.

Tradizionalmente, ogni nuova generazione di motori Porsche combina maggiore potenza a consumi ridotti. Quindi, nella 911 Carrera 4 Cabrio con PDK, il fabbisogno di carburante è di soli 7,9 l/100 km (meno 0,8 litri) mentre il risparmio più consistente si registra sulla 911 Carrera 4S Cabriolet e sulla 911 Targa 4S, entrambe con PDK, il cui consumo medio è ridotto di 1,2 litri per complessivi 8,0 l/100 km.

Mutuato dalla 918 Spyder il  pacchetto Sport Chrono con interruttore Mode

Chi investirà nel pacchetto Sport Chrono opzionale lo vedrà integrato dall’interruttore Mode al volante, ripreso dalla supersportiva ibrida 918 Spyder. Questo interruttore consiste in un anello rotante con quattro posizioni per impostare le modalità di guida «Normal», «Sport», «Sport Plus» e «Individual». Quest’ultima modalità consente al guidatore di configurare le impostazioni individuali ad esempio di PASM, supporti motore attivi, strategia del cambio PDK e impianto di scarico sportivo, se disponibili. In combinazione con il cambio PDK, l’interruttore Mode include un tasto supplementare, il pulsante «Sport Response». Attivandolo, il sistema di gestione di motore e cambio si predispone all’erogazione di 20 secondi di accelerazione ottimale, ad esempio in caso di sorpasso imminente, inserendo fra l’altro la marcia più appropriata.

L’azione combinata della nuova trazione integrale e del telaio PASM di nuova concezione con assetto ribassato di dieci millimetri (di serie in tutti i modelli Carrera), aumenta la stabilità della vettura nelle curve percorse ad alta velocità e questo grazie anche agli ammortizzatori di nuova generazione, la cui curva caratteristica ulteriormente ampliata, pur migliorando il comfort, offre una reazione dinamica ancora più precisa, garantendo la massima tenuta di strada qualora si adotti uno stile di guida «disinvolto».

L’asse posteriore sterzante attivo (opzionale nella Carrera 4S e Targa 4S e direttamente ripreso dalla 911 Turbo e dalla 911 GT3) fa guadagnare ulteriore agilità, esponenzia la stabilità di marcia nei cambi di corsia alle alte velocità e convince infine anche nel traffico cittadino, grazie alla maggiore maneggevolezza dovuta alla riduzione del diametro di sterzata di 0,4 metri. Il volante di nuova generazione, il cui design riprende quello della 918 Spyder, ha un diametro di 375 millimetri mentre il volante sportivo GT opzionale misura 360 millimetri. Per rendere agevole l’utilizzo dell’auto in città, viene offerto un sistema di sollevamento idraulico dell’asse anteriore con cilindri di sollevamento integrati nel gruppo molla-ammortizzatore che, con la semplice pressione di un tasto, in cinque secondi sollevano l’altezza da terra del frontale di 40 millimetri impedendo così alla vettura di toccare terra, ad esempio su rampe di accesso ai garage particolarmente ripide.

Sistema di connettività e infotainment: PCM

Il nuovo sistema di connettività e infotainment PCM, fornito di serie, integra nuove funzioni nello schermo multitouch da sette pollici collocato nel tunnel centrale. Il sistema di navigazione, sempre di serie, si comanda come uno smartphone ed elabora anche i dati immessi tramite scrittura manuale. Il guidatore ha a disposizione informazioni sul traffico in tempo reale e può inoltre collegare telefoni cellulari e smartphone tramite WLAN, Bluetooth o cavi in modo ancora più veloce, semplice e completo per poter usufruire sia dei servizi relativi alla vettura, come la gestione in remoto dei dati della vettura, sia di servizi forniti da Internet come Google Street View e web radio. L’offerta di questi servizi viene costantemente ampliata e sviluppata.

Le nuove Porsche 911 Carrera 4 e 911 Targa 4, già ordinabili, saranno in consegna nel mercato italiano a partire da fine gennaio 2016.

[ Giovanni Notaro per motori360.it ]

Prezzi, consumi ed emissioni   

911 Carrera 4: 107.926 euro

Consumi (l/100 km) combinato 8,7-7,7 ; urbano 12,2-10,1 , extraurbano 6,7-6,3 ; Emissioni di CO2 201-177 g/km; Classe di efficienza (Germania): F-E

911 Targa 4: 121.346 euro

Consumi (l/100 km) combinato 8,9-7,9 , urbano 12,4-10,3 , extraurbano 6,9-6,5 ; Emissioni di CO2 206-182 g/km; Classe di efficienza (Germania): F-D

911 Carrera 4S: 122.444 euro

Consumi (l/100 km) combinato 8,9-7,9 , urbano 12,4-10,3 , extraurbano 6,8-6,6 ; Emissioni di CO2 204-180 g/km; Classe di efficienza (Germania): F-E

911 Carrera 4 Cabriolet: 121.346 euro

Consumi (l/100 km) combinato 8,9-7,9 urbano 12,4-10,3 extraurbano 6,9-6,5; Emissioni di CO2 206-182 g/km; Classe efficienza (Germania): F-D

911 Carrera 4 S Cabriolet: 135.864 euro

Consumi (l/100 km) combinato 9,0-8,0 , urbano 12,6-10,4 , extraurbano 6,8-6,7 ; Emissioni di CO2 208-184 g/km; Classe di efficienza (Germania): F-E

911 Targa 4S: 135.864 euro

Consumi (l/100 km) combinato 9,0-8,0 , urbano 12,6-10,4 , extraurbano 6,8-6,7 ; Emissioni di CO2 208-184 g/km; Classe di efficienza (Germania): F-D


CONDIVIDI
Articolo precedenteBmw M4 GTS, scusi dov’è la pista?
Articolo successivoScandola, ha chiuso in testa le prove del sabato oggi il finale

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here