bmw

Uno è pensato per i centauri più sportivi, l’altro per il turismo. Entrambi mettono l’accento su comfort di guida e sicurezza

Guida sportiva o rilassata? In città o tra panorami mozzafiato? Qualunque sia l’esigenza BMW soddisfa tutti. Ecco i nuovi maxi-scooter C 650 declinati in versione Sport o GT a seconda delle preferenze: il modello Sport si adatta bene ai centauri dall’indole più sportiva, mentre la versione GT mette l’accento sul comfort di guida ed è quindi l’ideale per il turismo. Entrambi i modelli condividono tante novità che li rendono ancora più appetibili sul mercato tra cui la nuova taratura del cambio CVT in combinazione con guarnizioni della frizione rivisitate per una presa più dinamica e un comportamento di avviamento più scattante, nuova taratura di molle e ammortizzatori per un compromesso ideale tra sport e comfort, ABS e ASC di serie per la massima sicurezza nella fase di accelerazione, nuovi terminali di scarico per un sound più robusto e un look più dinamico, nuovo design dei quadranti, nuovi rivestimenti del manubrio con applicazioni cromate, nuove superfici, più pregiate, luce diurna automatica e cinematismo del cavalletto centrale rivisitato per sollevarlo in modo più semplice. Condividono anche il motore bicilindrico in linea Euro4 dalla cilindrata di 647 cm3 che assicura la spinta dinamica. La potenza nominale di entrambi i modelli è di 44 kW (60 CV) a 7 500 g/min ed è disponibile anche una variante di potenza di 35 kW (48 CV), richiamabili a 7.000 g/min. Nel dettaglio, il BMW C 650 Sport si presenta con design completamente rinnovato e dall’aspetto molto dinamico, con vernici speciali inedite come  valenciaorange metallizzato opaco, lightwhite pastello e blackstorm metallizzato. Il C 650 GT, invece, è stato accuratamente rivisitato e perfezionato con nuove carene laterali posteriori e un nuovo gruppo ottico posteriore cui si aggiungono le verniciature in blackstorm metallizzato, frozenbronze metallizzato e lightwhite pastello. Disponibile a richiesta anche il sistema Side View Assist, il primo sistema di assistenza alla guida motociclistica che aiuta, ad esempio, nei cambi di corsia monitorando l’angolo morto, utile specialmente nel traffico cittadino. (s.b. per repubblica.it )



CONDIVIDI
Articolo precedenteIsee 2015: controlli a campione per i furbetti
Articolo successivoPensioni, flessibilità: nessun taglio all’assegno per chi ha 42 anni di contributi

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here