Parte ufficialmente oggi la nuova cassa integrazione modificata dal Jobs Act con l’entrata in vigore del decreto attuativo sugli ammortizzatori sociali in costanza di rapporto di lavoro (dlgs 148/2015). In base alle nuove regole, si profilano così procedure più semplici ai fini dell’autorizzazione, una domanda e un’erogazione del trattamento più snelle e veloci, fondi bilaterali per le PMI che hanno fra i 5 e i 15 dipendenti.

Per chiedere la cassa integrazione il decreto, entrato in vigore oggi, stabilisce che deve essere l’impresa a presentare la domanda, in via telematica, all’INPS entro 15 giorni. Il tetto massimo della durata della cassa integrazione, tra trattamento ordinario e straordinario, è di 24 mesi, nell’arco di un quinquennio mobile. La durata del trattamento, poi, può salire a 36 mesi nel caso qualora, nel corso della crisi aziendale, siano stati utilizzati contratti di solidarietà.

Per accedere alla cassa integrazione ordinaria cambiano le modalità: sarà infatti l’impresa stessa a farne richiesta direttamente all’INPS. Vengono poi resi più veloci i tempi di erogazione che, per le istanze presentate a partire dal prossimo 1° novembre, passano a 30 giorni. Se la domanda viene inoltrata dall’azienda dopo 15 giorni dall’avvio della cassa integrazione, il trattamento avrà inizio dalla settimana successiva a quella di presentazione.


Nessuna perdita, tuttavia, si prospetta per il  lavoratore in quanto l’impresa è tenuta a versare la cifra corrispondente all’eventuale danno arrecatogli per via della protratta o omessa domanda di cassa integrazione. Viene messo il turbo anche alle procedure di consultazione sindacale per la cassa integrazione straordinaria. Si prospettano così 25 giorni che si riducono poi a 10 per le imprese che hanno meno di 50 dipendenti.

Da gennaio 2016 sarà la sede INPS territorialmente competente a provvedere ad erogare il trattamento. Per  termini e modalità d’istanza si attende a breve un decreto ministeriale. Si prevede, infine, l’obbligo di iscrizione ai Fondi di solidarietà per le PMI che superano il numero di 5 dipendenti. Il trattamento riconosciuto coincide con un assegno di solidarietà, per un periodo massimo di 12 mesi, nell’arco di un biennio mobile. E’ necessario redigere accordi aziendali collettivi che fissano una riduzione oraria fino a un massimo corrispondente al 70%.


CONDIVIDI
Articolo precedenteAbarth al Salone dell’Auto di Francoforte 2015
Articolo successivoRifiuti: le modalità di conferimento non spettano al sindaco ma ai dirigenti

1 COOMENTO

  1. Vedo che tutte le leggi sono buoni per il governo ,ma io sono un pensionato e mi domando ,ma come mai non si cerca di aiutare i disoccupati 40 enni che sono in possesso di laurea ,diploma e avendo fatto diversi concorsi (senza raccomandazione) si trova alle mie spalle Vorrei sapere come inviare una e-mail al pres. del consiglio a chi aiuta? la mia e una disperazione continua dopo tanti sacrifici,e pensare che mia figlia finirà a chiedere l’elemosina .Scusate ma ditemi se posso pubblicare il mio pebsiero su questo governo .grazie

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here