Non poteva essere questo il titolo dell’assise che ASAPS ha organizzato oggi pomeriggio durante i lavori delle Giornate della Polizia Locale che si tengono a Riccione.

Ottima la partecipazione, non poteva esser altrimenti con un parterre così importante e con un argomento d’attualità quale l’Omicidio stradale. I lavori sono stati presieduti e moderati da Vincenzo Borgomeo, noto giornalista e opinionista, che assieme al Vice Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Riccardo Nencini, al Direttore Centrale della Specialità e dei Reparti della Polizia di Stato Roberto Sgalla, al Comandante della P.L. di Verona Luigi Altamura, al Dirigente della Polizia di Stato e docente all’università di Bologna Ugo Terraciano, al Presidente dell’ASAPS Giordano Biserni, al Presidente dell’associazione Lorenzo Guarnieri Stefano Guarnieri e al Presidente dell’associaizone Gabriele Borgogni Valentina Borgogni, hanno entusiasmato tutta l’assemblea.

In particolare il Dirigente Sgalla ha annunciato il dato negativo che nel corso di quest’anno abbiamo già registrato, cioè quella dei morti sulle strade. Da 12 anni non avevamo il segno negativo, purtroppo il 2015 porta in saccoccia questo triste dato numerico. Esatta la sua puntualizzazione sui controlli che gli organi di polizia stradale stanno intensificando per quanto concerne la guida in stato di ebrezza e sostanze stupefacenti, però gli incidenti stradali registrano un incremento del mancato rispetto delle norma sulla velocità e sull’abuso dell’utilizzo durante la guida dei cellulari e simili apparecchi. Lo stesso Dirigente auspica, da parte del legislatore, un intervento al fine di emanare la norma sull’omicidio stradale e del Nuovo Codice della Strada.


Il Vice Ministro Nencini ha comunicato all’assemblea che nel pomeriggio odierno la commissione trasporti e giustizia hanno discusso sulle norme contenute negli articoli 589 e590 codice penale, al fine di modificarli e legiferare sull’omicidio stradale. Se i lavori proseguono senza intoppi, per il mese di dicembre 2015 sarà emanata la nuova norma. Speriamo che si un bel regalo da porre sotto l’albero di Natale. Inoltre, ha illustrato che si sta studiano in commissione il Nuovo Codice della Strada e pure una nuova normativa riguardante le infrastrutture e le manutenzioni delle strade, specie quelle urbane.

I Presidenti delle associazioni Guarnieri/Borgogni, fatte le dovute considerazioni sulle tempistiche, auspicano un’accelerazione per il noto provvedimento confidando in una calendarizzazione imminente.

asaps1

L’intervento del Presidente Biserni è stato come sempre molto caldo e puntuale, non solo sulle “stragi” che dobbiamo subire ogni giorni per dei soggetti che abusano di alcool e droghe alla guida dei veicoli, ma per tutte quelle fattispecie che gli uomini in divisa devono subire e portare nel loro animo. Tutti abbiamo visto le immagini dei bimbo morto nel mare greco, ma gli uomini delle Forze di Polizia purtroppo spesso vedono nostri bimbi morti in incidenti stradali, proprio oggi in terra toscana un bimbo di 12 anni e due giorni or sono in Sicilia due 16 falciati da un ubriaco.

Il Comandante Altamura ha parlato della grande professionalità che la Polizia Locale/Municipale ha messo in campo contro queste “stragi” e soprattutto contro la pirateria, fenomeno sempre in continua crescita. Lo stesso auspica che ci sia un maggior coinvolgimento di tutte le polizia e che le varie telecamere siano autorizzate dal Ministero competente a rilevare i dati dei veicoli sprovvisti di assicurazione e rubati. L’unione in questo caso fa la forza e premette di debellare il fenomeno.

Il Dirigente Terraciano, nell’excursus legislativo e giurisprudenziale ha tracciato una linea non solo culturale professionale, ma con il suo proverbiale interventi ha trasmesso agli operatori notizie importanti per una maggior professionalità in questo importante lavoro che tutti i poliziotti sanno fare egregiamente.

Voglio concludere questa giornata con una frase che ho letto sul libro “Sicurezza stradale, i 50 gol più belli” che oggi la ditta Sicurezza e Ambiente ha regalato ai partecipanti, scritta da Vincenzo Borgomeo: “Per aiutare tutti i player di questo mondo a non abbassare la guardia e per tenere alta l’attenzione sulla storica dichiarazione del nostro Presidente del consiglio lo scorso dicembre: <Tra gli impegni che prendo c’è quello, assolutamente fondamentale, del lavoro sull’omicidio stradale e l’ergastolo della patente sul fronte sicurezza stradale che è una battaglia di civiltà>. Una battaglia di civiltà che non deve rimanere solo uno slogan“.

Oggi registriamo che l’ergastolo della patente è utopia confidiamo che il Vice Ministro ci porti un positivo riscontro per l’omicidio stradale, di solito si


CONDIVIDI
Articolo precedenteRifiuti: le modalità di conferimento non spettano al sindaco ma ai dirigenti
Articolo successivoIsee 2015: controlli a campione per i furbetti

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here