In gran spolvero allo IIA di Francoforte la Casa del Tridente che espone i suoi gioielli MY16 in prima europea. Arrivano i motori Euro6 e nuovi contenuti fra i quali spiccano gli interni «Zegna Edition» riservati esclusivamente alle berline Ghibli e Quattroporte

In attesa del lancio del SUV Levante previsto per il 2016, Maserati schiera per la prima volta nel vecchio Continente al Salone di Francoforte tutta la gamma prodotto in versione Model Year 16 con i propulsori aggiornati nel rispetto della normativa Euro6.


3 le berline esposte: la sportiva Ghibli executive e 2 versioni della Quattroporte, ammiraglia del Tridente giunta alla sua sesta generazione cui si aggiungono, in rappresentanza della gamma GT, la coupé GranTurismo MC Stradale in versione Centennial Edition ed una GranCabrio Sport.

Per rendere le berline Maserati Quattroporte e Ghibli ancora più rispondenti alle esigenze ed alle aspettative della particolare tipologia di clientela cui si rivolgono, è stata effettuata un’ampia rivisitazione in tema di allestimenti e servizi che nel dettaglio illustriamo più avanti.

Le principali novità dei Model Year 2016

Motori benzina: introdotta la funzione Start&Stop nei propulsori per Quattroporte e Ghibli, (V6 Twin Turbo da 330 fino a 410 cv e V8 Twin Turbo da 530 cv) che sono ora omologati Euro6 e fanno registrare (a prestazioni invariate rispetto ai precedenti Euro5) una riduzione sino al 12% nelle emissioni e nei consumi. Nei V8 aspirati della gamma GranTurismo e GranCabrio, già allineati agli standard prescritti, l’adeguamento alla normativa Euro6 ha mantenuto inalterati consumi ed emissioni.

Motori diesel: invariati i livelli di emissioni, consumi e prestazioni sui motori V6 Diesel la cui omologazione Euro6 ha comportato l’introduzione della tecnologia AdBlue con il conseguente montaggio di un serbatoio dedicato alloggiato dietro al serbatoio posteriore.

Le novità per Quattroporte e Ghibli

Allestimento interno Ermenegildo Zegna: disponibile in tre varianti cromatiche sia per la Quattroporte sia per la Ghibli, abbina finissima pelle ad inserti 100% in fibra naturale di seta mulberry Zegna utilizzata per le fodere del padiglione, delle alette parasole, della plafoniera luci; il medesimo materiale viene utilizzato anche per i sedili ed i pannelli porta ma, in questo caso, la lavorazione viene ulteriormente impreziosita da impunture di colore contrastante. In evidenza anche il ricamo sul poggiatesta che pone in primo piano il Tridente.

Questo esclusivo allestimento «Zegna Edition» rappresenta il topdel Tridente in fatto di personalizzazioni; disponibile per tutti i mercati e su tutte le versioni Quattroporte e Ghibli, si può avere in tre differenti abbinamenti pelle/seta: pelle nera/Seta antracite, pelle color cuoio/antracite ed infine pelle rossa/Seta antracite.

Blind Spot Alert: disponibile a richiesta per Quattroporte e Ghibli, questo sistemamonitora i punti ciechi attorno al veicolo attraverso sensori radar dedicati, posizionati all’interno della fascia del paraurti posteriore ed avvisa il guidatore con segnali prima visivi tramite i Led integrati negli specchi laterali e poi acustici quando durante un cambio di corsia un veicolo viene a trovarsi in un «punto cieco» in situazione potenzialmente a rischio di collisione.

Rear Cross Path: funzione, a richiesta, pensata per aiutare il guidatore durante le manovre in retromarcia e in fase di uscita dal parcheggio, quando non è possibile vedere i veicoli che sopraggiungono. Il sistema – tramite dei sensori montati su ciascun lato del paraurti posteriore – rileva la presenza di mezzi diretti verso la vettura, avvisando visivamente e acusticamente il conducente.

Apertura/chiusura elettrica del baule con modalità «senza mani»: il Power Boot, di serie sulla Quattroporte GTS e disponibile a richiesta per le altre versioni di Quattroporte e Ghibli, permette di controllare automaticamente il cofano (in alluminio) del bagagliaio con diverse possibilità di attivazione grazie agli attuatori elettrici e a un dispositivo di blocco motorizzato. Inoltre, grazie alla modalità «senza mani», si può aprire e chiudere il cofano semplicemente muovendo il piede sotto il paraurti posteriore ed attivando così un sensore dedicato che riconosce la gestualità e apre o chiude il cofano, ovviamente solo se il sistema di sensori riconosce la prossimità della chiave.

Assistente Personale Siri: grazie al chip Apple integrato nel sistema di bordo Maserati Touch Control, a partire dal MY16 è stata introdotta l’assistente personale «intelligente» Siri (già parte dei dispositivi Apple) utile per l’utilizzo dei dispositivi iOS. Sfruttando la tecnologia Bluetooth, Siri permette a chi guida Quattroporte e Ghibli, di utilizzare l’iPhone, l’iPad o l’iPod Touch con i comandi vocali e di formulare domande per ottenere determinate informazioni. Per interagire con il sistema Siri utilizza un linguaggio del tutto naturale e questo è un bel vantaggio; inoltre per ragioni di sicurezza, Siri disattiva durante la guida tutte le applicazioni con contenuti visivi o richiedono l’interazione dell’utente, rispondendo esclusivamente con un feedback vocale ai comandi impartiti o alle domande che gli possono essere sottoposte

Impianto Audio: totalmente rinnovato a partire dal MY16 è ora disponibile (di serie su tutte le versioni di Quattroporte ma a richiesta su Ghibli) un nuovo sistema Harman Kardon con amplificatore da 900 watt a 12 canali, 10 altoparlanti, woofer alloggiati nelle portiere e il subwoofer posto sotto la cappelliera posteriore. L’impianto è di nuova concezione e garantisce una potenza ed una qualità del suono nettamente migliori rispetto al passato.

 

Inoltre Maserati può fornire, come optional su tutti modelli, un impianto audio Premium Surround Bowers & Wilkins caratterizzato dalla nuova ed avanzata funzione Clari-Fi che, pensata per la musica digitale, è in grado di restituire ai brani musicali i dettagli artistici persi durante la fase di compressione dei file audio. Clari-Fi analizza e ripristinando la qualità dei formati di musica digitale supportati, correggendo la forma delle onde sonore e ripristinando gli alti e i bassi mancanti.

[ Giovanni Notaro per motori360.it ]


CONDIVIDI
Articolo precedentePensioni 2015: vs flessibilità anche Scelta Civica, sindacati “inammissibile”
Articolo successivoPensioni novità: quanti sono gli esodati? I dati dell’Istat

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here