Il presidente del Consiglio Nazionale dei Geometri, Maurizio Savoncelli, nei giorni scorsi è intervenuto sul tema spinoso delle competenze progettuali dei geometri, manifestando soddisfazione perché sul tema “finalmente è stata fatta chiarezza”. I tre elementi innovativi sulle competenze progettuali dei professionisti tecnici che il parere 2539/2015 della seconda sezione del Consiglio di Stato ha introdotto in tema di costruzione di edifici in zona sismica e mediante l’uso del cemento armato riguardano:

– l’abrogazione dell’art. 1 del regio decreto n. 2229 del 1939 con la quale si eliminano riserve alla progettazione con il cemento armato;

– fra le varie categorie dei tecnici “titolari di diverse competenze tecniche” viene inclusa anche la collaborazione interprofessionale;


– per il geometra diventa sempre possibile svolgere in autonomia l’attività di progettazione architettonica (e amministrativa, comprendendo con questo termine la cura dei permessi e dei titoli autorizzatori) e direzione lavori.

Di fronte al quesito se il geometra può realizzare o meno opere in cemento armato, Savoncelli è stato chiaro: “Sì è possibile nelle zone a basso rischio sismico, purché non intervenga pericolo per la pubblica incolumità come è il caso delle modeste costruzioni civili, delle piccole costruzioni accessorie a quelle rurali e degli edifici per uso di industrie agricole, che non richiedono particolari operazioni di calcolo”.

Il nodo della “modesta costruzione”, stabilita dalla legge, non è del tutto sciolto, restando ancora privo di confini precisi. “Il termine di modesta costruzione è inserito nelle norme vigenti”, ha chiarito Savoncelli secondo il quale però “il problema è trovare una definizione condivisa del termine nel dibattito con le altre professioni tecniche”. Ora non resta che accelerare il percorso che porterà ad una definizione finalmente condivisa e priva di zone d’ombra.


CONDIVIDI
Articolo precedentePensioni: esodati verso la 7° salvaguardia
Articolo successivoToyota RAV 4 ora anche Hybrid, la novità del salone di Francoforte

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here