Caldo torrido, bombe d’acqua e improvvisa aria gelida. La pazza estate che volge al termine ci sta preparando ad un fine 2015 atipico. Mai come ora dotarsi di pneumatici adatti ad ogni condizione climatica è diventata una necessità imprescindibile. Ma la pigrizia, la disinformazione e i costi sono probabilmente i tre fattori che condizionano più di ogni altro le scelte e le non scelte degli automobilisti. L’esperienza di Euroimport Pneumatici, leader della vendita online di pneumatici, ci aiuta a districarci nell’universo degli pneumatici.

NORME Quasi il 20% degli italiani infatti, secondo i dati Delticom, dichiara di montare pneumatici estivi sulla propria vettura anche durante la stagione invernale, noncurante dei pericoli e delle sanzioni per il mancato rispetto delle leggi, in particolar modo in periodi soggetti ad eventi atmosferici come piogge intense, neve e ghiaccio. La Legge 120 del 29 luglio 2010 regola proprio la circolazione dei veicoli nei mesi invernali, imponendo l’uso di gomme invernali o catene idonee alla marcia su neve e su ghiaccio. Non solo, oltre al Codice della Strada, normative locali regolano il periodo in cui vige l’obbligo di montare questi, di norma dal 15 novembre al 15 aprile, con sanzioni amministrative che variano da 80 a 318 euro.

DIFFERENZE Ma chiariamo cosa contraddistingue gli pneumatici invernali o gomme termiche, da quelli estivi: per cominciare la conformazione, la mescola del battistrada fatta di una gomma più naturale appositamente sviluppata, si mantiene elastica e non si indurisce anche in presenza di temperature basse. Il particolare disegno del battistrada poi, fatto di numerose lamelle capaci di aderire alla superficie e uno spessore di almeno 4 millimetri che migliora la trazione e il controllo anche in curva. Caratteristiche di un pneumatico che grazie alla maggiore aderenza permette la massima sicurezza alla guida anche in presenza di intensi eventi atmosferici come rovesci d’acqua, grandine, neve e ghiaccio sul manto stradale. Recenti test dimostrano che anche dispositivi come Abs (sistema antibloccaggio freni) e Esp (programma elettronico di stabilità) hanno minore efficacia in situazioni estreme.


TEMPERATURE La temperatura ottimale per l’utilizzo di questi pneumatici è al di sotto dei 7 gradi e quindi più la temperatura è alta e minore è l’efficacia del pneumatico invernale sia in curva che in frenata. A temperature superiori ai 10 gradi questi pneumatici perdono gran parte della loro efficacia, diventano molto morbidi e allungano così gli spazi di frenata. Ad alte temperature si preferiscono sempre quelli estivi.

IL WEB L’e-commerce, come nel caso di Euroimport Pneumatici, abbatte ogni barriera per l’automobilista poco informato grazie al risparmio e alla varietà di scelta tra marca e modello; senza parlare delle informazioni che si possono reperire sul web riguardo durata, silenziosità, tenuta e consumi di carburante con un particolare modello di pneumatico.
Un’ulteriore sondaggio condotto nel Regno Unito fa emergere come più di 18 milioni di automobilisti fanno uso di gomme non a norma, violando sia le norme sul cambio stagionale che quelle sul limite del battistrada di 1,6 millimetri. Il 40% degli automobilisti non conosce nemmeno il limite legale, mentre il 13% pensa che la manutenzione degli pneumatici sia competenza di officine e garage. (ansa.it)


CONDIVIDI
Articolo precedenteStrade più sicure, ma non per tutti
Articolo successivoAbolire la figura del segretario comunale e provinciale è rock o lento?

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here