Equitalia ora ha tutte le carte in regola per entrare nei conti correnti degli italiani. Il “lasciapassare” è arrivato nei giorni scorsi alla commissione Finanze del Senato, dove è stato approvato un parere che rischia di rovinare le vacanze agli italiani (o, almeno, al 50% che secondo i dati potrà permettersele).

Sia come sia, la settimana scorsa, prima del rompete le righe che ha mandato in vacanza senatori e deputati per quasi un mese la commissione Finanze di palazzo Madama ha dato il via libera a una serie di novità davvero sorprendente e – c’è da attendersi – assai urticante per i contribuenti.

Dopo la richiesta avanzata da Lorenza Ricchiuti in quota Partito democratico, è stato dato l’ok a un parere che amplia i poteri attribuiti ai concessionari della riscossione, con conseguente flessione del gettito incassato negli ultimi tempi, dato certificato anche dalla Corte dei conti.


E non è tutto: viene anche confermato che, sì, Equitalia non potrà pignorare la prima casa, ma, a differenza dell’ente di riscossione, gli istituti di credito privato potranno continuare a farloe: in proposito, anzi, si è richiesto che lo sbilanciamento tra creditori di Stato e privati venga risolto. Che sia l’ennesimo tentativo di ripristinare il pignoramento da parte di Equitalia, dopo le numerose sentenze e normative che ne hanno decretato il divieto?

Aggio. C’è poi un altro punto all’ordine del giorno per l’attività di riscossione tributi: nel parere emanato dalla commissione Finanze si chiede di rivedere il taglio del 2% sull’aggio da riscossione. Si cerca di ridurre i compensi per l’attività di riscossione, che non vada oltre al 7%, cioè un punto percentuale in meno rispetto a oggi. Il contrasto alla riforma dell’aggio, poi, è proseguito con la richiesta di introdurre un periodo di avvicinamento progressivo alle nuove indicazioni normative, in modo che solo i ruoli affidati agli agenti a partire dal primo gennaio possano finire sotto il nuovo regime.

Autocertificazioni. Ancora, vengono messe in discussione le famose 72 rate entro cui può essere saldato un debito con il fisco, con la possibilità che emergano “comportamenti oppostunistici”. In sostanza, nel parere diramato dalla Commissione è presente una vera e propria stretta alle rateazioni tanto faticosamente approvate negli anni scorsi nel pieno della crisi e della recessione, che ha mandato sul lastrico migliaia di aziende e famiglie.

 


CONDIVIDI
Articolo precedenteRischia l’incostituzionalità l’approvazione all’ARS del ddl sull’acqua pubblica
Articolo successivoIl MOSS nella normativa comunitaria per l’e-commerce

2 COMMENTI

  1. dare la possibilità di un eventuale ritorno a PIGNORARE LA PRIMA CASA da parte di Equitalia sarebbe sfidare tutte le famiglie ed imprese ad una guerra civile. Premesso, che
    le tasse e latro dovuto devono essere pagata, ma i signori onorevoli che si prendono
    questa responsabilità (perché essi con tutti i soldi che prendono e le agevolazioni che
    hanno non sanno che significa farsi una modesta casa. Spero vivamente che non facciano
    porcherie. Grazie a voi per la possibilità che ci date con i commenti.

    P.S. Potete anche pubblicare indirizzo email tanto a quanto problemi sia il sottoscritto che
    altri non abbiamo paura di niente. Saluti

  2. ERA ORA DI RIPRENDERE LA LOTTA CONTRO CHI NON PAGA LE TASSE, CI SIAMO STUFATI NOI POVERI FESSI CHE LE PAGHIAMO SEMPRE E NON ANDIAMO A PIANGERE IN TELEVISIONE E SUI GIORNALI.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here