naspi

E’ finalmente possibile usufruire della Naspi, la nuova indennità di disoccupazione introdotta dal Jobs Act, a partire dal 15 luglio 2015. Sono stati necessari oltre due mesi di rodaggio, dunque, per la partenza ufficiale della nuova misura di sostengo al reddito per chi ha perso il lavoro.

A norma della riforma e dei decreti legislativi a essa collegati, infatti, la nuova sigla – che prende il posto della quasi omonima Aspi, varata nel 2012 dalla legge Fornero – sarebbe dovuta partire dallo scorso primo maggio, quando entrava a regime secondo le direttive nei testi di legge.

E invece, l’Inps ha avuto bisogno di altri 50 giorni per mettere a punto la macchina degli assegni di disoccupazione nell’era del Jobs Act, con una miriade di richieste effettuate nel frattempo. Secondo le prime rilevazioni dell’istituto di previdenza, infatti, sono oltre 200mila le domande già presentate per l’accesso alla prestazione. Nello specifico, rileva l’Inps, nel mese di maggio le domande inoltrate sono state poco meno di 70mila – 69.370 – mentre a giugno sono quasi raddoppiate con 136580 segnalazioni per richiedere la nuova Naspi.


Nonostante i numeri così elevati, l’ente previdenziale si dice certo di poter esaudire tutte le richieste pervenute in breve tempo: “Contiamo assolutamente nel mese di luglio di rientrare di questo periodo un po’ lungo utilizzato proprio per la complessità che la Naspi ha introdotto nei sistemi di calcolo”, ha sottolineato Luca Sabatini, direttore Prestazioni a sostegno del reddito dell’istituto guidato da Tito Boeri.

Cos’è la Naspi e a chi spetta

Platea. La nuova assicurazione sociale riguarda tutti coloro che abbiano perso il lavoro indipendentemente dalla loro volontà, ivi compresi i licenziati per ragioni di tipo disciplinare. Requisito minimo, 13 settimane di contribuzione nell’ultimo quadriennio oppure 30 giorni negli ultimi 12 mesi.

Come si compone l’assegno. Viene conferita una quota pari al 75% della retribuzione media degli ultimi 4 anni, entro un tetto di 1195 euro. A partire dal quarto mese, la prestazione scende del 3% ogni assegno.

Quanto dura. Viene erogata la Naspi per un periodo che corrisponde alla metà dei periodi retributivi riconosciuti negli ultimi quattro anni lavorativi: il massimo di due anni, dal 2017 passerà a 18 mesi.

La procedura telematica

Sono aperte dal 15 luglio 2015 le domande online per richiedere la Naspi in base ai requisiti sopra elencati. Per poter inoltrare domanda è necessario possedere il codice Pin del sito Inps, dopodiché si deve accedere all’area servizi online “Invio online domanda Naspi”.

Già 5mila domande sono state saldate il primo giorno di saldo.

Vai al testo definitivo del decreto sulla Naspi

Vai allo speciale Jobs Act


CONDIVIDI
Articolo precedenteCartelle esattoriali: tutti i casi di nullità
Articolo successivoVoluntary disclosure: le ultime FAQ delle Entrate. Ok Ivie e Ivafe

1 COOMENTO

  1. Sono un operato
    re socio assistenziale .lavoravo , per un centro riabilitativo R.S.A. per causa fallimentare .mi ritrovato licenziata dal 2012.ancora aspetto la mobilità in deroga del 2014, vorrei sapere come accedere. Al bonus di ri colazione

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here