http://www.comuni.it/2015/07/congedo-parentale-ultime-novita-dallinps-casistica-condizioni-limiti-temporali/

Elevazione dei limiti temporali di fruibilità del congedo parentale da 8 a 12 anni ed elevazione dei limiti temporali di indennizzo a prescindere dalle condizioni di reddito da 3 a 6 anni: sono le principali novità in materia di congedo parentale su cui ha fatto il punto l’Inps con un’apposita circolare, la n.139 del 17 luglio 2015.

Il decreto in oggetto è il n. 80 del 15 giugno 2015 in attuazione dell’art. 1, commi 8 e 9 della legge delega n. 183 del 2014 (Jobs Act), e concerne le nuove norme su maternità e paternità.

L’estensione del congedo parentale riguarda anche i genitori di figli (naturali e adottivi) con disabilità grave. Il prolungamento del congedo parentale spetta fino a dicembre 2015, salvo proroghe. In attesa della procedura telematica, la richiesta di congedo può essere fatta su modulo cartaceo.

Congedo parentale: come funziona


Il provvedimento approfondisce nello specifico quattro argomenti principali:

  1. Le lavoratrici ed i lavoratori dipendenti possono fruire dell’eventuale periodo di congedo parentale ancora spettante fino al compimento dei 12 anni di età del figlio oppure fino a 12 anni dall’ingresso in famiglia del minore adottato/affidato. La novità riguarda periodi fruiti entro il 2015.
  2. I periodi di congedo fruiti fino a 6 anni di età del figlio, oppure fino a 6 anni dall’ingresso in famiglia del minore adottato/affidato, sono indennizzati al 30% della retribuzione media giornaliera a prescindere dalle condizioni di reddito del genitore richiedente. La novità riguarda i periodi fruiti entro il 2015.
  3. La fruizione del congedo parentale tra il 25 giugno 2015 e il 31 dicembre 2015 è coperta da contribuzione figurativa fino al 12° anno del bambino ovvero fino al 12° anno di ingresso del minore in caso di adozione o affidamento; nei limiti temporali ai quali è sottoposta la riforma in oggetto, l’allungamento della fruibilità del congedo parentale si applica anche al beneficio di cui al comma 5 dell’art.35 del D.lgls.151/2001.
  4. Le domande all’INPS, anche per i periodi fruibili in base alla riforma, sono presentate on line, fatto salvo il periodo transitorio dal 25 giugno alla data dell’aggiornamento della procedura di presentazione delle domanda.

LA CIRCOLARE INPS COMPLETA

Chi può chiedere il congedo parentale

Il diritto al congedo parentale è riconosciuto ai lavoratori e alle lavoratrici dipendenti titolari di uno o più rapporti di lavoro in atto, nonché alle lavoratrici madri autonome per un periodo massimo di tre mesi. Il congedo parentale spetta al genitore richiedente anche qualora l’altro genitore non ne abbia diritto in quanto disoccupato o perché appartenente ad una categoria diversa dai quella dei lavoratori subordinati.


CONDIVIDI
Articolo precedenteFondo IMU-TASI, dal Ministero dell’interno tutti gli importi Comune per Comune
Articolo successivoDURC online, si parte! Tutte le regole sulla nuova regolarità contributiva

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here