Recentemente (il 15 Maggio scorso) è scattato il termine ultimo per sostituire gli pneumatici invernali in deroga: cosa significa?

Stando a un recente studio effettuato sugli pneumatici da un’agenzia di settore è risultato che l’Italia è il primo Paese europeo per il consumo degli pneumatici invernali: quelli che gli italiani comprano in un anno non vengono acquistati da tutti gli altri automobilisti europei.


Questo dato dovrebbe farci riflettere sul desiderio di sicurezza e di tranquillità che accomuna noi italiani, che siamo solitamente scrupolosi e maniacali quando si tratta di proteggere noi e i nostri cari.

Gli pneumatici invernali sono il dispositivo di sicurezza consigliato dal codice e dai proprietari della strada durante i mesi invernali: si tratta di pneumatici realizzati per garantire la massima aderenza in condizioni di fondo viscido e scivoloso, in presenza di acqua e neve. Proprio per questa loro caratteristica si distinguono dagli pneumatici estivi che, invece, hanno un battistrada più resistente e duro che non deve presentare particolari caratteristiche di grip perché presumibilmente non deve attraversare frequentemente strade allagate o innevate.

La legge impone che chi decide di montare questi pneumatici e non ha altri dispositivi invernali a bordo, deve necessariamente procedere al montaggio entro il 15 ottobre, pena delle ammende salate. Tuttavia, se l’automobilista viaggia con a bordo le catene da neve nessuno gli impedisce di viaggiare anche d’inverno con gli pneumatici estivi e, quindi, d’estate non esiste una legge che gli impedisce di viaggiare con gli pneumatici invernali.

 

A questo proposito, però, il codice della strada italiano ha introdotto una postilla e una eccezione a questa norma, prevedendo il caso degli pneumatici in deroga. Non tutti sanno di cosa si tratta, anche se in realtà molti li montano e non ne sono a conoscenza. Come ben sappiamo, infatti, nel libretto di circolazione di ogni vettura il costruttore indica le caratteristiche che devono avere gli pneumatici da montare su quello specifico modello d’auto affinché la vettura rispetti e si attenga agli standard minimi di sicurezza. Tra i parametri più importanti che vengono indicati nel libretto di circolazione spicca il codice di velocità a cui proprio il codice della strada ha concesso una deroga per i pneumatici invernali, a patto che non vengano utilizzati pneumatici con codice di velocità inferiore a Q.

 

Questo significa che l’automobilista può scegliere di montare sulla sua automobile uno pneumatico invernale con indice di velocità inferiore a quello riportato sul libretto ma in quel caso è obbligato per legge a sostituire lo pneumatico entro e non oltre il 15 maggio. Questo genere di situazione viene definita in deroga ed è particolarmente importante.

Esistono, infatti, delle vetture che prevedono l’utilizzo di pneumatici con un codice di velocità non riscontrabile in quelli sul mercato: in quel caso l’automobilista può scegliere di continuare a viaggiare con gli pneumatici estivi anche d’inverno, avendo cura di tenere le dotazioni invernali alternative a bordo, oppure può scegliere di montare pneumatici invernali con un codice di velocità inferiore.

 

Per tutto l’inverno, a patto che lo pneumatico rispetti le norme di sicurezza per tutti gli altri parametri, l’automobilista che viaggia con questo tipo di pneumatici ha dalla sua parte una deroga che lo esonera da qualsiasi provvedimento per il codice di velocità inferiore, ma deve attenersi pedissequamente ai limiti temporali imposti per la sostituzione con gli pneumatici estivi che si attengono perfettamente alle indicazioni del libretto di circolazione.

 


CONDIVIDI
Articolo precedenteLegge Severino: Anac e i 25 punti per cambiarla dopo De Luca
Articolo successivoLa Corte Costituzionale dichiara illegittimo l’ art. 1 della legge della legge 24/12/2012, n. 228

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here