Il primo giugno è una data che vuole essere storica nella previdenza italiana. Oggi, infatti istituzioni ed enti bancari sono sotto osservazione per il debutto delle pensioni al primo del mese, per tutti.

Si tratta di una innovazione introdotta nelle passate settimane, a seguito di un dialogo molto serrato tra Inps, Poste e istituti bancari che ha visto il coronamento dei propositi di armonizzare tutti gli assegni al primo del mese per tutti gli iscritti a ogni tipo di gestione previdenziale.

Il proposito era stato espresso inizialmente dal presidente Inps Tito Boeri, il quale aveva annunciato come primo intervento al welfare delle pensioni proprio l’adeguamento del calendario relativo alle erogazioni per i pensionati.


Ebbene, dopo aver trovato la quadra con gli sportelli che l’Inps utilizza per inviare gli assegni ai destinatari, da oggi si fa sul serio: per effetto del messaggio 3519 del 25 maggio, che ha ufficializzato l’avvento del nuovo “giorno di paga” universale per i pensionati italiani, in attuazione di quanto inizialmente disposto dal governo con il decreto 65/2015, in vigore dalla scorsa settimana, nel quale sono stati ufficializzati i rimborsi per le mancate rivalutazioni.

La necessità di spostare tutti i pagamenti Inps al primo del mese deriva dalla necessità, come detto, di utilizzare un unico giorno del mese per saldare gli assegni ai titolari della prestazione.

Dunque, da oggi tutte le procedure si sono standardizzate e rese uniformi con il passaggio delle varie scadenze a un’unica giornata, valida equamente per tutti i soggetti dell’Inps, anzi del SuperInps, che ora ingloba anche Inpdap ed Enpals.

In proposito, l’istituto previdenziale sottolinea che l’unica voce oggi mancante all’appello dovrebbe essere quella che riguarda i versamenti incrociati dei vari enti relativi a un singolo contribuente. Questo ulteriore step verrà superato, assicurano i tecnici del welfare, tra trenta giorni, dunque all’appuntamento del mese di luglio, quando il rodaggio della novità promessa da Boeri, ispirata da Renzi e infine messa a verbale, dovrebbe essere già avviata.

In caso che il primo del mese sia un giorno festivo, il pagamento sarà effettuato nel primo giorno in cui gli sportelli bancari saranno operativi successivamente.

Molto, comunque, dipenderà dall’esito odierno: se non ci saranno intoppi, allora potrà proseguire la sperimentazione fino all’entrata a regime. Viceversa, potrebbe anche verificarsi una clamorosa retromarcia, che costringerebbe governo e Inps a rimangiarsi i piani sin qui promessi.

Vai allo speciale pensioni


CONDIVIDI
Articolo precedenteGrande distribuzione senza reverse charge: va pagata l’Iva sugli acquisti
Articolo successivoNovità Imu e Tasi 2015

4 COMMENTI

  1. RITENGO GIUSTA L’EQUARAZIONE DEI PAGAMENTI, A PRIORI DELLA TIPOLOGIA DI PENSIONE, MA DA ESPERTO DI VECCHIA DATA – CONSIDERATO LA LOGICA DEI PENSIONATI, DI CUI FACCIO OGGI PARTE, LA COSA NON SARA’ MOLTO ACCETTABILE DAL PERSONALE FRONT-LINE DELLE POSTE. MOTIVO, SEMPLCE, CIASCUNO RICHIEDERA’ IL PROPRIO DIRITTO ALLA RISCOSSIONE “NEL PRIMO GIORNO DEL MESE” E CIO’ AAVVERRA’ CON INFINITI LITIGI AGLI SPORTELLI POSTALI E/O BANCARI CON RITORSIONE VERSO GLI IMPIEGATI (POVERE VITTIME DI UN SISTEMA CHE COMANDA – SENZA CURARSI DELLE CONSEGUENZE).GLI UFFICI NON POTRANNO ESSERE APPROVVIGIONATI DEI FONDI SUFFICIENTI A SODDISFARE TUTTI I DUE O TREMILA PENSIONATI (MINIMO) LORO IN CARICO.E SAREBBE ILLOGICO STIMOLARE EVENTUALI MALINTENZIONATI AD EFFETTUARE DIRETTAMENTE O MENO RAPINE A CARICO DEI ” TRASPORTO VALORI ” E FURTI E RAPINE NELLE SEDI DEGLI UFFICI. CIRCA QUARANTACINQUE ANNI ORSONO LO SCRIVENTE ADOTTO’ -DE MOTU PROPRIO- IL SISTEMA DI PAGAMENTO PER LETTERE, SUDDIVIDENDO IL TOTALE DEI PENSIONATI IN EQUO NUMERO DI OPERAZIONI SOSTENIBILE PER IL SERVIZIO E PER LIMITARE L’USO DEI FONDI.SECONDO IL MIO AVVISO SI RITORNERA’ AL VECCHIO E COLLAUDATO SISTEMA (CON TUTTO IL RISPETTO PER POLITICI,AMMINISTRATORI E GRANDI ECONOMISTI) DISTINTI OSSEQUI. NNZIO CASTALDO

  2. Sorpresa di questa mattina.!!!! sono andata in banca e non hanno ancora accreditato la mia pensione,l’ Imps ha sempre pagato il 1 del mese, come mai ora non ci sono più soldi?….

  3. Vorrei sapere quanto devo prendere per la mia pensione, vi chiedo questo in quanto mi sembra ridicolo che io debba avere una pensione di 374,00
    Adesso mi anno detto che mi dovranno arrivare almeno 1.000,00 al mese vorrei sapere se questo e la verita’ ???
    Grazie tante per la risposta che vorrete inviarmi, cordiali saluti Piero Secli

  4. Ho letto l’articolo inerente alla riforma pagamento pensioni INPS che saranno gestite al 1 di ogni mese. Ho un dubbio però a cui non trovo riscontro sul web; mi spiego:
    Mia madre titolare pensione INPS ha in effetti accreditato al 1/6 le due pensioni (che prima erano erogate il primo e il sedici del mese). Purtroppo è venuta a mancare proprio il 1/6. Come mi devo regolare con l’INPS? Quelle gia’ erogate al 1/6 le spettano comunque o devo restituirle? Devo andare a chiarirlo all’INPS?
    Grazie per la risposta

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here