Pensioni, arrivato il decreto è già pronto il ricorso. Dopo la decisione del governo Renzi di rimborsare solo 2 miliardi sui 18 sottratti dallo Stato ai pensionati, gli ex lavoratori sono pronti a farsi valere per vie legali sul diritto a vedersi restituire i propri soldi in busta Inps.

Questo è un approdo naturale del caso pensioni, dopo che il governo ha deciso di mantenere gli impegni presi in sede europea, mantenendo il rapporto deficit/Pil al di sotto del 3%, dunque erogando lo stretto indispensabile ai pensionati sperando in un’accoglienza non troppo negativa.

Le fasce dei rimborsi


La linea del governo, come noto, è quella di includere nel computo delle restituzioni le pensioni che vanno  da 1443 euro lordi a 2890. Secondo il piano del ministro Padoan, elaborato di concerto con il presidente del Consiglio e approvato in Consiglio dei ministri la scorsa settimana, saranno attribuiti 750 euro 750 fino a 1700 euro lordi di pensione, 450 a chi prende fino a 2000 euro, 278 euro a chi riceve fino a 2700 euro. A questi, poi, si andranno a sommare i ricalcoli del 40% entro 1924 euro, del 20% entro i 2405 euro e del 10% tra le 5 e le 6 volte il minimo.

Uno sforzo che non è sicuramente vicino alle pretese di molti pensionati, come anche i sindacati e le associazioni di rappresentanza hanno denunciato all’indomani della presentazione.

Basti pensare, ad esempio, che secondo i calcoli della Cgia di Mestre, un pensionato con assegno Inps pari a tre volte il minimo, per effetto del blocco dell’indicizzazione deciso dalla legge Fornero, si sarebbe visto sottrarre quasi 1500 euro in totale. Oggi, in base ai citeri del “bonus Poletti”, come è stato ribattezzato dal premier, arriverebbe a ottenere appena la metà del dovuto.

Ancora inferiore, ovviamente, la quota in proporzione per chi ha un reddito più alto, con l’inera fascia oltre i 3mila euro lordi al mese rimasta completamente estranea alle restituzioni post sentenza.

La lettera da inviare all’Inps

Insomma, ce n’è abbastanza per una valanga di ricorsi che, presumibilmente, si abbatterà nelle prossime settimane sull’esecutivo. Nei giorni scorsi, Beppe Grillo ha pubblicato sul proprio blog un modello di lettera da inviare all’Inps per vedersi riconosciuto l’intero ammontare delle cifre non erogate a causa del blocco.

GrilloRimborsoInps

 

CLICCA E SCARICA LA LETTERA

Renzi ha confermato di non temere i ricorsi, forse per non dare un’ulteriore spinta a questo strumento. Dall’altro canto, la grancassa dei pensionati e dei propri rappresentanti è già partita.


CONDIVIDI
Articolo precedenteCambio sesso, ma il Comune non lo deve saper
Articolo successivoLibertà è partecipazione, ma potrebbe non bastare più…

17 COMMENTI

  1. vi lamentate dei politici ma scommetto che al referendum avete votato NO lasciandoli tutti al loro posto, senatori e consiglieri regionali
    cosa vi lametate a fare?

  2. Destra sinistra ma lasciamo andare quello che conta è l’onesta, pur troppo non ci insegnano nulla questi politici
    a loro è tutto dovuto, a noi nulla ma andassero a lavorare, i soldi che prendono sono un furto autorizzato da loro stessi mascalzoni. Non dico altro perché mi viene da vomitare.

  3. io sono perfettamente d’accordo con tutti,vorrei aggiungere una piccola postilla:se mai ci daranno la possibilità di votare cerchiamo di farlo non ragionando col cuore ma con la testa

  4. Angelo Bacchiddu
    15 novembre 2015
    Sono un pensionato della Pubblica Amministrazione e, come tanti milioni di pensionati, sono stato rapinato dal governo Renzi, il quale impunemente, spudoratamente, arrogantemente, pretestuosamente, insieme ai suoi fedelissimi complici, ha ignorato le direttive della Corte Costituzionale, direttive inequivocabili sancite con la sentenza n. 70/2015. In sostanza egli alla stregua del peggiore rapinatore ha considerato il Massimo Organo di controllo sulla bontà degli atti compiuti dal governo, privo di legittimità decisionale. Il signorotto nominato illegittimamente da un Presidente della Repubblica a sua volta, rinominato illegittimamente in dispregio al dettato costituzionale che non prevede la rielezione a scadenza del mandato, avvalendosi autoritariamente di prerogative non previste da nessuna norma ha messo le mani nelle tasche dei pensionati asportandogli i denari che essi, con tanti sacrifici si sono guadagnati, pagando contributi salati alle casse dello Stato, con oltre quaranta di duro lavoro esercitato a tutela della sicurezza pubblica e quant’altro, mentre il signor Renzi dormiva nella bambagia di una ricca famiglia. Si vergogni, egli e tutto il suo governo, la sua stirpe comunista. Forse non si è accorto che gli euro non corrisposti ai pensionati se li stanno fregando i deputati, senatori, consiglieri Regionali, comunali e quant’altri politici ladri, delinquenti ed assassini del popolo meno abbiente. Se quei soldi li avessi rubati io i Giudici Italiani mi avrebbero dato 5 anni di galera, mentre questi farabutti, mascalzoni, sono tranquilli in libertà a godersi il maltolto agli italiani.

  5. E’ necessario che tutti i pensionati,sia di destra che di sinistra ai quali è stata bloccata l’indicizzazione delle proprie pensioni presentino ricorso all’INPS tramite raccomandata con ricevuta di ritorno per far capire a coloro che ci governano e che non sono mai stati votati,che prima o poi verranno buttati fuori dal Parlamento e dal governo poichè saranno costretti loro malgrado a indire le elezioni politiche.

  6. I politici al potere sono tutti una massa di ladri, si arricchiscono con i nostri denari. Buttiamo a mare questa sporca sinistra di m …….!!!!!!!!!!

  7. Confermo che il primo di Agosto non mi è stata riconosciuta la perequazione stabilita dalla Consulta n.70/ 2015.

    questi ladri se ne devono andare fuori dai coglioni, siamo stanchi di essere presi per il culo da questi cialtroni, pensano solo per loro ingrassare loro e tenersi vicino e sotto il culo la poltrona.

    ricordiamoci tutti quando sarà il momento del voto, e ci sarà anche presto, mettiamoglielo nel culo a loro. fanno le leggi e trovano l’inganno sempre a spese dei contribuenti e chi ha lavorato una vita, non ti riconoscono nemmeno i tuoi diritti maturati a suon di sacrifici… LADRI, sarebbero da arrestare tutti,

  8. ma il presidente della repubblica garante delle leggi non ha parlato e ….penso che non parlerà, come mai?????? per cui non ci lamentiamo se in italia molti non rispettano le leggi d’altronde sono loro i primi a fregarsene delle sentenze che vengono emesse………. figuriamoci i delinguenti abituati a sentenze.

  9. Io proporrò ricorso per mio padre e due amici suoi. Vi terrò aggiornati sul loro sviluppo…certo non dobbiamo farci prevaricare

  10. Ho verificato oggi che sulla pensione del 1° agosto non ho avuto i circa 500 euro promessi dalla ban…a re!..zi, ma a fronte di una pensione lorda di circa 1900 euro mi sono ritrovato 200 euro scarsi. Con questa ennesima presa per i fon….i , ho deciso di fare ricorso sperando di avere la giusta giustizia. INVITO TUTTI I PENSIONATI A FARE RICORSO ALL’INPS, E TENERE BEN IMPRESSO NELLA MEMORIA QUESTO ABU!!!sO AL MOMENTO DEL VOTO… VOTIAMO A DX SEMPRE, NON DIMENTICHIAMOCI CHE TUTTE LE RIFORME PENSIONISTICHE E TASSE VARIE EURO COMPRESO, SONO STATE INSERITE DA SINISTROIDI SENZA SCRUPOLI, COME aMA!!!T.O ., MON!!TI, E COME DIMENTICARE IL MORTAZZA CHE CI HA INVISCHIATO NEL PASTICCIO EUROPEO CON ANNESSO CONTRIBUTO PER L’EUROPA TASSE E SORCI VERDI. AMICI! MA ANCORA NON VI BASTA!!!!!. VI RICORDO CHE LE PENSIONI SONO STATE ISTITUITE DELLA DESTRA ITALIANA E COPIATE IN TUTTO IL MONDO.

  11. Sono Antonio da Paola (CS),
    quante volte ho riferito agli amici, conoscenti, parenti di non votare mai a sinistra.
    Chi può affermare in italia che le sinistre hanno diminuito le tasse o hanno aiutato la povera gente, sicuramente nessuno. Questi fanno quello che vogliano. Hanno rovinato al Sig. Silvio BERLUSCONI che era l’ unico in Italia che poteva fare qualcosa di buono.
    Di fatto è stato l’ unico politico a ridurre le tasse. Con il Governo Berlusconi, non si è mai pagato una tassa per la Casa. Oggi sulla Casa si pagano 5 tasse. Gli italiani hanno la testa dura. Non bisogna mai ascoltare i mass-media, bisogna ragionare con la propria testa ed essere aggiornati su qualsiasi provvedimento che fà un Governo. Se in Italiana
    dovesse continuare a governare la sinistra, diventeremo lo Zimbello dell’ Europa. Con mafia capitale, con le coperative rosse, con gli scandali quotiani delle sinistre l’ italia è
    agli posti in Europa. Questa gente è protetta, posso fare quello che vogliono. Con i Goversi di destra, si è più sicuri, perchè più controllati sotto il profilo Giuridico, in quanto non sono visti beni dai Magistrati, pertanto, il Cittadino è più tutelato. I governi di sinistra non sono controllati e anche se lo fossero, non prendeno iniziative di controllo, fatto eccezione se li trovano proprio con le mani nel sacco come si suol dire. Tutti i Governi di sinistra nel mondo abbiamo visto che hanno sempre fallito.Anche gli Stati Uniti da quando si è insediato obhama ha dato segni di fallimento. Se questa rapina fatta in danno dei pensionati l’ avesse fatta Silvio Berlusconi o un Governo di destra, in italia sarebbe avvenuta la fine del mondo(provate ad immaginare tutte le sigle sindacali cosa avrebbero fatto, unitamente ai politici di sinistra e magistrati “una guerra”. Cerchiamo di svegliarci e non votare mai a sinistra. Quando c’ era la Democrazia Cristiana, vevevamo da nababbi, oggi siamo i barboni d’ Europa. Votiamo tutti Silvio, l’ unico in grado, capace e serio di sistemare l’ Italia, altri non conosco per fare pulizia e sistemare ogni cosa.
    Con affetto Antonio.

  12. Volevo suggerire, dal momento che le sue sentenze non vanno applicate, a cosa serve la Corte Costituzionale. Togliamola risparmiamo almeno gli stipendi d’oro.

  13. il governo Renzi , presentuoso e arrogante, come tutto il governo, si e inventato una bella iniziativa, quella di non rispettare una sentenza della Corte Costituzionale, perche siamo tanti, rifletta bene perchè la pagerà molto cara una volta che tutti i pensionati si accorgono di questa truffa , viva la Republica I’italiana ??????????

  14. sono 50 anni che pago i sindacati CGIL …ora che devo prendere il rimborso della mia pensione gli stessi sindacati cosa stanno facendo per noi? NULLA COME HANNO FATTO NEGLI ULTIMI ANNI.
    l’USURPATORE RENZI FA QUELLO CHE VUOLE CI SALDA CON UNA MANCETTA E LA CGIL LE LECCA IL CULO.
    Molti molti pensionati ho sentito che si toglieranno dal loro patronato che non sono per niente assistiti e sicuramente lo farò anch’io…. la trattenuta sindacale supera i cento euro l’anno, e quando si deve solo fare il 730 ne vogliono altri 30….. Un commercialista privato ne piglia 70 e senza fare code di ore… a questo punto vaffanculo anche i sindacati.

  15. Siamo sempre tolleranti ricorre avverso a questa ingiustizia è sempre poco occorrerebbe invitarli a pagarci con i loro stipendi e accessori che non sono giustificati è un furto continuato e un offesa a chi veramente ha lavorato e versato i contributi. Salvatore

  16. Come ho già segnalato sul sito di Beppe Grillo ci tengo a sottilineare che all’Inps di Gorizia non hanno accettato il modulo di ricorso di mio padre e gli hanno detto che, se proprio vuole, di mandarlo via raccomandata. Inoltre gli hanno comunicato che se avesse avuto qualche diritto glielo avrebbero fatto valere in automatico.
    Proprio bello questo Paese!

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here