Rilanciamo l’appello del mondo del Terzo settore, che da qualche giorno chiede a gran voce la pubblicazione delle liste 2013 relative al 5×1000.

La richiesta è quella di pubblicare i nomi dei beneficiari delle donazioni sui principali canali social. Il tam tam su internet ha generato una valanga di tweet rivolti all’account dell’Agenzia Entrate. Sotto l’appello, le indicazioni per sostenere la battaglia a livello personale o della propria organizzazione. I promotori sototlineano che lo scoros anno la diffusione degli elenchi era avvenuta a inizio aprile: un ritardo che va a colpire, tra gli altri ambiti, la ricerca, l’assistenza ai malati, la beneficenza e anche i beni culturali.

 

Ecco l’appello integrale.

 

Cara Agenzia Entrate,
Come saprai noi del ‪#‎terzosettore aspettiamo con ansia la pubblicazione delle ‪#‎listedel ‪#‎5×1000.
Quanti giorni son passati ormai?
Forse non lo sai ma noi siamo ottimi pianificatori e investiamo solo le cifre che sappiamo avere disponibili.
Oggi 14 maggio 2015 non sappiamo ancora la somma destinata nel 2013 dai nostri donatori con il #5×1000!
Molti dei nostri progetti possono essere finanziati con le anticipazioni bancarie. Lo sapevi?
Il tuo ritardo nella pubblicazione non ci permette di attivarle e non ci permette di programmare gli investimenti nei nostri progetti.
No 5 per mille vuol dire no restauri, no ricerca, no pasti alle persone indigenti, no assistenza ai disabili, no assistenza a malati di tumore, si può continuare all’infinito.
Il danno sociale e la responsabilità sono incalcolabili.
Però a noi chiedi di rispettare le date, a noi neghi le iscrizioni se arriviamo in ritardo, ma noi non possiamo sanzionarti.
E non rispetti la volontà dei nostri donatori che hanno devoluto il cinque per mille per sostenere i nostri progetti.
Cosa aspetti? ‪#‎fuorileliste #5×1000

 

Facebook e Twitter: cosa pubblicare

 

  • Il testo da copiare e pubblicare sulla bacheca di Facebook:

Cara Agenzia Entrate,
Come saprai noi del #terzosettore aspettiamo con ansia le #liste del #5×1000 per il 2013.
Quanti giorni sono passati? Troppi. Forse non lo sai ma noi pianifichiamo e investiamo solo le cifre che sappiamo avere disponibili.
Il tuo ritardo non ci permette di attivare le anticipazioni bancarie e di sostenere nostri beneficiari.
Cosa aspetti? #fuorileliste #5×1000

 

  • Post per Twitter:

#fuorileliste del#5×1000! Senza questi dati il #terzosettore non può pianificare, ci perdono i beneficiari del ‪#‎nonprofit @Agenzia_Entrate

#fuorileliste del #5×1000! Senza questi dati i ‪#‎donatori non hanno ritorno del loro importante#impattosociale #nonprofit @Agenzia_Entrate


CONDIVIDI
Articolo precedenteUn regolamento ad hoc per l’attività consultiva dell’Anac in materia di appalti pubblici
Articolo successivoPensioni, il decreto rivalutazioni arriva in Consiglio dei ministri

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here