Riforma pensioni, nuovo affondo del presidente Inps Tito Boeri. Questa volta, l’economista da qualche mese al vertice dell’ente di previdenza, si è spinto molto in là: a giugno si avvierà il processo di revisione della legge Fornero.

Lo ha annunciato proprio ieri il numero uno Inps, in un nuovo incontro per fare il punto sul welfare del sistema Italian. Un comparto che necessita di cure urgenti, mentre sempre più persone sono costrette a restare al lavoro oltre l’età prevista a causa dell’incremento della speranza di vita e delle modifiche introdotte dalla legge del 2011.

Ora che anche la Corte costituzionale ha certificato come sia impossibile modificare la normativa che ha rivoluzionato il sistema pensionistico via referendum, tocca dunque alla politica e alle istituzioni previdenziali farsi carico della riforma tanto attesa ed invocata.


Così, mentre si preparano per le prossime settimane profonde revisioni del sistema, con la partenza, in successione della busta arancione online, con le rendicontazioni per tutti i lavoratori, e, dal primo giugno, il via al riallineamento del calendario sulle erogazioni, ora è la volta dell’annuncio tanto attesa: la riforma vera e propria.

In proposito, Boeri ha confermato che lo spostamento delle erogazioni previdenziali al primo giorno del mese sarà attuato tramite un apposito decreto, di cui ha auspicato la rapida presentazione da parte del governo.

La vera e propria proposta di riforma, poi, verrà presentata a giugno. Si attendono importanti novità sul fronte del pensionamento anticipato, sul quale lo stesso numero uno Inps si è recentemente pronunciato a favore, con la clausola della penalizzazione crescente in base alle annualità in meno lavorate sul minimo anagrafico. Sotto osservazione, infatti, il tema dei requisiti minimi per andare in pensione, che potrebbe essere ritoccato per coloro che intendano lasciare il lavoro prima della soglia prevista dalla legge.

C’è, poi, la questione reddito minimo a tenere banco. Il tema è stato risollevato proprio dallo stesso Boeri, il quale, ieri, ha ribadito come sia prioritario portare i 55-65enni fuori dal rischio povertà a seguito dell’improvvisa perdita del lavoro. Naturalmente, il pensiero corre in primo luogo al dramma degli esodati, ma anche dei tanti che, rimasti senza occupazione, non riescono a trovare collocazione per chiudere la propria carriera lavorativa. La proposta, firmata sempre dall’ente previdenziale, arriverà a giugno.

“Rivendico il diritto di poter fare delle proposte. Non è certamente un modo di violare le regole della democrazia”, ha spiegato Boeri a margine della sua conferenza, scagliandosi contro coloro che hanno criticato aspramente le sue uscite, in netta controtendenza rispetto ai precedenti presidenti Inps, dai toni molto meno appariscenti.

Vai allo speciale riforma pensioni

Vai allo speciale esodati

 


CONDIVIDI
Articolo precedenteLa gestione contabile della lite fiscale
Articolo successivoIl sistema sanzionatorio del nuovo “Codice Deontologico Forense”: riflessioni in tema di retroattività e di certezza del diritto

48 COMMENTI

  1. scusate io non capisco il motivo che associano tutte le categorie di lavoratori, devono fare fasce di categorie i lavori usuranti ,quelli a rischio quelli notturni e quelli a sedere dietro le scrivanie ,come fate a mandare a lavorare un muratore un carpentiere su un tetto o su un ponteggio a una età di 60 65 anni dopo 40 anni di cantiere che la persona è massacrata dal lavoro pesante , poi non vedo perchè gli artigiani non hanno diritti come gli operai si pagano piu tasse e non si riceve diritti ,che italia

  2. Datemi una risposta valida x favore..avendo 59 anni e 36 di contributi sto usufruendo dell’aspi essendo stato licenziato il 30 ottobre 2014 non trovando nessun tipo di lavoro x l,eta’avanzata cosa mi aspetta il governo aiuta tutti nella mia stessa situazione?

  3. Dice un detto antico il lavoro nobilita .AZZ…….ma lo stato ti debilita, pensione si forse x chi lavora sudando , sarà un oppzional 62/66/70 anni ,non mi preoccupo dell’età ma di averla la pensione dopo 41 anni di contributi versati sara una pensione ricca (di povertà) capitemi ,un buon arrivo al traguardo ………………..?un Ciao x tutti .AUGURI:

  4. Vorrei capire come funziona questa riforma. All’eta’ di 62 anni avrò 43 anni di lavoro. Avrò’ la decurtazione dell’8% perche’ mancano 4 anni ai 66 anni? Qualcuno mi puo’ dare informazioni?E’ cosi’?

  5. Non so se ho capito male o se e’ proprio cosi’: io a 62 anni faccio 42 anni di lavoro e se voglio ritirarmi mi decurtano la pensione dell’8% in quanto mancano 4 anni ai 66 ? E’ cosi’ la nuova pensione anticipata o flessibile che vogliono introdurre questi geni? Qualcuno puo’ darmi chiarimenti? Grazie!

  6. E per un autonomo, agente di commercio, che ha 60 anni, che ha 35 anni di contributi versati, e che negli ultimi 5 anni fatica a rispettare i termini di pagamento annuali inps, e che la crisi ha messo in ginocchio l’attività lavorativa e di conseguenza le capacità mentali per tirare avanti?…nessuna tutela, destinato a schiattare?

  7. Io mi riferisco alla legge “opzione donna” rinnovata fino a Dic’2015…però avevano detto che per avere i requisiti bastavano 57 anni con 35 di contributi e, avrebbero calcolato solo i 3 mesi di aspettativa di vita…togliendo i 24 mesi che in precedenza la Fornero avrebbe aggiunto “ma questa bestia ha messo in ginocchio parecchie donne esodate” ma, fino ad ora non è cambiato nulla…..io sono disoccupata e, per me sarebbe la risoluzione ai mie problemi….ho 57 anni e, 36 anni di contributi……NON È STATO FATTO ANCORA FIRMATO NIENTE!!!!!!! Perchè promettono e, poi le risposte sono sempre negative?!!!!!!!

  8. Chi ha atteso con tanto ardore l’arrivo del Salvatore Renzi beh. ..e chi continua ad ammirarlo per la luce che emana,provi a spiegare ai suoi figli che non andranno in pensione,perché il padre di Renzi accusato di bancarotta e’ stato prosciolto, adesso vuole sistemare la moglie nell’ambito scolastico (vedi riforma scuola).che spieghi come mai non firma la proposta di legge ferma sulla scrivania di Mattarella riguardo i politici corrotti (forse perché ci sono dentro anche loro ). Noi non abbiamo più diritti acquisiti. ….ma sono doveri. …acquisiti . prova a spiegare a tuo figlio chi sono quelle persone in TV che ridono e che hanno tutti ragione ma portano a casa un anno del tuo stipendio. …che dopo un solo giorno di frequenza in camera aavrà una pensione di 1675,00 €. Ecco da bravo papà ……..Comincia a spiegare. …..ma tuo figlio ti chiederà. ……papà ma tu dov’eri. ….cosa hai fatto per fermare tutto ciò. …… ecco..da bravo papà spiega a tuo figlio che non hai fatto nulla perché sei solo un gran coglione. …

  9. E’ tutto inutile: li’ fanno il bello e il brutto tempo!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Siamo schiavi di solo poco piu’ e poco meno, di cinquecento uomini li’ a Roma e sessantamilioni di cui oltre diecimilioni gia’ ridotti in poverta’ restiamo tutti a guardare i telegiornali senza sapere da dove e come mandarli via e mettere persone …………..migliori.’E’ una vergogna!!!!!

  10. il mio pensiero va a Leonardo Sciascia e al suo memorabile ” giorno della civetta”.
    Il mio concittadino classificava gli uomini in 5 categorie:1) Uomini 2) Mezzi uomini3) Ominicchi4) Piglianculo5) Quaquaraquà.
    Se vi chiedessi: secondo Voi, i nostri politici a quale categoria appartengono?
    Sarebbe un plebiscito generale: ” QUAQUARAQUA’ e PIGLIANCULO”.
    Detto ciò, mi chiedo come è possibile cambiare questa situazione?C’è un solo modo:RIVOLUZIONE !!!!!!!!!!!
    E’ possibile che dopo una vita lavorativa ( ho 62 anni compiuti e a fine anno raggiungerò 34 anni di contributi+ eventuali 4 anni di riscatto anni Laurea con accensione nuovo mutuo…) non posso vedermi riconosciuti i miei diritti acquisiti secondo dettato costituzionale? Chi sono questi “QUAQUARAQUA'” CHE PENSANO DI DECIDERE CHE IO DEBBA MORIRE SUL LAVORO? Sto aspettando che l’ultimo “genio” preposto alla Direzione Generale dell’INPS (mi perdonerà caro dr. Boeri..), faccia quella giustizia sociale che tutti i cittadini si aspettano. LA PENSIONE SPETTA SOLO A CHI HA LAVORATO E VERSATO REGOLARMENTE !!! Mi sono stancato di mantenere “PIGLIANCULO E QUAQUARAQUA'” a vita. Denunciamo l’INPS per Bancarotta Fraudelenta; infatti quando andrò in pensione (se mai ci andrò…), riuscirò a godermi solo parte dei contributi versati (tenendo conto delle aspettative di vita chi si fa il ..culo dalla mattina alla sera e di chi non fa un cazzo, anzi di chi ci fa il culo rubando e avendo fatto fallire la mia bella Italia !!!)

    POLITICI: VERGONATEVI!!!!

    POPOLO ONESTO: ALLA RISCOSSA PER IL RICONOSCIMENTO DEI NOSTRI DIRITTI!!!!

  11. Ma vi rendete conto di come pensano di risolvere la problematica della crisi anticipando il pagamento della pensione al primo del mese, forse dal 1 del mese al 1 del mese successivo non trascorrono sempre 30 giorni. Forse pensano che siamo tutti celebrolesi, ma forse hanno ragione in quanto non facciamo nulla per cambiare il sistema.

  12. bisogna, mandarli tutti à casa i nostri politici dicono solo cavolate si inventano di tutto per avere i voti.ma noi popolo sovrano bastonati è tartassati a 360°,decidono le nostre sorti. Allora noi dobbiamo cambiare tutto il sistema, il popolo italiano deve essere unita.il mondo ride su di noi ,perché tutto questo .COMUNQUE RESTA IL FATTO CHE I NOSTRI POLITICI QUALCOSA DI BUONO L’ANNO FATTO .[L’ITALIA DEI BALOCCHI],

  13. Ma non scherziamo, se le cose sono arrivate a questo punto la responsabilità maggiore è di tutti quei cittadini che hanno deciso di non esercitare quelle due cose fondamentali per fare funzionare le cose a dovere; il voto ed il controllo. Nella testa delle persone è passata l’idea che una volta votato il candidato sia finita la festa. Nemmeno per sogno, il cittadino deve controllare e pretendere che l’eletto eserciti il proprio operato nell’interesse della collettività, non votare poi…. Qualcuno di voi signori frequenta circoli, assemblee, e quantaltro dove vi sia un confronto diretto con il proprio partito?? dove metterli di fronte al proprio operato?? a giudicare da quello che vedo e leggo direi proprio di no. Proviamo a fare questo esempio, se noi avessimo una attività in proprio con diversi dipendenti come ci comporteremmo? lasceremmo la nostra azieda alla deriva senza nessun tipo di controllo sperando nella “buona volontà” dei nostri addetti?? Ora consideriamo i politici dei lavoratori (scusate l’eufemismo), e noi cittadini i loro datori di lavoro (lo siamo) e tutto acquista un senso. Anni di diseducazione al senso civico ed alla responsabilità ha portato a questo, del resto già il Romano Impero usava la pratica del “panem et circensi”. Forse le cose stanno così perchè in fondo a tanti fa comodo per vari motivi, a chi per interesse, chi per pigrizia. La democrazià è una cosa faticosa e và coltivata, le dittature sono sicuramente più comode, ho l’impressione che il popolo Italiano, più o meno incosciamente ambisca all’uomo solo al comando. Buon fine settimana, buon 25 Aprile!!

  14. Insegno da solo trent’anni e ho 62 anni.Perche’ non posso essere libera di andare in pensione pur con qualche penalizzazione economica? Ormai sono la nonna dei miei alunni che meritano insegnanti giovani e tecnologicamente piu’avanti di me.E’l’orologio biologico che lo dice!

  15. Egregi signori e futuri pensionati,parliamo molto di riforma pensioni, ma perché non diciamo di diminuire i stipendi ai nostri politici e le loro pensioni d’oro?????Poveri noi che abbiamo faticato per più di cinquant’anni e chissà quanti altri sacrifici ci chiederanno i politici che noi votiamo con frequenza aspettando la riforma della Fornero del governo Monti!!!!! L’ ex ministro Fini percepisce una pensione pari ai 27.000 € al mese ….e c’è chi non porta manco un pezzo di pane a casa per sfamare i suoi figli!!!!! Ma è’ giustizia questa????? Povera ITALIA dove andremo a finire ….!!!!!

  16. per colpa di sti politici ladri ci manderanno in pensione dentro una bara ….ho 59 anni lavoro da quando avevo 12 anni ,dire che sono stanca è poco….Renzi avevo fiduccia in te ma mi hai fortemente delusa,,va a fare il culo tu e tutti sti stronzi!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  17. Perché quando si parla di esodati non si spiegano un po’ di cose: il casino lo aveva fatto Sacconi ma nessuno se ne ricorda, gli esodati sono di varia natura ci sono anche tanti tanti che hanno preso tantissimi soldi e hanno smesso di lavorare anche dieci anni prima non gli è venuto il dubbio che in tutto questo tempo poteva capitare qualcosa? E poi ci sono i poveri cristi che stanno in mobilità o nei fondi di accompagno o peggio hanno perso il lavoro a un passo dalla pensione quelli vanno tutelati e non chi ha fatto accordi super pagati addirittura nel 2012 a riforma in vigore

  18. Sono stanco di sentire dire che la vita si e allungata.(solo x loro che non fanno un cazz.). sarebbe
    Meglio ritornare alla vecchia legge con 35 anni di contribuzioni .
    Andare in pensione per fare posto ai giovani.secondo me il politico al massimo non dovrebbe prendere piu di 5 mila eu. Mese l’eccedenza nelle casse dello stato .evitando inutile spreco.

  19. Ho sentito e letto molte interviste del Sig:boeri e conosco un po la sua vita professionale,e devo dire che mi sembra una persona molto capace e sicura delle proprie azioni.Io personalmente credo molto nelle sue capacita’ e penso che riesca a cambiare in meglio la situazione pensionistica.

  20. Siamo alle solite.
    Si tratta di una bufala perchè con il limite minimo di contribuzione (42 anni e 6 mesi) entro il 2015 e con 42 anni e 10 mesi dal 2016, quelli che potranno andare in pensione sono o saranno un numero esiguo.
    Sia nel primo caso che nel secondo, (se la matematica non è una opinione) devono essere persone che hanno iniziato al lavorare all’età di 19 o massimo 20anni.
    Personalmente non conosco nessuno con questo requisito anagrafico.
    Questo è un modo per dire……… stiamo facendo qualcosa per modificare la fornero, ma di fatto non è così.

  21. cosa cambia x uno nato il 23/07/1954 assunto 7/10/1974 attualmente 40anni e 7 mesi di contributi?

  22. come mai le modifiche sono a giugno che a maggio ci sono le votazioni .Politici avete paura che la gente non vada a votare? perche voi di moifiche non avete nessuna voglia di farle, ma soprattutto,vi sta bene cosi come sta e se la ritoccate non e certo per migliorarla anzi. MI SPIACE CREDEVO UN PO IN QUESTO NUOVO GOVERNO

  23. Personalmente sto diffondendo un metodo di lotta passiva. Insieme ad altri amici (tutti vittima della Fornero) stiamo applicando il blocco dei consumi. Bisogna mettere in evidenza il disastro sociale che hanno combinato. Chi lavora ed è vicino ai 40 di contributi è ai massimi livelli retributivi e non consuma. E milioni di potenziali consumatori (ed i giovani lo sono per antonomasia) che potrebbero dare una botta al PIL ed alle entrate dello Stato non hanno reddito.

  24. ma vogliamo smetterla di voler prendere in giro chi lavora da piu’ di quarant anni? e’ ora di smetterla di inventare e dire che le casse sono vuote ,bisogna dire che le hanno svuotate indap e company capito ,io sono stanco di pagare per altri ho sempre versato tutto il corrispettivo ed e’ giusto che possa andare in pensione con cio’ che mi aspetta ,bastaaaaaaaaa .

  25. Ma perchè li implorate ad essere buoni con voi a sti pezzi di merda? Dite davvero quello che pensate, che tanto lo sappiamo cosa pensiamo tutti. Diteglielo che se potessimo li vorremmo vedere schiattati tutti della più atroce e lunga malattia e con loro tutta la loro genia in modo da non leggere mai più i loro nomi negli organigrammi di potere.
    Perciò ci mandassero pure in pensione a 80 anni, ma cominciamo a meditare come portare la fornero e monti davanti alla corte di strasburgo e farli processare per tortura.

  26. il marcio di questa polica èl’icapacità dei politici che mirano solo al loro stipendio noi italiani dovremmo tutti unirci x toglerci i privileggi e gli alti stipendi che prendono.ribelliamoci con forza affinche lo capiscano che non siamo più disposti a subire.stanno riempiendo l’italia di profughi e stanno togliendo tutto agl’italiani.renzi e il problema italiano.

  27. Purtroppo la riforma delle pensioni è già stata fatta tornare indietro sarebbe un miraggio per tutti troppo bello sarebbe se potesse diventare realtà. …..

  28. Qua’.si parla tanto di riforma pensioni però i conti si fanno con l’oste che non è ancora presente anzi stavolta sono due il gatto e preso quando è nel sacco legato pure……

  29. Io sono un politico, prendo una miseria stipendiale, lavoro tutto il giorno fuori di casa (Roma), meno male che mi pagano una piccola diaria, è guadagno discretamente, noi dovremmo fare almeno cinque anni di legislatura, mica poco. voi invece sapete solo lamentarvi, fatevi eleggere anche voi per un anno, vi passa subito la voglia, perchè fare politica e molto pesante.

  30. Bisogna dare rimedio a quel gran numero di lavoratori nati fra il 1954 e il 1959. Per questi bisogna rivedere il sistema in modo diverso. Molti potevano andare in pensione e da tempo. Ma il sistema reso lo blocca atteso i relativi innalzamento di età per la pensione. POI MI CHIEDO COME FARANNO I GIOVANI AD ANDARE IN PENSIONE SE OGGI HANNO 35 E NON HANNO LAVORO

  31. Cara Anna Maria ci manca solo di lasciargli anche la liquidazione e siamo a posto cristo ma dove c’è l’hai il cervello ammesso che ti sia rimasto un pochino

  32. Ognuno di noi sente e vede a proprio piacimento, ma nella mia modesta e umile vita ,uomini che esprimono le loro idee con tanta determinazione per il ruolo che hanno a costo di rimetterci la faccia e altro sono di un’altra epoca…..auguri tito boeri

  33. Ci preparano la fregatura ,come al solito , due giorni prima di andare in ferie (per chi ci va!).

  34. Bisogna trovare una soluzione per noi “vecchi” e per i nostri “giovani”.L’economia deve ripartire e riparte solo con il lavoro.Creare nuovi posti e’ un obbligo di tutti noi.Fare dei sacrifici per riuscire a “vivere” per i nostri figli non ci costa niente, non “rubateci” anche l’ultima cosa che ci e’ rimasta la SPERANZA

  35. 59 anni , 37 di contributi , invalido iscritto lg. 68/99 disoccupato da 3 anni per chiusura e decentramento sito di multinazionale, senza lavoro, ammortizzatori, e pensione, non sarebbe il caso di adottare qualche provvedimento per non lasciarci a morire di stenti.

  36. Speriamo non siano le solite dichiarazione che il giovanotto di Firenze smentirà insieme a quella faccia da rospo di Padoan.
    Boeri è una persona seria. Se lo smentiranno, o se non gli daranno ascolto, dovrebbe dimettersi per salvaguardare la sua immagine professionale.

  37. caro boeri io sono un precoce o iniziato a 16 anni ma e 2 che non lavoro sono fermo a 39 che faccio aspetto la vecchiaia

  38. Ma qualcuno ha realizzato che per ogni ipotetico pensionato uscito dall’azienda probabilmente serviranno due giovani per sostituirlo?
    Formare dei giovani lavoratori non è semplice e se consideriamo che l’esperienza non si legge sui manuali per poterla apprendere ma andrebbe vissuta sulla propria pelle forse capiamo il concetto!
    AUTONOMO
    con alte aspettative di vita in base ai criteri del Governo!

  39. Sono molto sospettoso,queste affermazioni del presidente esigono conferma politica.Non sono convinto che si toccheranno:pensioni d’oro,vitalizi,pensionati con pochissimi versamenti,ecc.ecc.Sono quattro anni che ho la pensione bloccata nella sua valutazione!Attenzione ai diritti acquisiti,sono una vera bufala dove si sono nascosti i furbi più furbi.Stanateli se avete a cuore chi ha versato Veramente i contributi sudati in quaranta anni di lavoro onesto!

  40. Scusate ma le cose stanno cosi; La legge Fornero,ha disintegrato …..e dico DISINTEGRATO, il livello sociale nel paese. Ha letteralmente rovinato 2 generazioni, quella dei padri e dei propri figli, è la pura e santa VERITA. Quelli che dicono che la legge non va modificata , sono quelli che beneficiano dei vitalizi, delle pensioni d oro ecc. ecc………Prima o poi il vento cambietà e sarà la fine di ladri !! Un paese civile come dicono i politici papponi italiani,DEVE ASSOLUTAMENTE DARE IL REDDITO DI CITTADINANZA…capito.

  41. Perchè non ci fate andare in pensione a 55 anni, ci penalizzate con il 20- 30 % in meno o senza liquidazione in cambio di lasciare il nostro lavoro ad uno dei nostri figli? Sarebbe una proposta. In questo modo voi Stato risparmiereste, noi pur rinunciando a qualcosa sistemeremmo i nostri figli e ci sarebbe meno disoccupazione e piu giovani a lavorare.

  42. Caro Boeri, invece di “inventare” cose nuove, è sufficiente che ti rifai alla legge maroni.

  43. La cosa importante è il colore della busta (come le tute di Guantanamo).
    I contenuti saranno tanti, certamente peggiorativi, con l’obiettivo di conservare stabilità al sistema per pagare vitalizi pensioni multiple ai politici e pensioni d’oro.

  44. Ma questo signore a che titolo parla?
    Lo sa che è il presidente dell’INPS e come tale ha alcuni compiti tra i quali non c’è quello di imporre ai parlamentari o al governo le sue idee???

    Quando gli organi politici vogliono sentire cosa ha da dire è previsto tale strumento nell’audizione in Parlamento.
    In caso contrario questo signore DEVE zittirsi e svolgere silente il suo lavoro.
    Se così non gli sta bene si dimetta.

    Nel caso poi voglia dire qualcosa “di sua competenza” facesse riferimento alle casse VUOTE ex INPDAP (oggi nell’INPS) che stanno travolgendo anche le casse INPS (una volta piene).
    Perchè non ne parla?
    Perchè non chiede al governo di pagare i propri debiti visto che l’INPDAP sono pensioni dello Stato?
    Perchè forse è più facile mettere le mani nelle tasche dei pensionati e pensionandi (con la scusa che il sistema non regge) piuttosto che farsi nemici i propri benefattori??

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here