Non c’è più tempo, ormai. Lo spesometro 2015 è davvero alle porte: ancora poche ore e poi scadrà già la prima tranche di invii per chi liquida l’Iva mensilmente. In queste giornate concitate, non sono pochi i dubbi e le preoccupazioni degli operatori, alle prese con questa incombenza fiscale che forse per al prima volta avviene “a pieno regime”.

Negli anni passati, infatti, erano incorsi o cambi di data, provocando slittamenti e rinvii per concedere margini più ampi ai professionisti e alle partite Iva, o vere e proprie esenzioni, esoneri o invii più soft per specifiche categorie.

In verità, anche per l’anno in corso non è mancato il pronunciamento in extremis dell’Agenzia delle Entrate che, pochi giorni or sono, ha confermato un doppio provvedimento in vista delle imminenti scadenza:


da una parte, è stato sancito l’esonero completo per gli enti della pubblica amministrazione, già alle prese negli ultimi tempo con fattura elettronica, split payment e altre novità fiscali;

dall’altro, per i tour operator e i commercianti al dettaglio si è stabilito che le uniche operazioni da comunicate alle Entrate siano quelle superiori a 3600 euro, come accaduto nelle prime sperimentazioni dello spesometro.

Cos’è, infatti, lo spesometro?

Attraverso la comunicazione polivalente, il modello scaricabile dal sito dell’ente guidato da Rossella Orlandi, è possibile inviare tutte le operazioni effettuate da titolari di partite Iva, società, enti e operatori finanziari.

Con lo spesometro vanno comunicate le prestazioni di servizi o le cessioni di beni da parte di tutti i soggetti Iva: entro il prossimo 10 aprile la chiamata è per tutte le attività che liquidano l’Iva mensilmente, mentre il 20 aprile toccherà a coloro che assolvono l’obbligo ogni 90 giorni.

Come si invia lo spesometro

Per inoltrare il documento al database dell’Agenzia delle Entrate, è sufficiente iscriversi al portale Entratel o Fisconline, a cui si dovrà caricare la comunicazione polivalente aggiornata ai dati 2014.

Andranno inserite alcune informazioni al fine di verifica della provenienza, accedendo alla sezione “Invio” e allegando il file apposito. L’unico modo per accertarsi dell’invio corretto è quello di entrare nell’area “Ricevute” dove è indicato lo storico delle spedizioni con relativi avvisi di ricezione. In caso di spedizione incorretta, il file sarà scartato; l’unico utente in grado di vedere l’esito della spedizione sarà colui che l’ha effettuata.

Vai allo speciale spesometro 2015

 


CONDIVIDI
Articolo precedentePreliminare di preliminare. Il disvalore giuridico del c.d. promettere ora di ancora promettere in seguito qualcosa
Articolo successivoCodice degli Appalti: la nuova bozza di riforma in Parlamento

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here