Acquistare un’automobile ed avere anche la polizza assicurativa in omaggio per il primo anno certamente è una buona occasione. Sono queste le offerte proposte da diverse case automobilistiche decisamente allettante, considerato che le nostre polizze assicurative per le auto italiane sono le più cara d’Europa.

Del resto, cosa ci sarà di male se l’assicurazione viene regalata, anche perché un vecchio detto così affermava: ”a caval donato non si guarda in faccia”, ma forse è opportuno non solo guardare chi omaggia, ma anche come viene omaggiata la polizza.

È proprio il concetto di “regalo” che ci ha indotti a pensare, anche perché, casualmente, quando si ha a che fare con assicurazioni e banche, i regali e le offerte non sono comprese nel prezzo.


Certamente l’idea può sembrare assai conveniente, auto nuova e nuova polizza Rc auto gratuita, ma poi che cosa succede al termine del periodo gratuito, cosa succede, quale classe di merito abbiamo, quali saranno i benefici futuri.

Ad oggi non vi è una risposta univoca, ma in data 09 marzo 2015, Istituto per la Vigilanza sulle ASSicurazioni (IVASS) con nota Prot. n. 45-15 001407, così rendeva edotte le Imprese di assicurazione con sede legale in Italia che esercitano la R.c. auto, le Rappresentanze Generali per l’Italia delle Imprese di assicurazione con sede legale in uno Stato terzo rispetto allo S.E.E. che esercitano la R.c. auto in Italia, le Imprese di assicurazione con sede legale in un altro Stato membro dello S.E.E. che esercitano la R.c. auto in Italia, per le polizze R.c. auto gratuite offerte con l’acquisto di autovetture.

Nella nota si legge che all’istituto sono pervenute diverse segnalazioni da parte di associazioni dei consumatori e singoli cittadini, riguardanti una pratica che si sta diffondendo nel mercato, che coinvolge i consumatori che acquistano un’automobile nuova ed ai quali viene offerta in omaggio, da diverse case automobilistiche, una polizza r.c. auto gratuita.

Viene lamentato il fatto che, al termine del periodo di gratuità, a causa delle modalità con cui le polizze sono offerte e delle loro caratteristiche, l’assicurato perde i benefici, per sé e per i propri familiari, della classe di merito acquisita prima del periodo promozionale, ivi compresi i benefici riconosciuti dalla Legge n. 40/2007 (c.d. decreto Bersani).

Al riguardo, da prime verifiche effettuate dall’IVASS, è emerso che la copertura r.c.auto gratuita viene concessa solitamente nel caso in cui il veicolo sia acquistato con finanziamento e che generalmente la polizza viene stipulata tramite c.d. “libro matricola” e con la formula tariffaria “a franchigia”.

Per la persona assicurata da più anni con la formula tariffaria Bonus-Malus, che abbia accettato la polizza gratuita iscritta a libro matricola o con formula “a franchigia”, si pone il problema della perdita della storia assicurativa pregressa in quanto all’assicurato, al termine del periodo di gratuità non verrebbe rilasciato un attestato di rischio a suo nome; pertanto, qualora l’assicurato, al termine del periodo promozionale, volesse tornare ad una tariffa Bonus-Malus, il suo contratto verrebbe inserito nuovamente in classe di ingresso.

Problemi emergono, se si usufruisce della promozione, anche nel caso in cui si acquisti una seconda autovettura per il proprio nucleo familiare in quanto, dopo il periodo gratuito, non si potrà più utilizzare la classe di merito agevolata prevista dal c.d. decreto Bersani perché tale agevolazione può essere applicata, secondo quanto stabilito dalle norme, solo in fase di contestuale voltura del veicolo al PRA o in caso di cessione del contratto o di nuova immatricolazione del veicolo. Trascorso l’anno della promozione, l’acquisto dell’auto non risulterebbe più contestuale alla stipula della prima polizza e quindi non sarebbe più possibile avvalersi della classe di merito agevolata.

I suddetti effetti appaiono fortemente pregiudizievoli per gli interessi dei consumatori, in quanto la perdita della classe di merito Bonus-Malus maturata grazie ad anni di condotta di guida senza sinistri con colpa, così come l’impossibilità di usufruire, al termine della copertura gratuita, del beneficio riconosciuto dal c.d. decreto Bersani, comporta significativi aumenti dei premi da pagare.

Tali effetti pregiudizievoli sulla perdita della classe di merito maturata e sul conseguente aumento dei premi da pagare non risultano adeguatamente rappresentati ai consumatori, come confermato dalle segnalazioni pervenute.

In considerazione dei profili di criticità emersi, l’IVASS ritiene necessario acquisire, da parte di ciascuna impresa, indicazioni circa l’esistenza di eventuali accordi con intermediari e/o operatori commerciali per l’offerta di polizze rc auto gratuite combinate all’acquisto di nuovi veicoli, al fine di valutare la correttezza e trasparenza della offerta e adottare iniziative a tutela dei consumatori.

Al riguardo, nel caso in cui siano stati stipulati accordi di partnership con intermediari e/o case automobilistiche per l’offerta gratuita di polizze rc auto abbinate alla vendita di veicoli, è necessario che l’impresa fornisca una dettagliata nota illustrativa sui seguenti aspetti:

a) tipologia tariffaria utilizzata (franchigia, Bonus-Malus);

b) descrizione delle caratteristiche della copertura offerta (importo dell’eventuale franchigia, massimali, durata della copertura ecc.);

c) indicazione dell’utilizzo o meno della modalità di copertura “a libro matricola”;

d) indicazione delle figure che rivestono il ruolo di contraente e di assicurato e del soggetto che materialmente sostiene l’onere del pagamento dei premi assicurativi;

e) indicazione del proprietario del veicolo (ossia se risulta proprietario l’acquirente del veicolo o l’eventuale società che eroga il finanziamento);

f) documenti probatori dell’assolvimento dell’obbligo di assicurazione rilasciati al conducente del veicolo;

g) se viene rilasciato al contraente, al termine della copertura gratuita, l’attestato di rischio (al riguardo si chiede di inviare un esempio di attestato rilasciato);

h) modalità di vendita dei contratti assicurativi con indicazione di quali siano gli intermediari che collocano il prodotto;

i) provvigioni corrisposte agli intermediari;

j) importo dei premi raccolti, numero dei contratti stipulati e numero degli assicurati coinvolti, distinti per anno.

Inoltre dovrà essere fornita copia degli accordi di partnership stipulati e dell’informativa precontrattuale e contrattuale resa agli assicurati.

Il riscontro dovrà pervenire all’IVASS entro il 15 aprile 2015.

Nel frattempo si richiamano le imprese di assicurazione in indirizzo e gli operatori che stanno praticando l’offerta di polizze r.cauto gratuite ad informare con chiarezza gli assicurati dei rischi a cui vanno incontro se decidono di accettare l’offerta.

Prima di sottoscrivere un’offerta, l’Autorità raccomanda di seguire queste indicazioni:

  1. “Chiedere se la polizza sarà intestata al sottoscrittore e se è previsto il rilascio di un attestato di rischio a suo nome alla scadenza del periodo di gratuità. Se la polizza è a “libro matricola” (cioè non intestata al singolo, ma relativa ad un parco di veicoli) si può andare incontro alla perdita della classe di merito”;
  2. “Rivolgersi ad un intermediario di fiducia per un eventuale confronto e valutare attentamente gli effetti sulla classe di merito acquisita prima dell’accettazione della copertura assicurativa gratuita”;
  3. “Chiedere di sapere se la polizza è bonus-malus o con formula a franchigia e leggere attentamente le condizioni di polizza della garanzia offerta. Se ci sono franchigie, si può andare incontro alla perdita della classe di merito; inoltre, una parte dell’eventuale sinistro è a proprio carico”.

Infine, se la polizza è stata già sottoscritta e “non si è stati adeguatamente informati sulla copertura offerta”, l’Ivass spiega che è possibile presentare un “reclamo” all’assicurazione: per ulteriori informazioni, l’Istituto ha anche messo a disposizione il proprio Contact Center Consumatori, raggiungibile al numero verde 800486661 dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 13.30

Per chi ha già sottoscritto ed usufruito di una polizza rc auto gratuita e non si è stati adeguatamente informati sulla copertura e sulle eventuali altre clausole è possibile presentare reclamo all’impresa di assicurazioni.


CONDIVIDI
Articolo precedenteProvince, da esuberi a esodati. Una settimana e poi il caos
Articolo successivoPrescrizione, ok della Camera al ddl. Il testo approvato

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here