Nuova puntata, ieri, dell’odissea Quota 96. In un question time alla Camera dei deputati, è intervenuto il ministro della Funzione Pubblica Marianna Madia, per aggiornare sulla situazione, su invito delle opposizioni e in particolare della deputata di Sel, Annalisa Pannarale.

Si era detto, nei mesi scorsi, che la soluzione definitiva sarebbe arrivata in legge di stabilità 2015: a prendere posizione in merito, dopo lunghe battaglie nelle commissioni terminate sempre con un nulla di fatto, anche la senatrice Pd Laura Puppato, che aveva indicato, in un’intervista esclusiva su Leggioggi, la strada per il recupero delle risorse de destinare alla pensione dei professori e dipendenti Ata rimasti al palo dopo la riforma Fornero.

E invece, da allora non soltanto la finanziaria non ha previsto alcuna salvaguardia per i dimenticati della scuola, ma la legge Fornero è sempre più in vigore che mai, dopo la bocciatura da parte della Corte costituzionale, del referendum abrogativo proposto dalla Lega Nord, forte di oltre mezzo milione di firme raccolte in brevissimo tempo.


I Quota 96 oggi

Il ministro Madia, intervenendo alla Camera, ha confermato i numeri da tempo noti sui Quota 96, sottolineando che anche l’Inps ha certificato come siano in tutto poco più di 4mila i lavoratori rimasti esclusi dal pensionamento coi vecchi requisiti per l’errore compreso nella legge Fornero.

Di questi, ha comunque assicurato Marianna Madia, circa mille andranno in pensione con l’ultima copertura assicurata dal governo a favore degli esodati, in anticipo sui requisiti che la norma in vigore individuerebbe.

Questi, avranno tempo fino al 2 marzo per presentare la domanda di cessazione dal servizio entro il 2 marzo.

Che fare, poi, degli altri 3mila Quota 96, ormai diventati Quota 104 o 105? La risposta non è arrivata dal ministro, che ha comunque ribadito la priorità del governo nel voler assicurare lavoro ai giovani, in particolare proprio alla regolarizzazione di circa 150mila insegnanti precari, per mezzo di un “imminente provvedimento legislativo”.

Sugli insegnanti e i dipendenti Ata rimasti nel limbo per effetto di una legge sbagliata, nessuna rassicurazione e la certezza, che ormai è sempre più assodata: dovranno attendere la maturazione dei nuovi requisiti per ritirarsi definitivamente dal lavoro.

Vai allo speciale Quota 96

Vai allo speciale pensioni

 

INPS 2015

INPS 2015

Beniamino Gallo, a cura di, 2015, SEAC

Nel corso degli ultimi anni il rapporto di lavoro è stato oggetto di continui e radicali interventi legislativi che hanno inteso dare impulso al mercato del lavoro e alla modernizzazione del rapporto mediante l'ampliamento delle opportunità di assunzione e la riduzione del costo contributivo...




CONDIVIDI
Articolo precedenteSplit payment: procedure non proprio facili
Articolo successivoContributo unificato appalti: il parere degli avvocati a fine udienza

5 COMMENTI

  1. Basta non se ne può più i diritti dei lavoratori diminuiscono gli stipendi si abbassano ma gli anni x la pensione aumentano

  2. Ma cosa si può sperare da codesti politici? Molti di loro sono pregiudicati, tanti sono ignoranti e presuntuosi (tra cui alcuni ministri), tantissimi lecchini ecc.., ecc…
    Badano soltanto ai loro interessi e a quelli di chi li tiene a galla.

  3. La maledizione per Renzi, le sue suffraggette e i cani sciolti di sciolta civica è questa: farete la fine di Monti e tu Renzi sarai cacciato come si dice alla sarda a son’e corrus. Non ci sarete alla prossima legislatura. E le mie maledizioni si sono sempre avverate.

  4. L’importante è trovare le coperture per i VITALIZI ! I QUOTA 96 sono rifiuti solidi
    urbani ! Quando sarà trovato il sito potranno essere trasferiti a DISCARICA !
    ……Così L’ITALIA CAMBIA VERSO….calpestando i diritti a vantaggio dei
    privilegi !

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here