opere-pubbliche

Dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del decreto recante i requisiti necessari per l’iscrizione nell’elenco dei soggetti aggregatori, ecco ora dall’ANAC le istruzioni su come presentare la candidatura.

I soggetti che intendono essere iscritti all’elenco dei soggetti aggregatori – si legge nella determinazione n. 2 dell’11 febbraio 2015 dovranno inviare richiesta formale all’ANAC – Ufficio UMABS, insieme al file Excel corredato da tutte le informazioni richieste (disponibile tra qualche giorno www.anticorruzione.it sezione Servizi – Modulistica) entro 45 giorni dalla pubblicazione della determinazione stessa in Gazzetta Ufficiale.

Nella richiesta i candidati dovranno dichiarare:

  • che essi o i soggetti da loro costituiti “svolgono attività di centrale di committenza ai sensi dell’art. 33 del DLGS 163/2006 con carattere di stabilità, mediante un’organizzazione dedicata allo svolgimento dell’attività di centrale di committenza, per il soddisfacimento di tutti i fabbisogni di beni e servizi dei relativi enti locali”;
  • che le informazioni fornite tramite file Excel corrispondono al vero;
  • per le città metropolitane che esse “sono state istituite ai sensi della legge 7 aprile 2014 n. 56 e del D.Lgs. 17 settembre 2010 n. 156” e i riferimenti dell’atto istitutivo;
  • per le associazioni, unioni e consorzi di enti locali, compresi gli accordi tra gli stessi comuni resi in forma di convezione per la gestione delle attività, che sono costituiti “ai sensi del D.Lgs 18 agosto 2000 n. 267” e i riferimenti dell’atto costitutivo.

Nel file di Excel dovranno essere inserite le seguenti informazioni:

  • denominazione e codice fiscale del soggetto che svolge l’attività di centrale di committenza,
  • eventuali variazioni occorse negli anni 2011, 2012, e 2013 (separatamente per ogni anno),
  • denominazione e codice fiscale ed eventuali variazioni occorse nel periodo 2011-2013 (separatamente per ogni anno) di tutti i singoli soggetti di cui esso si compone.

La lettera di richiesta di accreditamento insieme al file Excel dovranno essere inviati, solo tramite PEC, all’indirizzo:
protocollo@pec.anticorruzione.it.


CONDIVIDI
Articolo precedenteAssegno sociale: requisiti, modalità di richiesta, importi
Articolo successivoRiforma PA, basta co.co.co nel pubblico impiego dal 2017? Dipende…

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here