La mobilità volontaria è bloccata, come le assunzioni per concorso, dalla legge 190/2014 in conseguenza della necessità di ricollocare il personale provinciale in sovrannumero.

Vi sono alcuni autori (tra cui G. Bertagna, in www.gianlucabertagna.it/2015/01/17/le-assunzioni-nel-2015/) secondo i quali la mobilità volontaria regolata dall’articolo 30 del d.lgs 165/2001 rimarrebbe libera, sicchè i comuni in particolare (ma, ovviamente ogni altra amministrazione) potrebbero continuare ad utilizzarla. Unica accortezza, non andare al di là del proprio fabbisogno.

Questa posizione sarebbe corroborata dalla circostanza che la legge 194/2014 vieterebbe le “assunzioni” e non le “cessioni di contratto” quali sono le mobilità.


Si tratta di argomentazioni non persuasive e che rischiano molto chiaramente di inficiare tutto il processo previsto dalla legge di stabilità 2015.

In quanto alla configurazione della mobilità come cessione di contratto, questa non esclude affatto che tra l’ente che acquisisce il dipendente per mobilità e dipendente stesso si stipuli un contratto di lavoro e si determini, dunque, un’assunzione. La cessione del contratto è il titolo dell’assunzione o, se si vuole, il sistema di reclutamento. Sia che si acquisisca il dipendente a seguito di un concorso, sia che lo si recluti mediante mobilità, sempre ad assunzione deve dare corso il datore di lavoro.

Dunque, l’argomentazione sulla natura giuridica della mobilità non può avere consistenza, per affermare che essa rimane liberamente utilizzabile.

Più importante ancora, però, è contestualizzare le disposizioni dell’articolo 1,commi 424 e 425, della legge 190/2014 con le altre norme vigenti ed i fini dell’intervento sul personale provinciale: 20.000 persone da ricollocare.

Si tratta di una ricollocazione da realizzare ai sensi dell’articolo 30, comma 2, del d.lgs 165/2001, quello famoso che impone il limite dei 50 chilometri al trasferimento dei dipendenti.

Ora, è perfettamente chiaro che se un comune viciniore alla sede di una provincia assume liberamente per mobilità occupa posti liberi della propria dotazione organica, rendendo meno facile la ricollocazione dei dipendenti provinciali in sovrannumero entro il raggio stabilito dalla norma.

Ma, poi, se l’assunzione dei dipendenti delle province avviene per mobilità, perché i comuni e le altre amministrazioni dovrebbero attivare procedure di mobilità “concorrenti” ed alternative a quella prevista dalla legge come misura per razionalizzare il sistema ed anche evitare un licenziamento collettivo di 20.000 persone?

Ragionamento decisivo, comunque, resta quello del fine delle mobilità: consentire alle amministrazioni pubbliche uno spostamento dei dipendenti in servizio mediante trasferimenti, sì da facilitarne la migliore distribuzione territoriale e funzionale, senza incidere sulla finanza pubblica, perché non si attiva nuova spesa dovuta all’immissione di nuovo personale nei ruoli.

Infatti, l’articolo 30, comma 2-bis, dispone: “Le amministrazioni, prima di procedere all’espletamento di procedure concorsuali, finalizzate alla copertura di posti vacanti in organico, devono attivare le procedure di mobilità di cui al comma 1”.

Sicché, il sistema prioritario, ordinario e naturale di reclutare il personale è procedere con le mobilità, che devono necessariamente precedere proprio i concorsi pubblici.

Ora, come è possibile distinguere, soprattutto in una situazione congiunturale nella quale occorre ricollocare 20.000 dipendenti, se la mobilità indetta dal comune X sia di quelle propedeutiche ad un concorso, oggi illegittimo, o piuttosto di una mobilità “neutrale” sul piano finanziario e, dunque, libera.

Il fatto è uno solo: l’articolo 1, commi 424 e 425, della legge 190/2014 obbliga le amministrazioni pubbliche ad assumere esclusivamente le categorie di soggetti ivi indicate: vincitori di concorsi appartenenti a graduatorie vigenti o approvate alla data dell’1.1.2015, e, per mobilità, i dipendenti provinciali da ricollocare.

E non si tratta di una mobilità “neutra”, per quanto proveniente da enti soggetti tutti a vincoli di finanza pubblica. Non si deve dimenticare, infatti, che per le province al trasferimento dei dipendenti in sovrannumero verso un altro ente, corrisponde la cancellazione definitiva del posto in dotazione organica, come anche della spesa connessa. Non si ha, dunque, la “circolarità” del finanziamento della spesa del personale pubblico, tipica proprio della mobilità volontaria, che giustifica la sua concezione come “cessione di contratto”. La mobilità regolata dall’articolo 30, comma 1, del d.lgs 165/2001, fa camminare insieme (in modo virtuale) il dipendente col suo finanziamento. E’ per questo motivo che la legge 190/2014 stabilisce di coprire i le assunzioni (che tali sono e restano) da mobilità dei dipendenti provinciali attraverso le risorse del turn-over delle amministrazioni.

Questo, in conclusione, dimostra che la mobilità per i comuni e le altre amministrazioni è in tutto e per tutto condizionata alla preventiva ricollocazione dei dipendenti in mobilità, sia per evitare il tourbillon delle sedi e non vanificare il raggio di 50 chilometri come elemento dell’obbligatorietà del trasferimento, sia perché la mobilità è comunque presupposto per concorsi che non possono essere indetti e la “provvista” di personale è data dall’insieme dei dipendenti provinciali in sovrannumero.


CONDIVIDI
Articolo precedenteRiforma PA: niente Jobs Act per gli statali. Novità sui concorsi
Articolo successivoGreen Hill, condannati i responsabili del canile lager

6 COMMENTI

  1. Gent.mo dott. Olivieri,
    vivo in una regione a statuto speciale, la Sicilia. Nella nostra regione l’agenzia regionale per l’ambiente, ARPA, di pende dall’assessorato territorio ambiente, così come nelle altre regioni d’italia dipende del ministero dell’ambiente. L’ARPA sicilia non ha mai bandito concorsi da quando si è istituita ed è sottodimensionata. Da allora ha bandito due mobilità, con cui non ha coperto quasi per niente il personale e adesso con la nuova finanziaria regionale appena passata pare che verrà bandita la terza mobilità probabilmente per sistemare le persone della provincia che verrà abolita. Mi chiedevo se bandire tutte queste mobilità senza mai procedere a concorso pubblico sia una cosa legale. Ero a conoscenza del fatto che dopo una mobilità è obbligatorio bandire un concorso per assumere personale e che bandire due mobilità è illegale. Noi purtroppo siamo a statuto speciale, ma mi chiedevo se davvero uno statuto speciale può permettere di derogare così spudoratamente una legge sul lavoro, perchè anche se ancora la terza non è stata bandita in ogni caso è stata approvata in finanziaria la possibilità.
    Grazie
    Ester

  2. E per i dipendenti di un comune, che sono comandati in un altro comune e che finalmete si vedono accogliere la loro domanda di mobilità volontaria , non ci sta alcuna speranza dopo che hanno effettuato 3 anni di comando?…..

  3. Gent.mo Dott. Olivieri,
    secondo Lei ci può essere compatibilità tra quanto disposto dall’art.1 comma 424 della Legge 190/2014 nella parte in cui stabilisce che: Le regioni e gli enti locali, per gli anni 2015 e 2016, destinano le risorse per le assunzioni a tempo indeterminato, nelle percentuali stabilite dalla normativa vigente, all’immissione nei ruoli dei vincitori di concorso pubblico collocati nelle proprie graduatorie vigenti o approvate alla data di entrata in vigore della
    presente legge, con quanto stabilito dalla Corte dei Conti in merito alla possibilità per le PA di utilizzare, prima di avviare nuovi concorsi, le graduatorie di pubblici concorsi approvate da altre amministrazioni previo accordo con le stesse anche successivamente all’approvazione della gradutoria, come previsto dall’art.4 della Legge 125/2013 [Articolo 4, comma 3-ter. -. Resta ferma per i vincitori e gli idonei delle graduatorie di cui al comma 3 del presente articolo l’applicabilità dell’articolo 3, comma 61, terzo periodo, della legge 24 dicembre 2003, n. 350.] ?
    Grazie

    (inviato nuovamente perchè si era persa una parte)

  4. Gent.mo Dott. Olivieri, secondo Lei il bando di mobilità in corso verso in Ministero della Giustizia è aderente alle disposizioni della legge di stabilità? Cordialità,

  5. Concordo con le argomentazioni di Oliveri sulla non rilevanza della peculiarità dell’istituto della mobilità volontaria ai fini del vincolo assunzionale. Tuttavia dovrebbe discriminarsi tra mobilità in entrata verso la Provincia e mobilità in uscita . Solo la prima risulta preclusa da citato quadro normativo e non certo la seconda che, al contrario dovrebbe trovare i favori del legislatore…… oh, chiedo venia, del liquidatore!!!

  6. Che fare allora per le procedure di mobilità volontaria avviate prima della riforma? Nella concretezza, se la procedura occorreva per sostituire una persona prossima al collocamento in quiescenza, nell’attesa che tutti facciano quello che devono fare cosa mettiamo al suo posto, una sagoma di cartone? Sempre più spesso ci si chiede se i nostri legislatori siano al corrente del fatto che gli enti locali hanno uffici coperti da una sola unità di personale…

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here