Mancano pochi giorni alle ormai scontate dimissioni di Giorgio Napolitano da presidente della Repubblica. In Parlamento si sta vivendo una fase di stallo, in attesa della convocazione in seduta comune che aprirà ufficialmente la corsa per l’elezione del nuovo Capo dello Stato.

Nei giorni scorsi, abbiamo tratteggiato un profilo di quei personaggi che sarebbero i favoriti per la vittoria finale, cercando di individuare tra loro i più papabili per la successione all’ormai anziano e provato “Re Giorgio”.

Se Mario Monti pare essersi sapientemente defilato dal dibattito in attesa che tornino a muoversi le bocce per il Quirinale, niente è da dare per scontato, dal momento che la poltrona di presidente della Repubblica è da ormai un decennio affidata allo stesso personaggio. Dunque, i pretendenti latenti o conclamati si sono moltiplicati, e c’è da attendersi che, contrariamente a quanti auspicato dal premier Renzi, non sarà una passeggiata eleggere il nuovo garante della Costituzione.


Si è fatto molto parlare di un ritorno di Romano Prodi come possibile candidato del Partito democratico, dopo la clamorosa debacle del 2013, quando 101 parlamentari democratici lo pugnalarono alle spalle facendone sprofondare la candidatura.

A distanza di quasi due anni, il professore giura di non essere in campo, ma sicuramente da abile e consumato uomo delle istituzioni, sa bene che al Quirinale non esiste candidatura da realizzare in forma palese. Eppure, il suo incontro di qualche tempo fa proprio con il premier Renzi, ne ha rilanciato con forza il nome.

Perché sì Prodi

I voti del Pd. I 101 nella storia recente del Partito democratico sono una macchia indelebile, che potrebbe essere finalmente superata solo rimediando, con due anni di ritardo, alla figuraccia dell’aprile 2013. Per questo, il Pd potrebbe ricompattarsi attorno al proprio padre fondatore, cancellando definitivamente lo psicodramma che portò al capolinea la segreteria di Bersani. Al quarto scrutinio, stavolta Prodi potrebbe farcela, se il suo partito sarà compatto.

Le larghe intese. Da non dimenticare, questo governo ha sempre la maggioranza in Parlamento grazie all’appoggio di Ncd e dei fuoriusciti dai 5 Stelle. Prodi, per il profilo da una parte cattolico e dall’altra antiberlusconiano, presenta qualità che possono convincere entrambi gli schieramenti.

Il curriculum. Poche personalità italiane in vita, forse nessuna, possono vantare un curriculum internazionale paragonabile a quello del professore di Bologna. Ministro, due volte presidente dell’Iri, due volte presidente del Consiglio, capo della Commissione europea e da qualche anno ambasciatore Onu nel sud del mondo: manca solo il ruolo più importante.

La stabilità. Se Renzi davvero vuole arrivare al 2018, allora avrà bisogno di un alleato prezioso al Colle per evitare i tornanti più rischiosi della legislatura, con la minaccia di elezioni anticipate che ogni tanto torna in auge. Chi meglio del professore, che due volte ha sfidato e due volte ha avuto la meglio su Berlusconi?

Perché no Prodi

Ha perso la sua occasione. La sconfitta dell’aprile 2013, mentre si trovava in Mali, sembra aver posto la parola fine alle ambizioni quirinalizie di Prodi. Ripresentare la sua candidatura, sarebbe un rischio per il governo: se anche stavolta il professore fallisse, infatti, Renzi non sarebbe più così stabile a palazzo Chigi.

Berlusconi. Cosa potrebbe chiedere in cambio il Cavaliere per dichiarare la “non belligeranza” dell’arcinemico al Colle? Forse, questa è la principale preoccupazione del premier, che potrebbe portarlo ad accantonare il nome di Prodi in maniera definitiva.

Sarebbe ingombrante. Il presidente del Consiglio, è noto, alimenta le sue fortune politiche sulla propria iperesposizione. Avere un presidente molto mediatico e poco incline ai compromessi come Prodi potrebbe offuscarne l’immagine, che i sondaggisti annunciano già in difficoltà per la mancata ripresa.

L’euro. In tempo di clima favorevole alle linee di pensiero ostili all’Europa, eleggere uno come Prodi al Colle sarebbe percepito come una sfida aperta alle minoranza e non come un gesto di distensione: nessuno, infatti, ha dimenticato la sua paternità nei confronti dell’euro e il cambio sulla lira che secondo alcuni è alla base delle difficoltà con la moneta unica.

Vai allo speciale Toto Quirinale

 


CONDIVIDI
Articolo precedenteEquitalia, sanatoria 2015 per le cartelle. Salvi evasori del canone Rai
Articolo successivoMulte stradali per eccesso di velocità notificate oltre il tempo o mai notificate al legittimo proprietario del veicolo

4 COMMENTI

  1. Guardiamo solo a donne competenti. Ne segnalo alcune.
    Anna Maria Tarantola (1945) consigliere Rai, già Bankitalia;
    Maria Alessandra Sandulli (1956), giurista amministrativista, Università di Roma Tre;
    Arch. Alessandra Marino (1956), soprintendente beni culturali Firenze;
    Antonella Sciarrone Alibrandi (1965), giurista diritto bancario. Università Cattolica del Sacro
    Cuore, Milano;

    Guardiamo solo a uomini competenti: Ne segnalo alcuni:
    Antonio Catricalà (1952) giurista,
    Paolo Portoghesi (1931) architetto
    Maurizio Molinari (1964) giornalista
    Enrico De Mita (1932) giurista tributarista

    Tutte persone che parlano poco ed agiscono molto e chiaramente.

  2. L’Italia ha la necessità che il prossimo Presidente della Repubblica sia una personalità di grande cultura e molto autorevole, con una solida esperienza politica interna e internazionale, esperto di economia, stimato e ascoltato a livello internazionale sia in Occidente che in Oriente, un cattolico (dopo un laico) con capacità di capire i problemi e le aspettative della cosiddetta “sinistra” e, nel contempo, consapevole dei problemi e delle aspettative del mondo imprenditoriale (dai piccoli artigiani alle grande industria), capace di sostenere le riforme che devono rinnovare e ringiovanire l’Italia perché possa risolvere i suoi problemi e ridiventare protagonista a livello internazionale. Penso che su una simile impostazione ci sia molto consenso e le piccole beghe paesane non dovrebbero avere spazio in una scelta così fondamentale. E allora mi chiedo: chi è il personaggio italiano che meglio risponde al profilo indicato? Sarebbe un guaio imperdonabile se nella scelta interferissero antipatie personali o interessi personali e non si badasse esclusivamente agli interessi del Paese. Per me l’uomo migliore che l’Italia possa ora esprimere per l’alta carica è Romano Prodi.

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here