E’ arrivata finalmente, quasi fuori tempo massimo, la conferma ufficiale sulla proroga dell’Imu per i terreni agricoli in montagna.

Nei giorni scorsi, infatti, diverse voci e ipotesi si erano rincorse in merito al saldo dell’imposta municipale sugli appezzamenti di terreno coltivabili in altura e, in effetti, ora c’è l’attesa proroga.

Il decreto 185, pubblicato ieri in Gazzetta ufficiale, rende definitivo lo slittamento per l’acconto Imu sui terreni agricoli, ed è arrivato proprio il giorno della scadenza definitiva per il pagamento della Tasi e della quota rimanente del tributo che l’ha preceduta.


Le nuove disposizioni sui terreni agricoli

Ora, il termine per il versamento dell’Imu sui terreni agricoli in montagna è spostato al prossimo 16 gennaio 2015. 

Nei comuni nei quali i terreni agricoli non sono più oggetto dell’esenzione, poi, l’imposta e’ determinata per l’anno 2014 tenendo conto dell’aliquota di base, sempre che non siano state adottate specifiche aliquote nei Comuni coinvolti.

I Comuni coinvolti saranno determinati non già dall’altitudine del terreno coinvolto nel pagamento, ma da quella certificata del territorio su cui ricade la potestà amministrativa dell’ente, secondo i parametri emanati dall’Istat.

Il calcolo dell’Imu sui terreni montani andrà così rilevato:

reddito dominicale del terreno, coefficienti moltiplicatori, eventuale aliquota stabilita dal Comune se rispondente ai requisiti precedentemente illustrati

Era partito tutto dal decreto ministeriale dello scorso 28 novembre, che addirittura pareva introdurre la data del prossimo giugno per gli adempimenti. L’arrivo del provvedimento di rinvio era stato confermato dal governo in un apposito question time lo scorso 4 dicembre e, infine, il testo è arrivato il giorno stesso in cui la tassa avrebbe dovuto essere versata.

VAI AL TESTO DEL DECRETO CHE RINVIA L’IMU SUI TERRENI AGRICOLI

 


CONDIVIDI
Articolo precedenteEsame avvocato 2014: il testo delle tracce di diritto penale
Articolo successivoPolitica in crisi? Roberto Benigni nuovo presidente della Repubblica

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here