fruizione-ferie

Se un dipendente pubblico, che presta la propria attività lavorativa continuativamente per tutto l’anno, volesse prendersi le ferie “tutte in una volta”, cioè utilizzando tutti i giorni contrattualmente previsti per lo stesso anno, lo può fare? Ne ha diritto?
Oppure può fruire solo dei giorni di ferie maturati (proporzionati ai mesi di lavoro svolto nell’anno considerato) fino al momento della richiesta?

Se non si tratta dell’anno di assunzione e dell’ultimo anno di servizio ha diritto, in qualsiasi momento dell’anno in questione, all’utilizzo di tutti i giorni di ferie contrattualmente previsti per lo stesso anno.

Ecco quello che ha risposto l’ARAN in un recente orientamento applicativo:


Ordinariamente, il dipendente può, in qualsiasi momento dell’anno, fruire di tutte le ferie allo stesso spettanti, sulla base della disciplina contrattuale, per quell’anno. Infatti, l’art. 18, comma 7 del CCNL del 6.7.1995 prevede che solo nell’anno di assunzione e nell’ultimo anno di servizio le ferie maturano in relazione al servizio prestato e, quindi, devono essere computate in dodicesimi. Pertanto, esclusivamente in queste specifiche ipotesi, il dipendente può fruire dei soli giorni di ferie maturati fino al momento della richiesta.

Art. 18 CCNL del 6 luglio 1995 – Ferie

1. Il dipendente ha diritto, in ogni anno di servizio, ad un periodo di ferie retribuito. Durante tale periodo al dipendente spetta la normale retribuzione, escluse le indennità previste per prestazioni di lavoro straordinario e quelle che non siano corrisposte per dodici mensilità.

2. La durata delle ferie di 32 giorni lavorativi, comprensivi delle due giornate previste dall’articolo 1, comma 1, lettera “a”, della L. 23 dicembre 1977, n. 937.

3. I dipendenti neo assunti nella pubblica amministrazione dopo la stipulazione del presente contratto hanno diritto a 30 giorni lavorativi di ferie comprensivi delle due giornate previste dal comma 2.

4. Dopo 3 anni di servizio, ai dipendenti di cui al comma 3 spettano i giorni di ferie previsti nel comma 2.

5. In caso di distribuzione dell’orario settimanale di lavoro su cinque giorni, il sabato considerato non lavorativo ed i giorni di ferie spettanti ai sensi dei commi 2 e 3 sono ridotti, rispettivamente, a 28 e 26, comprensivi delle due giornate previste dall’articolo 1, comma 1, lettera “a”, della L. 23 dicembre 1977, n. 937.

6. A tutti i dipendenti sono altresì attribuite 4 giornate di riposo da fruire nell’anno solare ai sensi ed alle condizioni previste dalla menzionata legge n. 937/77. E’ altresì¬ considerata giorno festivo la ricorrenza del Santo Patrono della località in cui il dipendente presta servizio, purché ricadente in giorno lavorativo.

7. Nell’anno di assunzione o di cessazione dal servizio la durata delle ferie determinata in proporzione dei dodicesimi di servizio prestato. La frazione di mese superiore a quindici giorni considerata a tutti gli effetti come mese intero.

8. Il dipendente che ha usufruito dei permessi retribuiti di cui all’art. 19 conserva il diritto alle ferie.

9. Le ferie sono un diritto irrinunciabile, non sono monetizzabili, salvo quanto previsto nel comma 16. Esse sono fruite nel corso di ciascun anno solare, in periodi compatibili con le oggettive esigenze di servizio, tenuto conto delle richieste del dipendente.

10. Compatibilmente con le oggettive esigenze del servizio, il dipendente può frazionare le ferie in più periodi. La fruizione delle ferie dovrà avvenire nel rispetto dei turni di ferie prestabiliti, assicurando comunque al dipendente che ne abbia fatto richiesta il godimento di almeno 2 settimane continuative di ferie nel periodo 1 giugno – 30 settembre.

11. Qualora le ferie già in godimento siano interrotte o sospese per motivi di servizio, il dipendente ha diritto al rimborso delle spese documentate per il viaggio di rientro in sede e per quello di ritorno al luogo di svolgimento delle ferie, nonché all’indennità di missione per la durata del medesimo viaggio; il dipendente ha inoltre diritto al rimborso delle spese anticipate per il periodo di ferie non goduto.

12. In caso di indifferibili esigenze di servizio che non abbiano reso possibile il godimento delle ferie nel corso dell’anno, le ferie dovranno essere fruite entro il primo semestre dell’anno successivo.

13. In caso di motivate esigenze di carattere personale e compatibilmente con le esigenze di servizio, il dipendente dovrà fruire delle ferie residue al 31 dicembre entro il mese di aprile dell’anno successivo a quello di spettanza.

14. Le ferie sono sospese da malattie adeguatamente e debitamente documentate che si siano protratte per più di 3 giorni o abbiano dato luogo a ricovero ospedaliero. L’amministrazione deve essere stata posta in grado di accertarle con tempestiva informazione.

15. Il periodo di ferie non riducibile per assenze per malattia o infortunio, anche se tali assenze si siano protratte per l’intero anno solare. In tal caso, il godimento delle ferie deve essere previamente autorizzato dal dirigente in relazione alle esigenze di servizio, anche oltre il termine di cui ai commi 12 e 13.

16. Fermo restando il disposto del comma 9, all’atto della cessazione dal rapporto di lavoro, qualora le ferie spettanti a tale data non siano state fruite per esigenze di servizio, si procede al pagamento sostitutivo delle stesse.


CONDIVIDI
Articolo precedenteSu box e garage si paga la tassa rifiuti 32
Articolo successivoCassazione: legittimo il controllo dei tovaglioli consumati

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here