Se non brilla per innovazione, certo la linea antievasione scolpita nella legge di stabilità 2015 rischia di far tremare i polsi a più di un contribuente. Dalla soffitta delle misure contro i furbetti del fisco, infatti, viene riproposto un vecchio fantasma, quello dello spesometro “vecchia maniera”, che potrebbe tornare nel 2015 con un volto assai meno generoso di quello attualmente in vigore.

Come si ricorderà, infatti, all’incirca un anno fa stava per scadere la prima, caotica scadenza dello strumento per le registrazioni delle operazioni svolte in regime Iva da parte di partite Iva, commercianti, artigiani e professionisti, anche al di sotto delle soglie precedentemente stabilite.

Un avvicinamento difficoltoso per molti studi, che portò, dopo settimane di polemiche, richieste e dubbi, alla proroga in extremis, proprio a poche ore dalla scadenza, che rinviò tutto alla fine di gennaio. Quindi, lo spesometro, nato come uno degli aspetti del fisco “spione”, arrivava a ingentilire notevolmente il proprio impatto sui contribuenti, che, infatti, riuscirono a rispettare la nuova scadenza senza troppi patemi, con l’apporto dei commercialisti.

Perché il nuovo spesometro

Ora, la legge di stabilità in arrivo alle Camere ha tra i suoi obiettivi il recupero ingente dell’evasione e, per ottenere questo risultato, propone di rivedere gli strumenti attualmente in funzione, tra cui anche lo stesso spesometro.

Secondo le misure inserite in finanziaria per prevenire l’evasione, infatti, la fetta più ingente di recupero di denaro sottratto alle casse pubbliche, dovrebbe proprio arrivare da tutta l’Iva che non viene debitamente corrisposta.

Per contrastare questo fenomeno ancora molto diffuso, allora, la strategia dovrebbe essere quella di spingere gli stessi contribuenti a correggere quanto prima gli errori e le imprecisioni nei versamenti dell’imposta tramite appositi e tempestivi ravvedimenti pena l’applicazione di apposite e immediate sanzioni.

Dunque, le informazioni oggi reperite tramite lo spesometro non funzionerebbero più in qualità di accertamento puramente quantitativo del rapporto tra operazioni di compravendita e margine rientrato nelle casse statali, ma finirebbe a fungere proprio da pungolo nei riguardi dei contribuenti per regolarizzare la propria posizione.

Scopo della legge di stabilità 2015, infatti, è proprio quello di recuperare fino a 15 miliardi dalla filiera in cui viene dispersa l’Iva, arrivando a stanare quegli anelli che non corrispondono il dovuto al fisco sulle operazioni svolte. Così, potrebbe davvero tornare lo spesometro “vampiro” della prima ora, quello che terrorizzava i contribuenti con l’anagrafe dei conti correnti.

Vai alla bozza della legge di stabilità

Vai alle misure punto per punto

Vai allo speciale legge di stabilità 2015

 


1 COOMENTO

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here