Parigi fa da capolinea alle tendenze per la primavera estate 2015, segnando ancora una volta, il successo della settimana più attesa per le fashion addict e gli addetti ai lavori.

Protagoniste indiscusse le sfilate, e perché no, anche l’intero parterre dei vip e della stampa specializzata, pronti ad assistere al grande evento (o meglio al grande show) dotati di outfit per l’occasione, impeccabile snobismo e naturalmente entusiasmo personale e lavorativo.
Dalla tour Eiffel, alla Somerset House, il Damrosch Park, il Duomo di Milano, l’internazionale quadrilatero della moda meneghina, i lussuosi hotel e la storica via Tortona della capitale italiana del fashion.

Questi gli incantevoli sfondi che hanno visto alternarsi le creazioni dei famosi fashion designer del mondo.
Sulle passerelle italiane va in scena eleganza, cultura, architettura, pittura e qualità.
La storia e il passato ispirano la nuova collezione per la primavera estate 2015 di Re Karl per Fendi con un’esplicito riferimento all’Eur, nuova sede del quartiere generale di Fendi a Roma, e a una romanità trasfigurata.

L’eclettico genio di Karl Lagerfeld, l’imperatore dell’alta moda europea dall’inconfondibile coda di cavallo bianca e occhiali scuri, direttore creativo della prestigiosa maison romana dal 1965, ha saputo creare, come sempre in maniera impeccabile, uno spettacolo di classe all’insegna di uno stile moderno, contemporaneo, sofisticato e ricercato.

Pellicce, plastica, cotone, organza, materiali e texture accostati con maestria per sfoggiare una consolidata padronanza tecnica che permette ai sofisticati abiti di Silvia Venturini Fendi di padroneggiare tra le creazioni più ambite dal fashion System.

Un’estate astratta quella dello stilista emiliano Angelo Marani ispirata al pittore lombardo Luigi Veronesi, che amava associare i colori alla musica. Un’estate colorata e musicale, con un omaggio agli anni 70, geometrie musicali, colori pop, organza, frange multicolor dove il colore degli intarsi conferisce all’intera collezione un’anima allegra, allegrissima.

Parole chiave: sorriso e positività in una situazione attuale del Paese triste e funebre.

La moda è dinamicità, azzardo, eccentricità, talento e guardare il mondo attraverso i suoi attraenti occhi è come trovarsi all’improvviso in un’atmosfera incantata dove aleggia ottimismo, gioia e speranza.

Un mondo rallegrato dalle soavi melodie colorate di Angelo Marani. In occasione di Milano Moda Donna gli hotel di lusso sono la location ideale per aperitivi a 5 stelle gustati attraverso una perfetta sinergia di stile e gusto, eventi, feste e cocktail all’interno dei quali numerosi stilisti decidono di presentare le loro nuove collezioni in uno scenario sfarzoso e regale.

È al Grand Hotel et de Milan che Angela Testa, direttore creativo del brand Hanita, ha presentato le collezioni per la prossima primavera estate 2015. Tessuti ricercati, rifiniture preziose, avanguardia e tradizione tra forme sartoriali e street style d’ispirazione Seventy con richiami alla natura mediterranea e agli anni Cinquanta.

Capi eleganti e originali con un tocco di audacia e femminilità che li rende semplici, preziosi e mai banali.
Diciamo la verità, senza dubbio ‘l’abito fa il monaco’, come dice un antico e ormai più che consolidato detto, ma sono di sicuro gli accessori a rendere unico un qualsiasi capo indossato e speciale una particolare serata senza passare inosservati, naturalmente con gusto e buon senso critico. E se creativi, ironici e fastosi ancora meglio.

Alessandra Zanaria riesce nell’intento alla perfezione, con talento, innovazione e ironia.
‘No hat no honor!’ è lo slogan della nuova collezione di cappelli e foulard interamente realizzati a mano dalla stilista, presentata nell’incantevole scenario dell’Hotel et de Milan in via Manzoni. Gli anni 50 e uno stile contemporaneo sono le linee guida dell’idea creativa della fashion designer che ha saputo coniugare con sapiente maestria tecnica, abilità artigianale e cultura.
Accessori chic e sofisticati con dettagli eclettici e attuali, materiali innovativi come la carta e il PVC per rendere unico lo stile e capace di impreziosire e valorizzare qualunque abito.

Tutto rigorosamente Made in Italy.

All’interno del prestigioso atelier di via Montenapoleone la moda di Via Delle Perle è dedicata a donne di statura dove gli ospiti sono stati accolti da tre manichini alti due metri ognuno dei quali rappresentanti le differenti collezioni proposte per la prossima stagione estiva 2015: Collection, Club e Beach. Per una donna ironica, ludica e meno esibita. Corallo, fiori, righe, maculato e una nuovissima stampa di calzature: ballerine e tacchi alti; la grande passione delle donne ma anche un annuncio della nuova collezione accessori di VDP.

La capitale parigina, all’ombra della Tour Eiffel, saluta una settimana ricca di moda ed eventi dove si sono viste alternare le creazioni dei famosi fashion designer con sfilate, feste e opening…

In attesa di lanciare le nuove tendenze e definire i capi must have per l’uomo estivo del 2015.
Nonostante la crisi, dunque, il fascino della fashion week, l’inebriante atmosfera, le strade incalzate da personaggi bizzarri, gente dello spettacolo, attori, soubrette e quant’altro… Tutto rigorosamente intatto.
Il desiderio di vedere sfilare sulle più ambite passerelle del mondo quegli abiti indossati con disinvoltura dalle modelle. La voglia di immaginare, sognare tra colori, musiche, architetture, materiali pregiati. La speranza di un futuro migliore.

Dietro agli abiti c’è storia, cultura, emozione, sentimento, determinazione, talento, rischio, perché la superficialità è per tutti, la moda no.

 


CONDIVIDI
Articolo precedenteIn Sicilia amore non fa rima con assessore
Articolo successivoJobs Act, ci siamo. Al Senato in arrivo la fiducia sull’articolo 18

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here