strisce-blu_ricorsi

Strisce blu illegali se non ci sono posti gratis nelle vicinanze: la Cassazione assesta un altro bel colpo alle ‘casse’ dei Comuni che, tramite le multe per divieto di sosta e le multe per sosta eccedente il tagliandino nelle strisce blu, hanno un’entrata fissa e sicura a bilancio. Da ora, infatti, sarà molto più facile chiedere l’annullamento della multa.

Cos’è successo? Semplice: la Cassazione ha stabilito che se il Comune non dimostra l’esistenza di aree a sosta gratuita nei pressi di quelle a pagamento, la contravvenzione può essere annullata dall’autorità  giudiziaria. Si tratta di quanto inscritto nell’ordinanza n. 18575 della Suprema Corte di Cassazione uscita lo scorso 3 settembre.

Secondo la sentenza, la multa sulle strisce blu sarà nulla se nelle vicinanze del parcheggio incriminato non sia dimostrabile da parte dell’ente locale l’esistenza di spazi di parcheggio con le righe bianche, e dunque a sosta gratuita o a disco orario.


Nel caso di specie i giudici di legittimità hanno accolto il ricorso di una donna sanzionata per aver parcheggiato nell’area a pagamento senza esporre il tagliando. In particolare, nella sentenza si sottolinea che “nel giudizio di opposizione a verbale di accertamento di infrazione del codice della strada, grava sull’autorità  amministrativa opposta, a fronte di una specifica contestazione da parte dell’opponente, che lamenti la mancata riserva di una adeguata area destinata a parcheggio libero, la prova della esistenza della delibera che escluda la sussistenza di tale obbligo ai sensi dell’art. 7 comma 8 C.d.S.“.

In definitiva, le strisce blu da oggi fanno un po’ meno paura: dovrebbe essere dunque molto più agevole vincere il ricorso contro la contravvenzione spiccata dagli agenti in pettorina o da quelli in divisa, che terrorizzano gli automobilisti con i famigerati blocchetti. Ora, l’infrazione al codice della strada viene se rilevata, ma nel procedere in giudizio di opposizione al verbale di trasgressione della norma, sarà  l’amministrazione a dover comprovare la permanenza di soste gratuite in loco, al fine di garantire l’opportunità  di parcheggio, pena l’annullamento del verbale.


CONDIVIDI
Articolo precedenteDDL doppio cognome: approvato alla Camera ora passa al Senato
Articolo successivoBonus 80 euro, il governo tira dritto: sarà strutturale e allargato

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here