L’anno scolastico inizia ufficialmente oggi, ma per il ritorno sui banchi c’è ancora tempo. I ragazzi stanno ancora terminando i compiti delle vacanze, prima di riprendere l’attività didattica a pieno regime. Intanto, per gli insegnanti iniziano i primi consigli di classe e d’istituto, che chiudono definitivamente le vacanze estive.

Arriviamo così a settembre, che significa l’avvio di un nuovo anno per milioni di studenti e decine di migliaia di insegnanti, tra cui moltissimi precari in attesa di scoprire se questa, davvero, sarà la volta buona per entrare nei ranghi dei docenti di professione, o se il purgatorio delle liste a esaurimento continuerà senza un tempo limite.

Per scoprire questo, si dovrà attendere, nei prossimi giorni, la riforma della scuola, annunciata per la scorsa settimana e poi rinviata dal governo, ufficialmente a mercoledì 3 settembre, salvo ulteriori ripensamenti.

Le date del Miur

Ma ciò che non cambierà, nei prossimi tempi, sarà il calendario di avvio delle lezioni in tutta Italia che, come noto, non poggia – ancora – su una singola data nazionale.

In ogni regione, infatti, vige una data generale per il suono della prima campanella, salvo, però, eventuali deroghe concesse ai vari istituti, soprattutto a quelli di secondo grado, le scuole superiori, che svolgono, in queste settimane, i corsi di recupero per gli studenti che, l’anno passato, abbiano maturato dei debiti formativi.

I primi a tornare sui banchi saranno gli alunni delle scuole in provincia di Bolzano, che saranno richiamati in aula già lunedì prossimo 8 settembre; mercoledì 10, toccherà ai “vicini” di Trento e agli studenti del Molise. Poi, alla spicciolata tutti riprenderanno le lezioni.

Anche quest’anno, alcune regioni hanno deciso di adottare i calendari pluriennali, che stabiliscono una data fissa per l’inizio e la fine dell’anno scolastico, come l’Emilia-Romagna che ha adottato il 15 settembre come primo giorno e l’8 giugno come data finale. L’importante, infatti, è che vengano svolti 200 giorni di lezione nell’arco dei mesi di scuola, con la previsione delle vacanze natalizie e quelle pasquali.

Vai al calendario completo dell’anno scolastico 2014/2015


CONDIVIDI
Articolo precedenteAutorizzazione paesaggistica, semplificazione che va e semplificazione che viene
Articolo successivoDa oggi in vigore il DLGS 126/2014, un altro passo verso l’armonizzazione contabile

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here