Continuano le proroghe nella dichiarazione dei redditi. Dopo quelle che hanno riguardato Unico 2014, con i pagamenti slittati dal 16 giugno allo scorso 7 luglio, che hanno comportato il rinvio anche dei saldi con il minimo di interessi per i ritardatari, ora tocca anche al modello 770.

E’ stato il ministero dell’Economia in persona a confermare come la presentazione del documento all’Agenzia delle Entrate viene prorogata da oggi 31 luglio al 19 settembre prossimo.

Il rinvio verrà ufficializzato in giornata tramite un Dpcm ad hoc, che conterrà i termini per l’invio e tutte le informazioni relative allo slittamento di questa scadenza.

La decisione è arrivata dopo il pressing delle associazioni di rappresentanza e degli Ordini professionali, che hanno chiesto un po’ di ossigeno all’esecutivo per i sostituti d’imposta, affinché riescano a portare a termine gli adempimenti fiscali con la completezza del caso e senza rincorse affannose, fonte di potenziali errori e ritardi.

In principio, il governo non aveva lasciato margini alle richieste di Ordini e rappresentanti delle società e dei professionisti: netta, infatti, la risposta arrivata in un apposito question time andato in scena a Montecitorio in commissione Finanze. Poi, invece, la situazione ha iniziato a mutare, con il governo via via sempre più possibilista, fino alla conferma del rinvio a pochissime ore dalla scadenza definitiva.

Un sospiro di sollievo per i tanti sostituti d’imposta che si erano visti di dover compiere i salti mortali per portare a termine questo ulteriore adempimento e, invece, ora avranno ancora un mese e mezzo di tempo per regolarizzare la posizione dei propri assistiti.

Chi è obbligato

Ricordiamo che alcuni dei soggetti tenuti alla presentazione del 770 alle Entrate, sono:

società di capitali ed enti commerciali
enti non commerciali, compresi gli enti pubblici (Regioni, Province, Comuni) e privati
associazioni non riconosciute, consorzi, aziende speciali
società e enti di ogni tipo, con o senza personalità giuridica
trust
condomìni
società di persone, di armamento e di fatto r
società o associazioni senza personalità giuridica costituite fra persone fisiche per l’esercizio in forma associata di arti o professioni
aziende coniugali, se l’attività è esercitata in forma societaria tra coniugi
gruppi europei d’interesse economico (Geie)
persone fisiche che esercitano arti e professioni, imprese commerciali e agricole
amministrazioni dello Stato
curatori fallimentari, commissari liquidatori, eredi che non proseguono l’attività del sostituto d’imposta estinto

 

Allo stesso modo, sono chiamati all’invio entro il 19 settembre i seguenti sostituti d’imposta, che abbiano corrisposto:

somme o valori soggetti a ritenuta alla fonte su redditi di capitale
compensi per avviamento commerciale
contributi a enti pubblici e privati
riscatti da contratti di assicurazione sulla vita
premi, vincite e altri proventi finanziari, compresi quelli derivanti da partecipazioni a organismi di investimento collettivo in valori mobiliari di diritto estero
utili derivanti da partecipazioni in società di capitali, titoli atipici, indennità di esproprio e redditi diversi

Vai allo speciale dichiarazione dei redditi 2014


CONDIVIDI
Articolo precedenteRiforma PA: ok alla fiducia. Quota 96 in pensione a settembre
Articolo successivoParola di Ministro: stop allo strapotere delle Soprintendenze

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here