Oggi inizia una due giorni decisiva per le dichiarazioni dei redditi, sia dei lavoratori dipendenti, che delle partite Iva. Lunedì 7 luglio – e martedì 8 – sono infatti due date segnate da tempo nelle agende di commercialisti e sostituti d’imposta.

Doppia la scadenza, dunque, nel comparto fiscale: esattamente a metà dell’anno solare, infatti, finisce il termine per due adempimenti necessari nella successione contributiva di soggetti e persone fisiche

  • oggi, infatti, scade la proroga per il versamento dell’acconto relativo a Unico 2013
  • domani è il giorno conclusivo per la presentazione del 730 per via telematica

Cerchiamo di mettere un po’ di ordine per capire chi sono i soggetti coinvolti negli obblighi che arrivano al termine quest’oggi, e soprattutto quali invii e “compiti” vengono richiesti a professionisti e semplici contribuenti, avvalendoci delle indicazioni diramate in merito dall’Agenzia delle Entrate.

La scadenza dei versamenti – Unico 2014

Chi. Persone Fisiche non titolari di partita  Iva che partecipano – ai sensi degli artt. 5, 115 e 116 del TUIR – a società, associazioni e imprese interessate dagli studi di settore, tenute ad effettuare i versamenti dei tributi risultanti dalle dichiarazioni dei redditi annuali (modello 730/2014 o UNICO PF 2014).

Che cosa. Versamento, in unica soluzione o come prima rata, dell’Irpef risultante dalle dichiarazioni annuali, a titolo di saldo per l’anno 2013 e di primo acconto per l’anno 2014, senza alcuna maggiorazione. Versamento cedolare secca, dell’acconto dìimposta del 20%, dell’imposta sostitutiva delle plusvalenze e del contributo di slidarietà.

Come. Modello F24 con modalità telematiche per i titolari di partita Iva, ovvero, modello F24 presso Banche, Agenzie Postali, Agenti della riscossione o con modalità telematiche, per i non titolari di partita Iva, utilizzando gli appositi codici tributo.

La scadenza dell’invio – Martedì 8

Chi. Centri di assistenza fiscale (CAF) e professionisti abilitati

Che cosa. Trasmissione in via telematica all’Agenzia delle Entrate delle dichiarazioni elaborate, dei relativi prospetti di liquidazione nonché delle buste contenenti le schede relative alla scelta dell’otto e del cinque per mille (ossia,modelli 730 unitamente alle buste chiuse contenenti il mod. 730-1)

Come. Invio telematico

Per ulteriori approfondimenti, la guida alla compilazione

Speciale Unico 2014

Speciale modello 730


CONDIVIDI
Articolo precedenteIl declassamento dell’ente intermedio siciliano non sarà indolore
Articolo successivoLe novità sull’Ape. Gli adempimenti per chi vende e per chi affitta un immobile

SCRIVI UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here